Come effettuare lo smaltimento Eternit a Milano

Eternit è il nome commerciale di un materiale composto da amianto, brevettato nei primi anni del Novecento, vietato per la sua pericolosità da diversi anni.

Smaltimento Eternit

Smaltimento Eternit

Smaltimento Eternit

Eternit è il nome commerciale di un materiale composto da amianto, brevettato nei primi anni del Novecento e ora vietato per la sua pericolosità.

Le fibre di amianto tendono infatti a sfaldarsi ed è molto elevato il rischio di inalarle, con conseguenti gravi patologie dell’apparato respiratorio.

Ecco perché oggi è importante, trovandosi di fronte a Eternit o ad altri materiali contenenti amianto, sapere come smaltirli nel modo corretto.

Come smaltire Eternit a Milano e in Lombardia

Per prima cosa va chiarito che le operazioni di rimozione e smaltimento dell’Eternit devono essere effettuate da ditte specializzate.

Elenchi aggiornati delle aziende che operano in questo settore si possono trovare facilmente con una ricerca sul web: a Milano possiamo citare ad esempio, tra le principali, MBA Ambiente Milano.

Vediamo come operano le ditte di fronte alla presenza di manufatti in Eternit, di solito coperture in ondulato o tubi.

Per prima cosa viene effettuato un sopralluogo che ha come obiettivo la predisposizione dei documenti da inviare preliminarmente all’Azienda Sanitaria Locale.

Quindi si procede incapsulando il materiale (dipende dalla tipologia di amianto), per evitare il rilascio di fibre, bonificando le aree circostanti e rimuovendo quindi l’Eternit.

Il materiale va quindi portato in discarica autorizzata.

É obbligatorio smaltire l’Eternit dalla mia abitazione?

Non esiste l’obbligo, per legge, di rimuovere l’amianto. Tuttavia si tratta di un materiale che può mettere a rischio la salute: è bene, quindi, prendere tutte le precauzioni del caso.

La normativa in vigore, infatti, interviene nel caso in cui le fibre di amianto possono diventare pericolose, quando cioè l’Eternit è diventato friabile e rischia, di conseguenza, di essere inalato.

In questo caso il proprietario dell’immobile è tenuto a comunicare la situazione all’Azienda Sanitaria Locale di riferimento e procedere allo smaltimento.

La sostituzione dell’Eternit a Milano

Una volta rimosso il manufatto in amianto e bonificata l’area per renderla libera da pericolose fibre di amianto si pone una questione: con cosa è possibile sostituirlo?

L’Eternit ha infatti trovato, soprattutto negli anni Settanta, un larghissimo impiego per le caratteristiche di solidità e resistenza alle intemperie (proprio dalla sua durata eterna è nato il nome).

Dal 1994, anno in cui l’amianto è stato messo al bando, il fibrocemento ha continuato a essere prodotto, ma senza l’inserimento al suo interno della pericolosa fibra come rinforzo.

Ribattezzato fibrocemento ecologico, questo materiale ha al suo interno fibre organiche e sintetiche che ne fanno un ottimo sostituto. Il materiale, infatti, mantiene invariate le caratteristiche di durata e resistenza, ma senza mettere a rischio la salute.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *