Soggiorno shabby chic

Allestire un soggiorno shabby chic significa creare un ambiente accogliente che ci faccia sentire subito a casa e contribuisca a rilassarci.

Accogliente, ricercato e raffinato: lo stile shabby chic è in grado di creare ambienti di carattere e di rendere anche la casa più insignificante un’abitazione dalla forte personalità.

Uno stile caratterizzato da particolari decorazioni, da soprammobili e da un gusto inconfondibile. Cuori, stampe floreali, tessuti di pregio e ricercatezza di particolari sono solo alcune delle caratteristiche che identificano questo stile di arredo.

Realizzare un soggiorno shabby chic significa quindi creare un ambiente che ci accolga e ci faccia sentire subito a casa. Un ambiente che ci faccia venir voglia di passare sempre più tempo a rilassarci e a dedicarci alle nostre passioni.

I colori del soggiorno shabby chic

Il colore prevalente nello stile shabby chic è senza ombra di dubbio il bianco. Questo stile di arredo è infatti caratterizzato da toni chiari e pacati. Il bianco viene scelto nelle sue tonalità più calde, come il crema, l’avorio o il lino.

Accanto al bianco, per vivacizzare l’arredo, possono essere inseriti altri colori. Fondamentale è che questi colori siano pastello, polverosi, quindi non tinte vivaci e decise ma piuttosto tonalità molto chiare dei classici colori della natura, come il verde, l’azzurro e il rosa.

La verniciatura dei mobili shabby chic è poi imperfetta. Infatti il nome stesso dello stile suggerisce un fascino per il trasandato, per il vecchio. La verniciatura deve quindi far vedere il passare del tempo e presentare delle parti rovinate sui bordi e sugli angoli.

Oggigiorno si trovano mobili già verniciati in questo modo. Si tratta infatti di una tecnica di verniciatura che imita la normale usura dei mobili e si chiama decapato. Consiste proprio nel levare in modo sapiente alcune parti di verniciatura per lasciare intravedere il legno sottostante.

Lo stile shabby chic è uno stile fortemente caratterizzante e di norma se si decide di arredare una stanza della casa con questo stile, piano piano si deve convertire tutta la casa. Una guida per trasformare una casa in stile shabby chic può essere trovata sul sito elessenziale.it che offre anche alcuni consigli per risparmiare.

I materiali degli arredi shabby

L’arredamento del soggiorno shabby chic è realizzato di norma in legno massiccio. È infatti il materiale della tradizione e visto che questo stile di arredo affonda le sue radici nel passato è quello perfetto.

Il legno viene comunque tinto, anche se alle volte alcuni mobili vengono lasciati in tinta legno naturale. L’importante è che non siano la maggioranza e non abbiano colorazioni troppo scure.

Accanto al legno un altro materiale utilizzato nell’arredamento shabby chic del soggiorno è il ferro, soprattutto per le decorazioni.

Gli arredi

Alcuni arredi sono imprescindibili per realizzare un soggiorno shabby davvero riuscito.

Partiamo dal divano, il re indiscusso del soggiorno: deve essere lineare e dalle linee morbide, quindi sono da evitare i divani moderni caratterizzati da linee nette. Il rivestimento può essere a tinta unita oppure avere una fantasia floreale molto leggera.

La credenza è un altro degli arredi immancabili nel soggiorno shabby. Si tratta di un mobile composto da una base, che può essere a due, tre o quattro ante, e da un’alzata. L’alzata è caratterizzata dalla presenza di ante in vetro, in modo da lasciar intravedere il servizio buono messo in bella mostra.

Infine non si devono dimenticare gli elementi decorativi. Infatti, perché il soggiorno risulti davvero perfetto, vanno posizionati candelabri, gabbiette per uccelli e quadri che ritraggono scene di vita campestre.

Le tende devono essere in tessuti leggeri e con decorazione floreale.

Iscriviti alla Newsletter

Potrebbe interessarti anche
Guarda gli ultimi video

Dello stesso argomento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu