160 commenti

← Precedente pagina 4 di 4
  1. vincenzo de pippo

    salve, sto ristrutturando casa con il sismabonus e ora è arrivato il momento di pagare l asseverazione del tecnico con il bonifico parlante. Il problema è che non riesco a trovare da nessuna parte qual è la dicitura esatta da mettere nella causale del bonifico.
    grazie mille

  2. Gaetano

    Buongiorno,
    grazie per la precedente risposta.
    A questo punto mi sorge un dubbio, come è possibile distinguere in fase di dichiarazione la detrazione al 50% per ristrutturazione (detraibile in 10 anni), da quella del sismabonus (detraibile in 5 anni); anche nel bonifico parlante, per quanto ne sappia io, il riferimento normativo è lo stesso.
    Grazie

    • arch. Carmen Granata

      Credo che nei moduli per la dichiarazione ci sia una voce dedicata anche se, come dice giustamente lei, il riferimento normativo da indicare nel bonifico è lo stesso.

  3. Gaetano

    Buongiorno, nel caso di Sismabonus semplificato (50%) , che documentazione occorre presentare (o comunque produrre)?
    Nel Decreto n.58/2017 si parla di asseverazione tramite modelli di attestazione (allegato B), valutazione delle classi sismiche mediante i diversi metodi.
    Tutto questo è necessario o nel caso semplificato è sufficiente produrre il normale progetto più tutti i documenti (SCIA – Inizio Lavori – comunicazine all’ASL) ed ovviamente fatture e bonifici?
    Grazie

    • arch. Carmen Granata

      E’ sufficiente produrre la documentazione solitamente predisposta per la detrazione 50%.

  4. Ylenia

    Buongiorno, nell’ambito di un intervento di ristrutturazione della mia casa vorrei adeguarla anche sismicamente. In questo caso posso usufruire del bonus ristrutturazioni + bonus sismico (ovviamente per spese diverse)? Oppure il tetto massimo di 96.000 vale per entrambi gli interventi? Grazie

  5. Fabrizio Colzi

    Ho acquistato un fienile di cui ho chiesto la variazione di destinazione d’uso a civile abitazione. Il Comune me l’ha concessa congiuntamente alla demolizione e ricostruzione senza variazione di volume.
    Volevo sapere se potrò accedere agli sgravi previsti dal sismabonus.

    • arch. Carmen Granata

      No, perchè il sismabonus è previsto per l’adeguamento di strutture esistenti e non per la loro ricostruzione. Tuttavia può usufurire della detrazione “normale” del 50%.

  6. Pietro

    Buonasera, sto ristrutturando casa, la ristrutturazione prevede un adeguamento sismico della struttura esistente e la realizzazione del Tetto (oggi esiste solo un terrazzo). Il tecnico ha presentato i documenti autorizzativi giorno 19 Dicembre 2017, premesso che il genio civile in presenza della realizzazione del Tetto non ha accettato l’aumento di 2 classe sismiche e quindi ricado nel caso di sismabonus semplificato, ovvero 50%, volevo chiariti i seguenti punti:
    1) Una volta presentati i documenti autorizzativi è possibile effettuare già i bonifici parlanti per spese quali progettazioni (Tecnico), anticipazioni ditta che eseguirà i lavori?? o occorre attendere che il progetto sia autorizzato??
    2) La realizzazione del Tetto ricade nelle opere del Sismabonus o può ricadere nella ristrutturazione per efficientamento energetico al 65% per 10 anni insieme a cappotto e agli infissi, per la quale è sufficiente la sola dichiarazione all’ENEA?
    Grazie

    • arch. Carmen Granata

      Per la prima domanda può leggere la risposta data a Gaetano.
      La realizzazione del tetto non rientra nel sismabonus. Può rientrare nell’ecobonus se presenta particolari caratteristiche.

  7. gaetano

    Buonasera, una volta presentato il progetto agli enti competenti quando si possono iniziare ad effettuare i bonifici, ovviamente quelli per i lavori, subito dopo l’approvazione ed il conseguente inizio dei lavori, ma ad esempio il tecnico per la progettazione?? è sufficiente effettuare il bonifico parlante con la dicitura corretta anche prima dell’approvazione del progetto??

    • arch. Carmen Granata

      Gli acconti possono essere pagati in qualunque momento, non è necessario che sia fatto prima del rilascio del titolo o dell’inizio lavori.
      Tanto più la parcella del tecnico.

  8. MICHELE

    ringraziandovi ancora una volta ma tecnicamente o qualitativamente qual’e’ migliore la fibra di acciaio o la fibra di carrbonio per il consolidamento dei travetti precompressi in un solaio costituito da pignate e travetti?

    • arch. Carmen Granata

      Le ripeto che non sono questioni che si risolvono su un blog. Si affidi a un buon strutturista che le consiglierà il materiale migliore per consolidare il suo ediificio, in base alle sue caratteristiche.

    • arch. Carmen Granata

      Il sismabonus non dipende da una fibra di acciaio o di carbonio… Dipende da un insieme sistematico di interventi di adeguamento antisismico in grado di comportare il miglioramento di una classe di rischio.

  9. Michele

    Avrei bisogno di capire se ci sono dei materiali specifici o lavorazioni specifiche imposte dal sisma bonus e chi lo certifica.

    • arch. Carmen Granata

      Non ci sono imposizioni di materiali o tecniche, ma solo raggiungimento di determinati risultati, certificati da un tecnico abilitato.

  10. Andrea

    Gentile Architetto anche per il sisma bonus e quello per la ristrutturazione, così come è stato per l’eco bonus è richiesta la comunicazione all’Enea per i lavori svolti a partire dal 2018? Grazie

    • arch. Carmen Granata

      E’ quanto prvisto dalla Legge di Bilancio per il 2018, che però non è stata ancora definitivamente approvata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *