Open space, idee e luci LED per un’illuminazione glamour

In un ambiente open space ogni cosa deve andare al suo posto: l’illuminazione con luci LED in questo può giocare un ruolo essenziale e adesso vedremo come.

Open space con luci LED

È bello, pratico e dal grande impatto scenico: un ambiente open space ha carattere da vendere e si presta a un alto grado di personalizzazione.

Ogni cosa deve andare al suo posto, ottimizzando al centimetro lo spazio a disposizione: l’illuminazione con luci LED in questo può giocare un ruolo essenziale e adesso vedremo come.

Gli effetti ai quali è possibile ricorrere per rendere rilassante, ordinato e scenografico ogni lato di questo grande spazio aperto sono molti e tutti interessanti. Partiamo analizzando il concetto stesso di open space, tracciando un breve profilo di questa soluzione divenuta icona di stile in ambito domestico e non solo.

Non stiamo parlando di un monolocale (quello è il loft), l’open space è una porzione della casa all’interno della quale sono uniti ambienti distinti: la convivialità ci guadagna. Regole che valgono anche per gli uffici: stop a stanze singole, sì ad aree dove lavorare in armonia.

Quello dell’illuminazione è un momento cruciale, poiché a ogni area corrisponde un’attività e le cose vanno distinte. La consulenza di un illuminotecnico potrà togliere molti dubbi: le luci LED dovranno essere funzionali e correttamente direzionate.

Le regole della zona cucina e il soggiorno

A risultare protagonista dell’open space il più delle volte sarà la cucina, dove le strisce LED potranno delimitare gli spazi di movimento sfruttando il battiscopa oltre a definire le bordature dei piani di lavoro.

I faretti da incasso assicurano un’illuminazione funzionale: chi sta ai fornelli è al centro della scena, in un rettangolo ideale (senza contare il contributo della luce naturale).

Le luci LED orientabili sottolineano dettagli e aree clou, come la zona cottura o il lavello.
Occorre luce diretta, specie se la cucina ha un’isola.

L’illuminazione indiretta è più scenografica che pratica, ma la si potrà sfruttare in salotto per creare un contrasto fra i due ambienti principali. Qui si mangia e si sta insieme, si guarda la TV o si sta in relax. Il momento della progettazione è decisivo: bisogna considerare la presenza di tavoli e sedie, oggetti d’arte e mobilia. Le lampade da parete e l’illuminazione da soffitto saranno valide soluzioni, soprattutto i tubi LED – adatti a stili minimal, industriali e nordic – da posizionare su binari scorrevoli e accendere in contemporanea o in parte.

Valutate come punto luce per la zona lettura una lampada da terra con luce LED dimmerabile (potrete graduarne la potenza con l’interruttore). I faretti da orientare (detti luci d’accento non a caso) sapranno puntare l’attenzione su quadri, statue e altri oggetti d’arte.

Lo studio, l’ingresso e l’angolo bar

L’open space si può comporre anche di altri angoli, per i quali occorre pensare una corretta illuminazione.

Facciamo l’esempio dell’ingresso, che potrà essere incorniciato da eleganti plafoniere a LED, oppure della zona studio collaterale a quella del soggiorno: qui le lampade da terra e i faretti orientabili sapranno indicare la scrivania o la poltrona, senza affaticare gli occhi.

Infine uno sguardo all’area bar, dove – proprio come in cucina – si potranno sfruttare gli strip su mensole e bancone. Questa tipologia di illuminazione si caratterizza per una durata extra, oltre a un’alta efficienza energetica che rende ogni prodotto rispettoso dell’ambiente e utile a configurare un risparmio importante in bolletta.

Iscriviti alla Newsletter

Potrebbe interessarti anche
Guarda gli ultimi video

Dello stesso argomento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.