Come scegliere un tavolo allungabile

Il tavolo allungabile è una delle tante soluzioni salvaspazio studiate dai designers per andare incontro alle metrature limitate degli appartamenti moderni.

Tavolo allungabile Premier CrystalArt di Cattelan Italia

Tavolo allungabile Premier CrystalArt di Cattelan Italia

Perché è meglio utilizzare un tavolo allungabile?

Il tavolo è senza dubbio il mobile protagonista della zona pranzo. Con il passar del tempo le sue caratteristiche si sono modificate e, soprattutto, le sue dimensioni si sono ridotte per andare incontro alle metrature limitate degli appartamenti moderni.

Tuttavia, i designer si sono ingegnati, ideando modelli estensibili che, al momento opportuno, si possono espandere permettendo di accogliere un numero maggiore di commensali.
Si tratta di una delle tante soluzioni salvaspazio che consentono di conciliare ingombro e funzionalità grazie alla possibilità di trasformazione degli arredi.

Anche se la tua casa è grande, avere un modello di tavolo allungabile può essere lo stesso utile, nel caso in cui ti piaccia organizzare spesso pranzi e cene con molti invitati.
La soluzione allungabile si rivela inoltre ottimale negli ambienti open space dove convivono le funzioni di cucina e soggiorno.

La forma del tavolo allungabile

Le forme più diffuse di tavolo allungabile sono quella quadrata e quella rettangolare, più semplici da inserire in ogni contesto. Queste soluzioni creano però anche una sorta di gerarchia tra i capotavola e gli altri commensali.

Il tavolo tondo allungabile, invece, non crea gerarchie, ma presenta il difetto di occupare più spazio. Una via di mezzo tra queste due opzioni è rappresentata dal tavolo ovale.
Molto successo riscuotano infine in questo periodo anche le consolle allungabili.

Su Amazon puoi trovarne di tutti i tipi:
Dmora Tavolo pranzo allungabile
Generico Mambo Tavolo Ovale
Tavolo da Pranzo Allungabile.

Pensa che alcuni tavoli allungabili possono estendersi fino a 4 metri e avere una capienza di oltre 15 persone!

Come funziona il tavolo allungabile

Esistono diversi sistemi di apertura del tavolo estensibile:
con inserto centrale
a libro
a ribalta
con prolunghe laterali.

Uno dei sistemi più tradizionali è quello che prevede l’apertura proprio al centro e l’inserimento di una o due assi di prolunga. In questo modo potrai decidere di volta in volta di quanto allungare il tavolo, a seconda delle necessità.

L’apertura a libro è un sistema che prevede lo scorrimento di un lato del tavolo fino a raddoppiarne le dimensioni. Questa tipologia presenta il limite di non permettere di raggiungere dimensioni particolarmente ampie.

Nel sistema a ribalta, il piano superiore del tavolo si ribalta appunto, mentre quello inferiore scorre, in modo da raddoppiare la lunghezza complessiva.

Il sistema con prolunghe laterali prevede che queste possano invece essere agganciate su uno o su entrambi i lati del tavolo da pranzo, magari aggiungendo dei supporti se la dimensione è notevole.

Cosa valutare al momento della scelta di un tavolo allungabile

La prima cosa da prendere in considerazione quando devi acquistare un tavolo allungabile, sono le dimensioni che avrà una volta completamente esteso. Questo aspetto è importante per stabilire l’esatta collocazione che poi avrà nella stanza.

Per comprendere quale sarà lo spazio occupato una volta esteso, devi valutare anche la forma del tavolo.
Ricorda inoltre che per ogni commensale devi considerare uno spazio d’uso di 60 cm.

Ovviamente quando prenderai le misure per l’inserimento del tavolo non soffermarti solo su quelle che ha da chiuso, ma considera anche quelle massime raggiungibili, che dovranno essere tali da far entrare il tavolo nella stanza.

Per concludere il discorso in merito alle misure, tieni conto anche di quelle dovute all’ingombro che avranno le sedie.

Un altro aspetto da valutare al momento della scelta è il meccanismo di apertura, che deve risultare semplice da utilizzare e non faticoso, per non complicarti la vita.

Certamente la maggiore o minore semplicità di utilizzo va valutata anche in funzione delle volte in cui dovrai utilizzarlo nell’arco dell’anno. Se ciò avverrà spesso, è chiaro che è meglio scegliere un meccanismo davvero semplice. Se invece l’apertura avverrà solo sporadicamente, in caso di occasioni speciali, potrai anche sorvolare.

Qualunque sia la tipologia di apertura scelta, tieni in conto anche se al momento in cui dovrai estenderlo sarai da solo o potrai contare sull’aiuto di un’altra persona.

Altri fattori da valutare al momento dell’acquisto

Prendi in considerazione anche la comodità di chi si siede, che deve poter mangiare senza avere il fastidio delle gambe in corrispondenza del proprio posto. È preferibile quindi scegliere modelli in cui, anche dopo l’allungamento, le gambe del tavolo vengano a trovarsi alle estremità in modo da non creare problemi a chi è seduto.

Fai attenzione al budget a tua disposizione: un modello troppo economico potrebbe avere un sistema di apertura scomodo e non sicuro; d’altro canto, se vai alla ricerca del brand di grido e del design curato, dovrai mettere in conto una spesa un po’ più elevata.

Ultimo, ma non per ultimo, dai la giusta importanza al fattore estetico. Il tavolo deve naturalmente soddisfare appieno il tuo gusto personale, ma anche sposarsi alla perfezione con lo stile di tutto il resto della stanza.

Inutile dirti che potrai trovare tavoli allungabili sia nella versione più contemporanea sia in stile classico. Nel primo caso, vetro e acciaio la fanno spesso da padrona come materiali utilizzati, mentre nella seconda intramontabile resta la scelta del legno.





Facebooktwitterpinterestlinkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *