Bonus infissi: in cosa consiste e come ottenerlo

Non esiste un unico Bonus Infissi ma diverse agevolazioni indirizzate a finanziare le detrazioni previste per gli interventi sui serramenti.

La stagione estiva è certamente la più propizia per pianificare la sostituzione di infissi e serramenti, un intervento di grande rilievo per migliorare il rendimento energetico complessivo della propria abitazione.

Porte, finestre e altri sistemi analoghi, infatti, contribuiscono in maniera significativa all’isolamento termico e acustico degli ambienti; di conseguenza, sostituire infissi logori e obsoleti è un buon modo per migliorare il comfort abitativo da tutti i punti di vista.

Gli interventi di sostituzione degli infissi e le relative spese accessorie possono rientrare in diverse discipline agevolative, ossia vari tipi di bonus, erogati sotto forma di incentivo fiscale: in questo articolo vediamo quali sono, a quanto ammontano e in che modo usufruirne.

Bonus infissi: cos’è

Gli incentivi per l’acquisto e l’installazione di infissi e serramenti nuovi, come già accennato, sono regolati da discipline agevolative differenti.

In termini strettamente pratici, ciò vuol dire che non esiste un unico Bonus infissi; in realtà, il legislatore ha previsto diverse agevolazioni, destinate a finanziare le detrazioni previste per interventi edilizi più o meno mirati.

In sintesi, per la sostituzione degli infissi è possibile usufruire di:
Bonus ristrutturazione edilizia
Ecobonus
Superbonus 110%.

Sostituzione infissi con bonus ristrutturazione

Il bonus per le ristrutturazioni edilizie consiste in una detrazione IRPEF del 50%, applicabile su una spesa massima di 96.000 euro, da dividere in dieci quote annuali di pari importo.

Tale agevolazione è applicabile agli interventi indicati all’articolo 3 (commi b, c e d) del Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (DPR 308/2001), ovvero:
manutenzione straordinaria
restauro e risanamento conservativo (il consolidamento, il ripristino e il rinnovo degli elementi costitutivi dell’edificio, l’inserimento degli elementi accessori e degli impianti richiesti dalle esigenze dell’uso)
ristrutturazione edilizia (il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell’edificio, l’eliminazione, la modifica e l’inserimento di nuovi elementi ed impianti).

Inoltre, come riporta il sito dell’Agenzia delle Entrate, il bonus è applicabile anche agli interventi finalizzati all’adozione di misure di sicurezza contro atti illeciti da parte di terzi. Pertanto, anche le porte blindate, ad esempio, rientrano tra gli interventi per i quali è possibile ottenere l’agevolazione.

Il bonus viene riconosciuto al soggetto contribuente che vanta qualsiasi diritto reale di godimento sull’immobile e sostiene la spesa.

Per beneficiare della detrazione è sufficiente indicare nella dichiarazione dei redditi i dati catastali identificativi dell’immobile; inoltre, il richiedente deve poter comprovare le spese sostenute per effettuare gli interventi. In tal senso, le spese di acquisto dei serramenti devono essere saldate con bonifico bancario o postale riportante i dati dell’acquirente e del venditore.

Il consiglio, quindi, è di affidarsi a ditte specializzate, come la G. Emme Serramenti srl, azienda di riferimento per la progettazione e l’installazione infissi, serramenti e finestre a Parma e provincia.

Ecobonus e Superbonus 110%

Sia l’Ecobonus che il Superbonus 110% sono agevolazioni specifiche dedicate agli interventi di efficientamento energetico degli edifici.

La disciplina agevolativa denominata Ecobonus, come riporta il sito ufficiale dell’ENEA, prevede, per la sostituzione di infissi e serramenti, un’aliquota di detrazione pari al 50% (limite massimo: 60.000 euro). Il bonus è applicabile alle spese sostenute fino al 31 dicembre 2024; ai fini della detrazione, è necessario inviare all’agenzia, per via telematica, i dati indicati nella scheda descrittiva degli interventi realizzati.

L’intervento rientra nella disciplina agevolativa se:
• si configura come sostituzione di sistemi già esistenti (sono escluse dal bonus le nuove installazioni)
• il serramento sostituito delimita un volume riscaldato verso l’esterno o verso vani non riscaldati
• il serramento rispetta i valori di trasmittanza termica individuati dalle normative vigenti.

Il bonus è applicabile non solo all’acquisto degli infissi e dei serramenti ma anche alle spese per la fornitura, la messa in opera, la sostituzione dei componenti vetrati e le prestazioni professionali necessarie all’intervento (rilievi, progettazione e simili).

Le detrazioni che rientrano nel Superbonus 110%, rinnovato dalla Legge di Bilancio 2022, sono le seguenti:
• 110% per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2023
• 70% per le spese sostenute nel 2024
• 65% per le spese sostenute nel 2025.

L’agevolazione è applicabile anche alla sostituzione di finestre e infissi (in quanto intervento trainato). Tali interventi sono detraibili se effettuati congiuntamente con almeno uno degli interventi di isolamento termico o di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale inclusi tra gli interventi trainanti di efficientamento energetico dell’immobile. Inoltre, insieme agli interventi trainanti, devono garantire il miglioramento di almeno due classi energetiche o il raggiungimento della classe energetica più alta.

Iscriviti alla Newsletter

Potrebbe interessarti anche
Guarda gli ultimi video

Dello stesso argomento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.