Detrazione parcella architetto e spese tecniche con i bonus casa

Cosa accade se, dopo il progetto, i lavori per il superbonus 110% non vengono più realizzati? Lo spiega l’Agenzia delle Entrate in una risposta a FiscoOggi.

Detrazione parcella architetto (photo credit pixabay.com)

È possibile la detrazione parcella architetto con i bonus casa?

In un precedente articolo vi ho spiegato perché è importante, per chi intende avvalersi dei bonus fiscali per la casa, affidarsi a un bravo architetto o comunque a un professionista del settore.
Ma gli onorari professionali sono detraibili al pari del costo dei lavori e dei materiali?

L’Agenzia delle Entrate ha confermato in diverse occasioni (si veda tra le altre la risoluzione n. 229/E/2009), che anche le spese tecniche per gli onorari dei professionisti coinvolti negli interventi di recupero abitativo sono detraibili con i bonus casa.

In base ai diversi interventi, quindi, la parcella dell’architetto, così come quella dell’ingegnere, del geometra o di altri professionisti coinvolti (ad esempio il geologo) potrà essere portata in detrazione con diverse aliquote.
Vediamo quindi quali sono le spese ammesse per ciascuna tipologia di detrazioni.

Sappiate comunque che non esistono elenchi tassativi delle prestazioni professionali detraibili, ma solo indicazioni generali, in quanto risultano agevolate tutte le spese professionali connesse alla realizzazione dell’intervento edilizio.

La prescrizione normativa è infatti l’articolo 16 – bis, comma 2, del Testo Unico delle Imposte sui Redditi che fa riferimento a spese per progettazione e per prestazioni professionali connesse all’esecuzione delle opere edilizie e alla messa a norma degli edifici ai sensi della legislazione vigente in materia.

Detrazione parcella architetto per ristrutturazione

Nella guida Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali, sono elencate tra le spese tecniche detraibili al 50%:
• le spese per la progettazione e le altre prestazioni professionali connesse
• quelle per prestazioni professionali comunque richieste dal tipo di intervento
• quelle per la messa in regola degli edifici ai sensi del D. M. 37/2008 ex legge 46/90 (impianti elettrici) e delle norme Unicig per gli impianti a metano (legge 1083/71)
• il compenso corrisposto per la relazione di conformità dei lavori alle leggi vigenti
• le spese per l’effettuazione di perizie e sopralluoghi.

Pertanto, è possibile la detrazione parcella architetto per il progetto dell’intervento ma anche per la direzione dei lavori nonché per tutte le prestazioni professionali necessarie per la richiesta del titolo abilitativo previsto.

È detraibile anche il costo delle certificazioni attestanti la conformità degli impianti installati o la messa in regola di quelli esistenti.

Detrazione parcella architetto per ecobonus

Per i lavori di efficientamento energetico soggetti a ecobonus, oltre ai normali adempimenti tecnici necessari per conseguire il titolo abilitativo necessario, la consulenza dell’architetto o di un altro professionista abilitato è richiesta per la predisposizione di alcuni documenti, quali:
• l’asseverazione attestante la conformità dell’intervento ai requisiti tecnici richiesti
• l’attestato di prestazione energetica per alcuni interventi
• la scheda informativa relativa agli interventi realizzati, redatta secondo lo schema riportato nell’allegato E o F del decreto attuativo.

Entro 90 giorni dall’ultimazione dei lavori va poi inviata una apposita comunicazione telematica all’Enea.

Gli ultimi adempimenti citati possono essere anche svolti in autonomia dal contribuente ma, nel caso in cui si avvalesse della consulenza di un architetto, di un altro tecnico, di un CAF o di un commercialista, potrà detrarre anche la loro parcella.

Detrazione parcella architetto per sismabonus

La richiesta del sismabonus prevede, oltre a quelli già descritti relativi alla progettazione e alla richiesta del titolo autorizzativo richiesto, un altro adempimento specifico.

Si tratta della relazione di asseverazione del passaggio a una o due classi di rischio sismico inferiori, fondamentale per poter usufruire dell’agevolazione. Va presentata contestualmente al titolo abilitativo e per redigerla occorre effettuare la cosiddetta diagnosi sismica.

La diagnosi sismica rientra tra le prestazioni professionali detraibili, ma solo se è seguita dalla realizzazione delle opere di adeguamento.

Attenzione: grazie alla Legge di Bilancio 2018 la diagnosi sismica è detraibile al 100% .

Detrazione parcella architetto per bonus mobili

Non ci sono indicazioni specifiche sulle spese professionali legate al bonus mobili che possono essere portate in detrazione.

Tuttavia in una sua circolare l’Agenzia delle Entrate individua tra le spese detraibili anche le consulenze per:
• gli spazi interni
• la posizione degli impianti
• la scelta dei materiali per pavimenti o rivestimenti
• i disegni degli infissi, delle porte o dei portoni
• le relative finiture interne
• gli isolamenti
• i cartongessi
• le tinteggiature.

Dall’interpretazione di questa circolare si evince che possono rientrare tra le spese detraibili anche la consulenza di un arredatore o di un interior designer.
Del resto, in un’altra occasione, la stessa Agenzia aveva precisato che le spese sono detraibili anche se a eseguire le prestazioni sono stati professionisti non iscritti agli Albi o ai Collegi.

Detrazione parcella architetto per bonus verde

Anche le spese professionali per il bonus verde sono detraibili.

Tra queste sono comprese quelle necessarie per indagini e stime del sito oggetto dell’intervento svolte da tecnici o specialisti, come:
valutazioni microclimatiche e ambientali
analisi del terreno
indagini fitoiatriche e fitostatiche sulla vegetazione eventualmente presente.

Sono detraibili ovviamente anche le spese per la progettazione degli stessi spazi verdi.

Detrazione parcella architetto per superbonus

Tra le spese agevolabili per il superbonus 110% ci sono:
• il rilascio del visto di conformità
• attestazioni e asseverazioni
• progettazione ed esecuzione di prestazioni professionali richieste dalla tipologia di lavoro da effettuare.

L’Agenzia ha tuttavia sottolineato, seguendo la linea vigente anche per le altre agevolazioni, che le spese sono detraibili solo se l’intervento a cui si riferiscono viene effettivamente realizzato.

Cosa fare per avere la detrazione parcella architetto e altre spese professionali

Gli adempimenti da mettere in atto per poter detrarre anche la parcella dell’architetto e tutte le spese professionali connesse all’intervento sono sempre le stesse previste per l’agevolazione.

Occorrerà quindi effettuare i pagamenti unicamente con il cosiddetto bonifico parlante, su cui la banca o l’ufficio postale applicheranno una ritenuta dell’8%.
Non sono ammessi pagamenti con altre modalità, come assegni o carte di credito o di debito. Queste ultime sono concesse unicamente per le spese riguardanti il bonus mobili.

Anche le fatture dei professionisti dovranno esser conservate con gli altri documenti da esibire in caso di controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Ma per tutte le altre informazioni su questo e altri bonus puoi consultare il mio e-book Guida ai Bonus Casa: Il manuale pratico sulle detrazioni fiscali per i lavori in casa.

(Prima pubblicazione 15 novembre 2018)




Iscriviti alla Newsletter

Potrebbe interessarti anche
Guarda gli ultimi video

Dello stesso argomento

190 Commenti. Nuovo commento

  • Barbara Zuccherelli
    13 Luglio 2021 19:13

    Buonasera, devo ristrutturare casa acquistata nel 2020 ed il geometra che mi segue per la pratica di ecobonus mi ha già fatto una fattura di acconto nel 2020, che ho pagato con bonifico ristrutturazione, sempre nel 2020.
    Siccome i lavori non sono ancora iniziati e nemmeno l’apertura lavori, chiedo se posso detrarmi comunque la spesa del geometra nel 730/2021.
    Grazie per la risposta

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      15 Luglio 2021 9:34

      Sì, però ovviamente se poi i lavori non cominceranno si espone al rischio di restituzione con sanzioni e interessi.

  • Scusi se la regolare fattura per spese relative a prestazioni architetto per progettazione,direzione lavori oppure altro professionisti quali coordinatore sicurezza sempre per manutenzione straordinaria con Cila, arriverà al termine dei lavori modificata magari rispetto al preventivo iniziale per eventuali extra..per quanto riguarda il pagamento degli anticipi se mi viene fornita una pro forma con numero differente da quella che sarà la fattura va bene inserire nella causale parlante questo numero (che sarà differente da quello fattura per il saldo) magari c.f. professionista,c.f.mio riferimento qualche legge e cosa altro?
    Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      9 Luglio 2021 12:04

      Non capisco perchè non si possa fare una normale fattura di acconto…

  • Buonasera Architetto,
    il condominio dove abito ha deliberato di usufruire il bonus facciate, ed ha affidato l’incarico ad un professionista per la progettazione, redazione computo metrico, e direzione dei lavori.
    Il professionista incaricato ha inviato una bozza di contratto con il suo compenso (senza ancora redarre il computo metrico estimativo, ma una presunzione dell’importo) con inclusa la modalità di pagamento del suo compenso che Le descrivo:
    “L’onorario e i compensi, di cui al presente disciplinare saranno corrisposti, in linea con l’articolo del contratto avente per oggetto il <> previa presentazione di nota pro forma, come segue:
    1. acconto pari ad € 4.200,00 (euro quattromiladuecento) + IVA e INARCASSA alla firma del presente disciplinare, per la redazione degli elaborati di cui al precedente articolo 7);
    2. acconto pari al 25% del corrispettivo a saldo + IVA e INARCASSA alla consegna dei lavori certificata dalla D.L.;
    3. acconto pari al 25% del corrispettivo a saldo + IVA e INARCASSA alla certificazione del 1^ S.A.L.;
    4. acconto pari al 20% del corrispettivo a saldo + IVA e INARCASSA alla certificazione del 2^ S.A.L.;
    5. acconto pari al 20% del corrispettivo a saldo + IVA e INARCASSA alla certificazione del 3^ S.A.L.;
    6. saldo pari al 10% del corrispettivo a saldo + IVA e INARCASSA entro 15 giorni dalla presentazione del certificato di regolare esecuzione.
    L’acconto erogato sarà certificato da una ricevuta di avvenuto pagamento e la relativa fattura verrà emessa alla firma del contratto di appalto con l’impresa esecutrice.
    Ogni singola prestazione sarà pagata entro 15 (quindici) giorni dal ricevimento.
    La mia domanda è visto che le spese del professionista incaricato sono incluse con il bonus facciate, perche il condominio deve dare un acconto di cui al punto 1 ed il 20% di cui al punto 2 prima del primo SAL? Come calcola l’acconto di cui al punto 1 se non si ha la certezza degli importi dei lavori da effettuare?
    Non si deve iniziare a pagare anche il professionista con i vari SAL?
    Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      30 Giugno 2021 19:20

      No, anzi in molte regioni è in vigore una legge sull’equo compenso per la quale non è possibile presentare un titolo abilitativo se il professionista non dimostra di essere stato pagato.
      Per quanto riguarda il “come si calcola”, le parcelle in Italia sono libere, si prende a riferimento il Decreto Parametri solo per l’importo massimo oltre al quale non si può andare.

  • Se un committente inizia un procedimento di ristrutturazione di una casa seguendo le direttive del 110% poi dopo la pratica edilizia e il rilascio del permesso di costruire vende l’operazione e si tiene la detrazione (inserita nell’atto notarile) quando può scaricarla dal suo irpef? Già subito anche se i lavori sono appena iniziati….
    Cordiali saluti

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      9 Giugno 2021 12:23

      Chiaramente può “tenersi” la detrazione solo delle spese da lui pagate, quindi suppongo quelle professionali.

  • Buongiorno Architetto.
    Sono Proprietario di appartamento al piano terra, e mia figlia dell’appartamento al piano primo e della soffitta (casa singola con due piani e soffitta).
    Stiamo per partire con i lavori di rifacimento del tetto e installazione di pannelli fotovoltaici e batterie di accumulo, quindi solo SismaBonus e Fotovoltaico.
    L’impresa mi farà lo sconto in fattura per tutti i lavori e anche per i pannelli.
    Mi rimarrebbero fuori le parcelle dell’ingegnere e del geometra.
    Posso queste pagarle cedendo il credito a un istituto di credito, nonostante per tutto il resto dei lavori ci pensi l’impresa?
    Grazie mille.
    Le auguro una buona giornata.
    Cordiali saluti.

    Rispondi
  • Buongiorno Architetto, sto ristrutturando il mio immobile ove andrò ad abitare, per fare ciò mi sto avvalendosi del supporto di un architetto. So già che la parcella del professionista beneficia del credito d’imposta è della cessione del credito con sconto in fattura ma c’è un problema, il mio architetto non ha idea di come si faccia e come poi recupera il suo 50% che non incassrra da me.
    Domande: come deve fare la fattura e che importo deve fatturare? L’intero o il 50%?
    Quale dicitura deve inserire in fattura ove si evince che mi ha fatto lo sconto del 50% in fattura?
    Fatto ciò lui cosa deve fare per recuperare l’importo non percepito?

    Rispondi
  • Buongiorno, l’architetto può fare lo sconto in fattura?
    Grazie

    Rispondi
  • Buongiorno, sto facendo una ristrutturazione straordinaria di un appartamento. Ho pagato una fattura di acconto al professionista direttore dei lavori tramite bonifico (non bonifico parlante) posso usufruire ugualmente del bonus 50%?
    grazie

    Rispondi
  • per piacere chiedo aiuto , lo studio che ha preso in incarico il lavoro del condominio per fare il cappotto con il bonus del 110 , è stato incaricato il 1 ottobre 2020 , ad oggi non hanno iniziato niente , si dice in aprile 2022 ,come primo loro chiarimento parlano del 40/50 % di spese tecniche ,dell’importo , non è stato fatto un vero controllo termico si parla di un condominio di 40 anni ,dicono che il comune non ha ancora fatto accedere a gli atti ,agenzia delle entrate non da appuntamenti ,ha chi posso rivolgermi se hanno chiesto copie catastali degli appartamenti ? e se questo studio non ci frega l’intero importo ? siamo 15 proprietari aiutatemi per piacere io ho votato contro questo studio grazie per avermi letto datemi un vostro aiuto

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      1 Giugno 2021 17:56

      40-50% dell’importo per spese tecniche non possono chiederlo, per la questione della congruità rispetto al Decreto Parametri.
      Fate presente la cosa all’amministratore.

  • Buon giorno Architetto,
    ho acquistato una nuova casa cheè ad oggi è in fase di costruzione ed ho dato incarico ad un suo collega architetto di studiare l’organizzazione interna per ciò che riguarda l’arredamento.
    Tale parcella posso secondo lei portarla in detrazione anche se non sto realizzando alcun tipo di ristrutturazione e la casa è appunto nuova?
    L’architetto non ha saputo confermarmelo.
    Grazie molte in anticipo
    Cordiali saluti

    Rispondi
  • Buongiorno Architetto, sto ristrutturando il mio immobile ove andrò ad abitare, per fare ciò mi sto avvalendosi del supporto di un architetto. So già che la parcella del professionista beneficia del credito d’imposta è della cessione del credito con sconto in fattura ma c’è un problema, il mio architetto non ha idea di come si faccia e come poi recupera il suo 50% che non incassrra da me.
    Domande: come deve fare la fattura e che importo deve fatturare? L’intero o il 50%?
    Quale dicitura deve inserire in fattura ove si evince che mi ha fatto lo sconto del 50% in fattura?
    Fatto ciò lui cosa deve fare per recuperare l’importo non percepito?

    Rispondi
  • Buongiorno, per l’inserimento dei dati sul 730, avrei tre domande da farle:
    -in quale rigo del 730 va inserito il valore della fattura pagata al geometra per la pratica CILA?
    -il rimborso della fattura è sempre su 10 rate?
    -devo indicare anche i dati catastali dell’immobile per il quale sto facendo la manutenzione straordinaria?
    Grazie molte

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      25 Maggio 2021 18:28

      Non sono un commercialista, quindi non sono in grado di dirle in quale rigo deve inserire l’importo.
      Posso cmq dirle che sicuramente vanno indicati i dati catastali dell’immobile, mentre il numero di rate dipende dal tipo di agevolazione di cui ha usufruito.

  • Buongiorno, sto acquistando una proprietà costistuita da due immobili più giardino, il tutto da ristrutturare. Mi sono rivolta ad un tecnico per quantificare il costo per la ristrutturazione e per vedere se ci sono i presupposti per usufruire del bonus al 110%. il tecnico mi ha fatto il computo metrico ma mi ha detto che non si farebbe in tempo per il bonus al 110%. Lei cosa mi consiglia?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      18 Maggio 2021 19:45

      Se “non si farebbe in tempo”, può sempre ripiegare sui bonus ordinari, che dovrebbero essere sempre prorogati e probabilmente tutti portati al 75%.

  • Per lavori di realizzazione di una tettoia di 50 mq, il geometra mi ha elencato una serie di costi (permesso a costruire €1.200 + direzione dei lavori € 1000 + genio civile € 1.200 + catasto € 600).
    La mia domanda è posso detrarli al 50% tutti assieme alle spese per la realizzazione della tettoia?
    Mi chiede inoltre di effettuare anche un bonifico al comune di € 1.300 + 150 di marca da bollo, posso detrarre anche questo al 50%?
    Grazie mille per la risposta
    Cordiali saluti

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      18 Maggio 2021 19:42

      Può detrarre tutto solo se la tettoia è da utilizzare come ricovero autovetture e ciò risulta dal permesso di costruire.

  • Buonasera Architetto,
    vorrei farle due domande:
    -devo fare lavori di ristrutturazione straordinaria del mio appartamento per i quali vorrei cedere credito a poste. L’impresa che esegue i lavori farà delle fatture seguendo SAL e l’architetto farà fatture a parte e non elettroniche, con un acconto prima dell’inizio lavori, uno a presentazione della pratica edilizia e infine a saldo.
    E’ possibile calcolare, oltre alle fatture dell’impresa, anche le fatture dell’architetto nel totale che genera il credito che si vuole cedere a poste?
    – la presenza di interventi di manutenzione straordinaria nella ristrutturazione consente di poter includere nelle agevolazioni anche tutti i lavori di manutenzione ordinaria (tinteggiature, sostituzione pavimenti, interventi falegname ecc.)?
    Grazie molte

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      4 Maggio 2021 11:50

      1. Sì
      2. Solo per quei lavori in cui sono correlati con gli interventi di categoria superiore.

    • Grazie molte.
      Il mio dubbio è che se l’impresa fa delle fatture a SAL complessive di tutto, volendo cedere il credito, andranno quindi calcolate solamente le voci di lavori straordinari e ordinari correlati tra loro? Oppure a quel punto conta il totale complessivo della spesa? Mi pare complicato enucleare le voci detraibili da quelle non. Grazie ancora

    • arch. Carmen Granata
      5 Maggio 2021 10:05

      E’ indispensabile fare fatture differenziate.

  • Buongiorno Architetto, sono un impresa in regime forfettario, nel computo metrico estimativo l’ingegnere mi dice di dover indicare l’iva, il mio dubbio essendo l’impresa esecutrice in regime forfettario l’iva indicata nel computo va persa oppure diventa tutto imponibile oppure non deve apllicarla nel computo?

    Rispondi
  • Salve Arch.
    Mi sno affidato ad una ditta dove cederemo sia il credito ecobonus 110 % e sia il 50% della ristrutturazione. Siccome ci sarà una distribuzione degli ambienti con demolizioni muri, ci comunicano che è necessario aprire una scia ad hoc, onorario arch. e relative imposte (sui 2000 euro) che non rientra nelle pratiche del 110% e del 50%, poiché effettueremo degli interventi/modifiche , questa fattura potrò dedrarla effetuando il bonifico parlante? Inoltre le risulta che non rientri già nella ristrutturazione al 50% Nel momento in cui cedo il credito alla ditta?
    Grazie
    Saluti

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      27 Aprile 2021 19:51

      Non mi risulta. I lavori interni può tranquillamente detrarli al 50% e pure la parcella dell’architetto.

  • Antonio Dura
    24 Aprile 2021 20:55

    buongiorno, sono un ingegnere in forfetario. posso applicarlo sconto in fattura – sismabonus e poi cedere credito ad un istituto bancario?
    grazie.

    Rispondi
  • Salve sono posso applicare aulla mia parcella professionale lo sconto 50 per prestazione legata a ristrutturazione rientrante in quelle che danno diritto alla detrazione? I professionisti possono applicare lo sconto in fattura o solo le imprese? Grazie

    Rispondi
  • Buongiorno, volevo sapere se posso detrarmi nel 730/201 la spesa per l’installazione di un citofono nel 2020 (mancante al momento dell’acquisto prima casa) con annesse spese ingegnere, tecnico e avvocato che ha presenziato all’assemblea condominiale. Ho le fatture ed i bonifici effettuati, ma non ho fatto nessuna comunicazione all’Ag. Entrate, non so se andava fatta. Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      23 Aprile 2021 18:48

      No. Però sarei curiosa di sapere a cosa serve l’ingegnere per l’installazione di un citofono, nonchè la presenza di un avvocato in assemblea…

  • Buongiorno, si può richiedere la cessione del credito per la parcella dell’architetto incaricato di una ristrutturazione usufruendo del bonus 50%? o si può solo detrarre?
    Grazie,
    EL.

    Rispondi
  • salve,
    ho iniziato a parlare di ristrutturazione con superbonus con un azienda edile che si farebbe totalmente carico del credito evitandomi ogni spesa. ho inviato tutte le carte e sono ok, nessun abuso,posso partecipare. fino ad ora ho solo ricevuto tramite mail una bozza(cosi chiamata a prima pagina) di computo metrico. i lavori come mi sono stati descritti a voce, non mi sembrano fatti a regola d’arte (non vorrei dilungarmi elencando i presunti difetti). la mia domanda è, se mi tiro indietro non avendo ancora firmato nulla, devo pagare qualcosa al professionista? (per intenderci nella bozza inviata ci sono inesattezze tipo: demolizione e ricostruzione cassoni di avvolgibili…che io non ho….il professionista è venuto 2 volte a chiacchierare ma non ha fatto neanche rilievi e ha praticamento fatto un copia incolla. grz

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      22 Aprile 2021 10:58

      Se non ha firmato un mandato di incarico non deve pagare nulla. Conservi cmq il computo redatto approssimativamente, quale contromisura nel caso in cui il professionsta avanzasse qualcosa per presunti “accordi verbali”.

  • ma la parcella (non fattura elettronica) emessa dal professionista incaricato per seguire i lavori e regolarmente saldata con bb parlante si vedra’ nel cassetto fiscale? se cio’ non e’ possibile come fara’ l’ade ha verificarne l’esistenza ai fini della procedura della cessione del credito tramite ad es,. a poste italiane?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      12 Aprile 2021 19:23

      Nella comunicazione di cessione lei dichiara tutte le spese sostenute (professionali e non). Poi spetterà all’AdE fare i suoi controlli.

  • Buongiorno, le scrivo per chiedere un’informazione. Sto ristrutturando un locale commerciale C/1, dunque possono beneficiare purtroppo soltanto di ecobonus 50% per la vetrina sostituita (3.000 euro). Posso portare in detrazione anche la parcella dell’architetto (2.700 euro) e la pratica ENEA (300 euro)? O c’è una percentuale da rispettare? Grazie!

    Rispondi
  • Luigi Carraresi
    3 Aprile 2021 12:27

    Buongiorno, devo avviare dei lavori di ristrutturazione per i quali intendo avvalermi delle agevolazioni previste. Il mio architetto mi manda una fattura di acconto, da dove vedo che è residente a San Marino e mi chiede di bonificare sulla sua banca di S. Marino. Mi chiedo se potrò comunque beneficiare della detrazione per le sue parcelle trattandosi di residente estero.
    Altrimenti cambio professionista.
    Grazie
    L. C.

    Rispondi
  • Alessandro B.
    24 Marzo 2021 13:03

    Bungiorno, sono un architetto che opera in regime forfettario. Posso applicare sconto in fattura per prestazioni svolte nell’ambito di lavori afferenti al Superecobonus 110%, ristrutturazione 50% e bonus facciate 90% ? Se secondo lei è fattibile, posso cedere il credito maturato ad un istituto bancario?
    Grazie

    Rispondi
  • Buonasera,
    Sto ristrutturando casa (manutenzione straordinaria) per ottenere detrazioni del 50%. Il mio architetto lavora in regime forfettario e dice che emetterà fattura senza IVA. Sulla guida dell’ADE però c’è scritto che l’IVA delle prestazioni dei professionisti deve essere al 22% per essere detraibile. Dunque può fatturare senza iva e io detrarre comunque? O c’è bisogno che fatturi con IVA al 22% in ogni caso?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      25 Marzo 2021 18:08

      La parcella dei forfettari senza IVA è tranquillamente detraibile. Non c’è scritto da nessuna parte che “l’IVA delle prestazioni dei professionisti deve essere al 22% per essere detraibile”. C’è scritto semplicemente che l’Iva dei professionisti (quando c’è) è sempre al 22% e non ha aliquota agevolata.

  • Gianpaolo
    23 Marzo 2021 9:25

    Buongiorno Architetto. Il condominio ha deciso di effettuare cappotto termico, usufruendo dell’ecobonus 110%. Ora, io comprai casa anche perchè si tratta di un edificio rivestito con piastrelle faccia vista che donano un pregio all’edificio stesso. Queste piastrelle verranno rimosse con il cappotto termico e non apposte nuovamente, poichè già lo spessore del cappotto sarà di 10cm. Posso oppormi in qualche modo alle decisioni dell’assemblea ed inoltre non permettere l’accesso per i lavori alla ditta sui miei balconi(visto si tratta di proprietà privata), anche visto il restringimento degli stessi? Grazie per la risposta.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      25 Marzo 2021 18:01

      Può esprimere il suo voto contrario in assemblea, ma se la maggioranza delibera in favore dell’intervento, non può opporsi.

  • Buongiorno Dottoressa,
    In questi giorni mi stanno installando un’impianto di fotovoltaico con accumulo e pompa di calore, ho ceduto il credito e pertanto tutte le spese compreso il termotecnico sono a carico dell’azienda produttrice dell’impianto.
    Domanda:
    Il mio tecnico per accertamenti zona boschiva e asseverazione mi chiede 500 euro più iva, quale dicitura deve mettere in fattura per poter detrarre questo importo dal prossimo 730?
    come posso risolvere
    Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      22 Marzo 2021 17:10

      Cosa intende per “accertamenti zona boschiva”?

    • Buongiorno,
      il tecnico vorrebbe scrivere sulla fattura:
      ° Controllo urbanistico e asseverazione di conformità
      °Pratica Beni Ambientali presentata e poi archiviata per installazione impianto fotovoltaico.
      come posso detrarre il 110% superbonus su questo importo seppur minore totale 500 euro più iva.
      grazie

    • arch. Carmen Granata
      25 Marzo 2021 17:58

      La pratica archiviata non può essere detratta perchè significa che non è servita ai fini del superbonus. Il resto può essere detratto semplicemente facendo bonifico parlante.

    • Buongiorno
      Grazie
      Gentilissima

  • Buongiorno, ho ristrutturato una abitazione con lavori iniziati aprile 2020 e finiti dicembre 2020. Per tali lavori ho sfruttato la possibilità di: Superecobonus 110%, ristrutturazione 50% e bonus facciate 90%. Entro la fine del 2020 ho pagato tutto, le uniche fatture che non sono state emesse nel 2020 sono quelle per l’asseverazione e per il visto di conformità. Ho i preventivi ma non ho ancora le fatture da parte dei professionisti. Le due fatture che mi emetteranno e che io pagherò rientrano nella pratica del Superecobonus 110% visto che sia l’asseverazione che il visto di conformità sono relativi ai lavori effettuati nel 2020? Va da sé che non era possibile pagare prima dell’esecuzione delle prestazioni professionali che sono state fatte, inevitabilmente, nel 2021 essendo i lavori terminati a dicembre 2020 e prima della fine lavori non era possibile espletare tali prestazioni.

    Rispondi
  • Francesca Spada
    3 Marzo 2021 20:03

    Buonasera, sono una collega, ma avrei una domanda, perchè non c’è molta chiarezza…..
    Facendo una ristrutturazione con lavori anche di efficientamento energetico (110), le parcelle professionali, vanno divise ogni lavoro che si porta in detrazione, come sostiene qualcuno, o semplicemente due, un per la detrazione 50% e l’altra riguardante i lavori del 110?
    Inoltre per i Clienti: mi risulta che vadano emesse tutte le fatture dei lavori entro la chiusura della pratica, ma il pagamento delle stesse può andare fino alla presentazione della Pratica Enea. E’ corretto secondo lei? Grazie per la risposta

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      12 Marzo 2021 19:11

      Per il superbonus gli onorari vanno suddivisi in base ai lavori perchè ci sono massimali distinti; se poi ci sono anche interventi da 50% va fatta una parcella specifica.
      Riguardo all’affermazione “che vadano emesse tutte le fatture dei lavori entro la chiusura della pratica, ma il pagamento delle stesse può andare fino alla presentazione della Pratica Enea” a me sinceramente non risulta (nè che vadano emesse entro la chiusura, nè che vadano pagate entro la comunicaizone Enea).
      Se lei ha qualche riferimento documentale su questo, potrebbe essere un’informazione utile per i lettori.

  • Salve, io ho avviato il bonus 110 tramite uno studio tecnico, mi hanno fatto tutte le progettazioni e asseverazioni, preventivo per i miei lavori di 96000€… In base a questo preventivo, lo studio tecnico mi chiede il 10% di questo preventivo per cominciare i lavori, questo 10% anticipato da me, mi verrà ridato con detrazioni fiscali… Secondo lei, è giusto pagare questo anticipo? Lo recupero realmente? Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      12 Marzo 2021 12:06

      Il 10% dell’importo lavori credo che sia il totale della parcella. Ora, è giusto pagare un acconto, ma non è usuale saldare l’intera parcella prima dell’inizio dei lavori… a meno che l’importo sia riferito unicamente alle spese per lo studio preliminare e la progettazione, nel qual caso sarebbe più normale. In ogni caso, se lei porta le spese in dichiarazione dei redditi e ha tutti i requisiti, certamente le recupera.

  • Buonasera Architetto,
    inizierò tra breve i lavori di ristrutturazione del mio appartamento con le agevolazioni al 50% ancora previste per quest’anno. Volevo gentilmente chiederle se le parcelle dei professionisti usufruiscono dell’IVA agevolata (e se si in quale misura) oppure no (in questo caso dovrebbe essere il 22%)?

    Rispondi
  • STEFANO PEDRON
    20 Febbraio 2021 16:50

    Buongiorno Architetto, sono comproprietario di un immobile e nello stesso tempo, sono il tecnico progettista incaricato; la mia domanda è: posso emettere parcella e nello stesso tempo essere beneficiario delle detrazioni 110% del Superbonus?. Avevo sentito risposte affermative a riguardo da parte di Responsabili dell’Agenzia delle Entrate che avevano parlato di possibili chiarimenti scritti mediante Risoluzioni o Guide specifiche ma forse mi sono sfuggite. Può aiutarmi?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      20 Febbraio 2021 18:39

      Che lei possa detrarre o cedere le spese effettuate non ho dubbi. Se invece intende emettere fattura verso se stesso per recuperare il credito non credo sia possibile. Quel che so per certo è che non può asseverare per se stesso, perchè le polizze coprono solo danni verso terzi.

  • Buongiorno architetto: ho un dubbio relativo alla suddivisione delle spese “comuni” ad Ecobonus 65% e Ristrutturazione 50%.
    Ad esempio: l’architetto o il tecnico che stanno lavorando alla ristrutturazione della casa, fanno un progetto unico ma che riguarda ovviamente sia spese detraibili con bonus ristrutturazione (es: impianto elettrico) che con Ecobonus (impianto termoidraulico/infissi). Devo chiedere fatture separate in base al tipo di agevolazione che voglio richiedere?
    Dubbio simile sulle spese edili di apertura e chiusura delle tracce nei muri in cui passano sia l’impianto termico (detraibile al 65%) che l’impianto elettrico (detraibile al 50%). Posso detrarre tutto come Ecobonus o la spesa va ripartita tra le due tipologie di bonus? E in che percentuale, in questo caso?
    Grazie in anticipo per la sua cortese attenzione

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      19 Febbraio 2021 19:25

      Le parcelle professionali possono essere distinte in base ai bonus di cui si intende usufruire.
      Per i lavori comuni a due agevolazioni si può scegliere di farli confluire in una o nell’altra.

  • Arch. Simone Caberti
    18 Febbraio 2021 12:23

    Buongiorno collega,
    sono un architetto italiano che vive e lavora in Portogallo. Sono regolarmente iscritto all’albo degli architetti di Oporto ma in nessun albo italiano.
    Mi trovo in questa fase nella condizione di effettuare alcuni lavori che rientrano nelle varie categorie di bonus in italia con l’appoggio di uno studio di colleghi iscritti ad un albo italiano. Le mie fatture emesse in Portogallo sono regolarmente deduttibili per i clienti in Italia?
    Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      18 Febbraio 2021 19:06

      “Detraibili” semmai… 🙂 Ho qualche dubbio: sono detraibili le spese per le prestazioni professionali connesse. Tali prestazioni sono quelle necessarie per le procedure amministrative, per le asseverazioni, l’APE, ecc., tutte prestazioni cioè “firmate” da un professionista. Se lei non può firmare pratiche in Italia, non so come le parcelle potrebbero essere giustificate. Certo, si possono considerare eventuali perizie, sopraluoghi e consulenze che, non richiedendo presentazione di un titolo, possono a mio avviso anche essere firmate da un professionista non iscritto ad albo italiano.

    • Arch. Simone Caberti
      19 Febbraio 2021 10:52

      Buongiorno,
      Grazie per la risposta e mi scusi per l’errore ma da bravo emigrante sento l’italiano corretto svanire ed al suo posto concretizzarsi un mix tra italiano e portoghese a volte imbarazzante.

    • arch. Carmen Granata
      19 Febbraio 2021 19:34

      Si figuri. “Deduttibili” è una parola simpatica… 🙂

    • Arch. Simone Caberti
      22 Febbraio 2021 19:29

      Nuovamente buona sera,
      se invece riuscissi ad ottenere il riconoscimento del titolo in italia con conseguente iscrizione all’albo degli architetti, il fatto che le fatture emesse venissero da un paese straniero, seppur appartenente all’UE, potrebbero comunque essere un impedimento o no?

    • arch. Carmen Granata
      1 Marzo 2021 19:31

      Credo proprio di no, visto che di solito l’acquisto di beni finiti o di mobili all’estero non è di ostacolo per i bonus casa, non dovrebbe esserlo neanche la parcella professionale.

  • Salve e complimenti per la sua competenza e disponibilità verso tutti. Il mio quesito riguarda una demolizione e ricostruzione con sisma+eco al 110%, vorrei sapere se le spese professionali hanno un capitolo di spesa separato oppure rientrano nei 96000€ della ricostruzione. Grazie in anticipo

    Rispondi
  • Buonasera architetto. Avrei individuato il tecnico per la fase progettuale della pratica che prevede la ristrutturazione completa di un casale per interventi sismici e di efficienza energetica. L’impresa è stata individuata ma entrerà in gioco dopo per la finalizzazione del progetto. Come mi devo comportare per gli acconti che il tecnico (i professionisti in genere) richiederà in questa fase perchè siano pienamente detraibili con il Superbonus e cedibili al primo SAL? Fattura di acconto semplice (che fa riferimento a studi di fattibilità progettuali) e pagamento con bonifico parlante con riferimento sisma e eco? Grazie

    Rispondi
  • Buongiorno, ho pagato il 30/12/2020 la parcella dell’ingegnere in relazione a lavori per i quali è prevista la detrazione per ristrutturazione edilizia. Lui emette la fattura solo adesso (4-5 gennaio 2021). Questo può comportare problemi per le detrazioni? E’ opportuno che egli indichi in fattura la data del pagamento?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      17 Gennaio 2021 18:59

      In realtà avrebbe prima dovuto emettere fattura, perchè nel bonifico parlante vanno indicati data e numero.

  • Salve,
    in merito alla risposta del 14 Dicembre 2020 in 19:47, quindi devo saldare la fattura con bonifico parlante per le ristrutturazioni edilizie?
    Grazie

    Rispondi
  • Salve,
    ho eseguito dei lavori di ristrutturazione al mio appartamento e vorrei portare in detrazione anche il compenso per l’architetto che mi ha seguito i lavori.
    L’architetto però lavora in regime forfettario, quindi non paga iva e non mi rilascia fattura ma ricevuta in carta semplice. Come posso eseguire il bonifico bancario parlante senza i dati della fattura? Anche nel caso mettessi dei riferimenti alla ricevuta, questa non apparirebbe sul sito dell’agenzia delle entrate perchè non fattura e quindi la spesa non sarebbe detraibile?
    Grazie mille.
    Filippo

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      16 Dicembre 2020 19:24

      Guardi anch’io sono nel forfettario e faccio normali fatture senza Iva, quindi dica al suo architetto di non fare il furbo.
      Per l’esattezza, però, per i forfettari non c’è obbligo di fattura elettronica, per cui le fatture non “appaiono” sul sito dell’AdE ma sono emesse solo in forma cartacea. Non vorrei quindi che quella che lei chiama “ricevuta in carta semplice” sia proprio una fattura.

  • Buongiorno,
    avrei una domanda sulla detrazione delle spese professionali relative ad un intervento di riqualificazione energetica che accede al superbonus 110%.
    Mi sono rivolto ad un architetto A, che ha svolto i sopralluoghi, progetti preliminari e computo metrico relativo ai lavori. Architetto A si avvale di una ESCO per i lavori relativi al superbonus 110%.
    Ricevuto il preventivo dei lavori ho deciso di interrompere il rapporto con architetto A (preventivo lavori fuori budget).
    Mi sono rivolto quindi ad architetto B, che ha effettuato nuovamente i sopralluoghi, il progetto preliminare e il computo metrico estimativo relativo agli stessi lavori. Ho deciso quindi di procedere con Architetto B.
    Architetto A mi ha presentato parcella per le opere professionali svolte.
    Rientra nella detrazione del superbonus 110% anche la fattura dell’architetto A essendo essa progettazione preliminare di un lavoro effettivamente svolto (come richiesto dall’agenzia) ma con diverso professionista?
    Grazie e saluti,

    Rispondi
  • Salve,
    poiché sto valutando alcuni rustici/casali da ristrutturare volevo rivolgermi ad un architetto per indirizzarmi all’acquisto effettuando uno stuidio preliminare tecnico ed economico per capire su quale soluzione optare e se rientra nel mio budget. Vorrei gentilmente sapere se questo studio preliminare vada pagato in anticipo all’architetto anche se non ho nulla di fatto in mano o sarebbe corretto pagarlo una volta verificato il tutto e quindi di fatto quando si procede per il progetto di dettaglio ed esecutivo? Tale costo risulta detraibile e in quale momento?
    Grazie mille

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      6 Dicembre 2020 17:17

      E’ l’architetto che decide quando e come essere pagato. Certamente questo studio di fatitbilità va pagato prima dell’eventuale progetto esecutivo da cui è indipendente.
      Poi potrà essere portata in detrazione la parte di studio relativa all’immobile o gli immobili che lei deciderà di acquistare e su cui intervenire.

  • Buongiorno Architetto Carmen Granata, vorrei porle un quesito.
    Possiedo una unità abitativa indipendente e vorrei usufruire dell’EcoBonus 110 per centro, per la realizzazione di interventi di miglioramento energetico sostiruzione di infissi esistenti e realizzazione del cappotto termico sull’intero immobile.
    Mi sono rivolto ad un professionista per lo studio di fattibilità. Mi è stato richiesto un importo di € 4000.00 per un accesso agli atti, per la predisposizione dell’APE e per la compilazione dei moduli di asseverazione. Dal presente preventivo è esclusa la progettazione degli interventi che sarà quantificata successivamente.
    La mia domanda è questa: questi importi che mi vengono richiesti dal tecnico per fare partire la pratica mi verranno rimborsati? Se in fase di perizia dovessero essere riscontrate delle anomalie di qualsiasi tipo, e faccio un esempio a caso delle difformità edilizie per la quale la pratica potrebbe essere rifiutata, gli oneri che precedentemente mi vengono richiesti dal tecnico li perdo?
    In attesa di un suo iscontro le porgo i miei cordiali saluti.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      1 Dicembre 2020 19:47

      Le spese tecniche rientrano nell’agevolazione, quindi potrà recuperarle con la detrazione fiscale.
      Ovviamente se dall’analisi di fattibilità scaturisce che non si può usufruire del bonus, non potrà recuperare quanto speso.

  • Buonasera, Avrei una domanda: Ho iniziato i lavori da due mesi su una proprietà su due livelli di cui sono attualmente comproprietario. Tra una settimana dovrei fare un frazionamento ed avere due unità immobiliari separate. Posso accedere per le spese già sostenute e quelle future ai Bonus (calcolo su due unità)? oppure conviene rinunciare alla spese già sostenute, chiudere la scia, fare frazionamento e ripartire i futuri costi su due unità? Grazie per un parere!

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      22 Novembre 2020 17:46

      Per fare il frazionamento deve per forza chiudere la Scia e aprire una nuova pratica.

  • architetto la ringrazio ancora per la sua risposta ma visto che il direttore dei lavori lo sceglie il condominio verrà individuata una figura che voglia fare questo tipo di agevolazione ma la mia domanda era diversa, per quanto riguarda la cessione del credito le fatture come vengono regolate? cioè provvede a tutto la banca a cui il condominio si rivolge? parlo delle varie e distinte figure come appunto dicevo società che assevera lo studio di fattibilità, ditta lavori, direttore lavori e amministratore di condominio….

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      11 Novembre 2020 12:40

      Lo studio di fattibilità viene prima e non c’entra più con la cessione del credito.
      Per gli adempimenti per la cessione serve un tecnico abilitato (che può essere lo stesso direttore dei lavori) e un soggetto che rilasci il visto di conformità (commercialista o caf).

  • Buongiorno architetto vivo in un grande condominio stiamo per iniziare l’iter per accedere al bonus 110%… la ditta interessata vuole ovviamente la cessione del credito e va bene ma come funziona per la parcella del direttore lavori visto che anche quella prevede la cessione del credito?
    la ringrazio

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      10 Novembre 2020 17:16

      Il direttore dei lavori non è obbligato a praticare la cessione.

  • Buongiorno, avrei una domanda. Sto facendo realizzare una Relazione di Conformità Urbanistica e Catastale (cosiddetta ARE, Attestato di Regolarità Edilizia) ad un geometra. Lo sto facendo per essere sicuro che l’immobile non abbia irregolarità edilizie. Infatti, voglio procedere a realizzare un cappotto termico esterno accedendo al Superbonus 110%.
    Le spese per l’ARE sono detraibili (in generale)? Le spese per l’ARE sono detraibili al 110%, visto che le faccio come attività preliminare alla realizzazione di un cappotto termico che rispetta i criteri del Superbonus? La fattura dell’ARE va pagata come bonifico ordinario o come bonifico parlante “ai sensi dell’art. 1, commi 344-347, legge 27 dicembre 2006, n. 296”? Quale causale devo inserire? Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      29 Ottobre 2020 17:00

      In base alla circolare 24, sono detraibili “la progettazione e le altre spese professionali connesse, comunque richieste dal tipo di lavori (ad esempio, l’effettuazione di perizie e sopralluoghi, le spese preliminari di progettazione e ispezione e prospezione)”.
      Direi che questo tipo di relazione può rientrare, però deve pagare con bonifico parlante utilizzando la causale per l’ecobonus o per il sismabonus in base ai lavori di riferimento.

  • Buongiorno! Compilazione pratica ENEA per ecobonus 65%. Nelle spese sostenute devo inserire oltre alle spese dei lavori comprensiva di IVA, la spesa del tecnico che redige la domanda al lordo di IVA e cassa previdenziale o al netto?
    Ringraziando anticipatamente, porgo distinti saluti

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      22 Ottobre 2020 19:52

      Anche le spese tecniche devono essere comprensive di Iva e cassa.

  • michele Malucchi
    4 Ottobre 2020 17:39

    Buongiorno,
    abbiamo appena cominciato i lavori di ristrutturazione con detrazione al 50%. Dobbiamo pagare il primo acconto allo studio (architetto e geometra) che ci ha presentato la S.C.I.A., e questi ci ha presentato una NOTULA.
    Leggo però che, per poter usufruire poi della detrazione fiscale, nel bonifico parlante devo indicare, fra l’altro il NUMERO DI FATTURA.
    Devo chiedere allo studio l’emissione della fattura (come a me pare)?
    O posso pagare sulla base della notula?
    Grazie

    Rispondi
  • Buonasera, sono un tecnico!
    volevo sapere se le spese per la Direzione lavori e il coordinamento alla sicurezza per lavori eseguiti con il 110% sono detraibili da parte del cliente? Oppure la detrazione è relativa solamente alla parte progettuale/energetica? saluti

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      1 Ottobre 2020 19:43

      Secondo me sì, perchè la circolare parla di “spese professionali connesse, comunque richieste dal tipo di lavori ” e per me queste lo sono.

  • Buonasera architetto, devo fare una pratica che comprende sia lavori di ristrutturazione (50), che lavori di miglioramento mento energetico (110%) che nuove opere non incentivate.
    Spetta al tecnico stabilire con fatture separate quale è il suo onorario in relazione alle distinte opere per consentire la detrazione di quanto previsto o vi è una normativa che stabilisce come deve essere effettuata la ripartizione.
    Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      26 Settembre 2020 15:47

      La ripartizione va fatta in base alle opere a cui sono rivolte le prestazioni. Se ci sono prestazioni ascrivibili all’una o all’altra, può decidere il tecnico.

  • Buonasera a tutti,
    Posso detrarre le spese per Elaborati tecnici per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente (istituite con legge finanziaria 296/2006) se, alla fine, non faccio nessun intervento di riqualificazione energetica? In altre parole, il pagamento del termotecnico di per sé è detraibile, anche se dopo non faccio alcun lavoro concreto?
    Grazie, Paolo

    Rispondi
  • Per detrazioni al 50% ristrutturazione, per pagare la dita, che lege/articolo devo inserire nella causale bonifico oltre fattura, piva e cf del beneficiario detrazioni.? La stessa domanda, per il professionista architetto che si è occupato della CILA? Grazie

    Rispondi
  • Buongiorno, volevo sapere se nella causale del bonifico parlante relativo alle spese sostenute per le progettazioni e prestazione professionali dell’architetto/ingegnere a seguito di opere di ristrutturazione con SCIA, è necessario inserire anche il n. di fattura oppure se è sufficiente citare il prot. della scia e la legge di riferimento sulla detrazione. Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      3 Settembre 2020 11:25

      Il protocollo della Scia non è necessario, mentre vanno messi gli estremi della fattura.

  • Ciao,
    Ritorno a chiedervi due domande, Ho gia profetto per demolizione e ricostruzione solaio, che detrarrò al 50% se tutto va bene. Vorrei sfruttare l’ecobonus per efficentare casa, quindi vorrei fare cappotto termico, cambiare infissi e installare pannelli solari, come posso fare? ovviamente mi rivolgo al mio tecnico ma per sfruttare la cessione del credito devo io rivolgermi in banca o fa tutto la ditta che eseguirà eventualmente i lavori?
    grazie ancora

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      24 Agosto 2020 19:28

      Per cedere alla banca, deve occuparsene direttamente lei.

  • Dovrei effettuare lavori per riduzione rischio sismico sulla casa unifamiliare di proprietà di mia madre novantenne. Lei ha un reddito basso e quindi l’importo che potrebbe chiedere a rimborso è molto modesto.
    Dato che io vivo con lei dall’inizio della pandemia, e continuerò ad abitare con lei, ho pensato di trasferire presso di lei la mia residenza. Se non erro, in questo caso, essendo familiare convivente, potrei chiedere anch’io il rimborso fiscale.
    Se ciò é corretto:
    – Le fatture possono essere intestate in parte a me e in parte a lei, in modo da poter chiedere a rimborso l’importo più alto possibile?
    – la pratica edilizia deve essere intestata a mia mamma, proprietaria dell’immobile?
    Grazie e saluti

    Rispondi
  • Nunzio Lanzetta
    20 Agosto 2020 15:10

    Buon giorno, ho intenzione di abbattere e ricostruire un casale già acquistato accedendo al bonus 110% sia per eco bonus che per Sismabonus. L’architetto che ho interpellato mi ha presentato preventivo per la progettazione e direzione lavori. Non abbiamo ancora presentato una domanda (che immagino sarà un permesso di costruzione e non una SCIA): come faccio a pagare i rilievi e la progettazione preliminare dell’architetto per poter detrarre queste spese? Cosa dovrei scrivere nella causale del bonifico parlante?

    Rispondi
  • Salve, mi chiamo eddy, ho presentato il progetto al comune per demolizione e ricostruzione opera civile, bonus 110%, 80mq…. ho pagato con bonifico l’ingegnere mese di novembre, poi con le attese e problema del covid-19, devo fare la detrazione e chiedo come devo comportarmi. Farlo al 110% oppure al vecchio articolo e normativa?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      11 Agosto 2020 15:15

      Vecchia normativa. La nuova vale solo per le spese fatte dal primo luglio 2020.

  • FRANCESCO CRINO'
    20 Luglio 2020 9:44

    Eseguite le indagini sui materiali ed effettuate le verifiche risulta che non è possibile (o è troppo difficoltoso) l’incremento di classe. I costi di indagini e verifiche, si possono portare in detrazione??

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      20 Luglio 2020 10:41

      Si riferisce alla classe di rischio sismico o a quella energetica?
      Premetto che la sola diagnosi, se non accompagnata dai lavori, non è detraibile, ma le ricordo che senza il miglioramento di classe energetica può cmq avere la detrazione “tradizionale”.

  • Buongiorno,
    sto costruendo una nuova abitazione in legno ex novo.
    che tipologia di spese posso detrarre? o quali ho IVA agevolata (es. progettazione, arredatrice, progetto luci, ecc)?
    GRAZIE IN ANTICIPO

    Rispondi
  • Ciao
    ho richiesto gia la scia per ristrutturare casa (rifacimento solaio) ora attendo il mutuo, dal sito agenzia entrate leggo che i lavori son detraibili ma al 36% e non piu al 50%, è vero? se è cosi basta pagare la ditta con un bonifico indicando precisamente tutto cio che è scritto in documento su sito agenzia giusto? il commercialista saprà aiutarmi immagino

    Rispondi
  • Grazie mille arch. Granata, le voglio rivolgere un’ultima domanda: le spese per il geometra vanno sommate a quelle della dtta edile o vanno indicate a parte nel rigo successivo del 730?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      5 Maggio 2020 10:50

      Possono essere sommate tutte le spese e messe nello stesso rigo, l’importante è che si abbiano fatture distinte per eventuali controlli.

  • Salve,
    mi sapreste dire in quale rigo del 730 vanno indicate le spese per il geometra?

    Rispondi
  • Buongiorno,
    nell’ambito dei lavori di ristrutturazione Facciate Condominio, si possono detrarre le spese della Direzione Lavori?
    Grazie

    Rispondi
  • buona sera,
    la parcella dell’ingegnere che ha redatto il progetto per l’impianto di riscaldamento/raffreddamento va nell’ecobonus o nel bonus ristrutturazione?
    grazie

    Rispondi
  • Manuela Franceschetto
    20 Febbraio 2020 13:08

    Buongiorno,
    Ho fatto eseguire dei sopralluoghi da parte di geologo e geometra per valutare la stabilità di casa di proprietà per decidere che tipo di interventi effettuare.
    Non ho ancora deciso se far eseguire i lavori di ristrutturazione e quindi non è stata richiesta la SCIA.
    Nel frattempo, devo pagare la parcella di geologo e geometra.
    Vorrei fare il pagamento con bonifico specifico per detrazione fiscale.
    Domanda: posso detrarre queste spese anche se non è ancora stata emessa SCIA nel caso io decidessi di avviare la ristrutturazione in un momento successivo?
    Grazie.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      20 Febbraio 2020 15:55

      Può già pagare le spese, ma potrà detrarle solo se poi farà i lavori.

  • Salve a tutti volevo chiedere, una volta che uno è arrivato alla soglia massima dei 96000 euro per ristrutturazione le spese dell’architetto si possono scaricare a parte o no

    Rispondi
  • Salve io devo detrarre la spesa del mio geometra con bonifico Io so che la posso detrarre al 50% ma devo mandare la fattura all’Enea per avere lo sgravio? grazie per la risposta

    Rispondi
  • buongiorno,
    sto facendo eseguire un progetto di ristrutturazione di una casa indipendente per ricavarne 2 appartamenti separati che saranno poi intestati uno a me ed uno a mio fratello. Al momento tutta l’abitazione è intestata ad entrambi in quanto eredi. Posso eseguire il pagamento con bonifico parlante anche se non sono sicura di eseguire poi i lavori (devo prima valutare i costi)? e se si, la fattura di progettazione, deve essere intestata ad entrambi i proprietari o posso farla intestare anche a solo uno dei 2?
    grazie in anticipo per la risposta

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      24 Gennaio 2020 15:54

      Può già pagare con bonifico parlante, ma le spese andranno in detrazione solo se poi realizzerà i lavori.
      La fattura può essere intestata a un solo proprietario.

    • grazie molte per la risposta!

  • buongiorno, ho aperto tramite nun geometra una cila per chiudere una porta in una stanza e aprirne una nuova + spostare un paio di pareti non conformi alla planimetria catastale. Per chiedere la detrazione, cosa dovrà scrivere nella fattura il geometra? grazie in anticipo.

    Rispondi
  • ho pagato una fattura al mio architetto con regolare bonifico parlante. Sulla fattura non c’è IVA è tutto imponibile IRPEF, ma la banca ha applicato un’aliquota dell’8% come se ci fosse stata l’iva al 22%… cosa posso fare per rimediare? rischio di perdere la detrazione?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      8 Gennaio 2020 16:03

      La ritenuta non c’entra nulla con l’IVA, si applica sull’Irpef.
      La banca ha agito correttamente e lei non perderà le detrazioni.

  • Lista non conformità lavori eseguiti per la ristrutturazione

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      27 Dicembre 2019 10:53

      No. Tra l’altro per poter aver le detrazioni, i lavori devono essere conformi.

  • Salve, ho dovuto far preparare una relazione tecnica da un geometra per i lavori eseguiti a seguito di una ristrutturazione edilizia con scia, ancora non chiusa.
    Posso portare in detrazione del 50%
    Grazie
    Marco

    Rispondi
  • Enzo Tricerri
    8 Dicembre 2019 21:27

    Buona sera
    una domanda. Nella circolare n. 19/E/2012 dell’Agenzia delle Entrate non riesco a trovare l’elenco delle seguenti spese detraibili come sopra indicato:
    • gli spazi interni
    • la posizione degli impianti
    • la scelta dei materiali per pavimenti o rivestimenti
    • i disegni degli infissi, delle porte o dei portoni
    • le relative finiture interne
    • gli isolamenti
    • i cartongessi
    • le tinteggiature.
    mi può aiutare?
    grazie

    Rispondi
  • salve,
    per una pratica di Conformità edilizia e agibilità, a seguito di una fine lavori di una SCIA, se viene presentata da un altro tecnico (rilevatore) che non era il progettista-DL, la fattura può essere detratta?
    Inoltre se la fine lavori della SCIA, viene fatta per esempio il 27/12/2019, e la Conformità Edilizia e agibilità viene presentata l’anno successivo per esempio il 3/1/2020, la fattura del tecnico la posso portare in detrazione?

    Rispondi
  • Buongiorno, caso di ristrutturazione con ampliamento. La fattura dell’ingegnere per i cementi armati e le pratiche sismiche possono essere portare in detrazione al 50%? Visto che si tratta di ristrutturazione più ampliamento, il calcolo della quota detraibile al 50% posso farlo in base ai metri quadrati della casa?
    Esempio
    casa finita 100 mq
    parte da ristrutturare 30 mq
    fattura ingegnere 2000 euro
    importo in detrazione 30% di 2000 euro

    Rispondi
  • salve o una domanda, il mio ingegnere lavora a regime fiscale forfettario, ora, posso io detrarre con l’articolo 16 bis, (ristrutturazione edilizia) la sua FATTURA?

    Rispondi
  • Gerardo Baldassarro
    22 Ottobre 2019 17:25

    In puglia il mio Geometra mi ha chiesto il pagamento anticipato delle spese tecniche per poter presentare un cila per ristrutturazione in base alla nuova legge contro l’evasione fiscale. La mia domanda è come faccio a mettere gli estremi della Cila nel Bonifico se devo pagarlo prima della presentazione in Comune della stessa?

    Rispondi
  • Salve,
    ho effettuato dei lavori di ristrutturazione con regolare DIA aperta in data 02/07/2014 e chiusura lavori 24/10/2017. Il mio geometra ha emesso la sua fattura nel 2018 che ho pagato con bonifico parlante. Il mio commercialista mi sta dicendo che la fattura è stata emessa con troppo ritardo e che non posso più detrarla. Le risulta? Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      22 Ottobre 2019 16:46

      A me non risulta. Si faccia cortesemente dire dal suo commercialista se a lui risulta un termine di scadenza, così possiamo confrontarci.

      P.S.: guardando però la data di inizio e fine lavori noto un’anomalia: sono passati più dei tre anni previsti, ma questo non dovrebbe inficiare le detrazioni.

  • ho effettuato lavori di ristrutturazione e al geometra avevo dato un anticipo in contanti di 300€ per il suo consenso. ora dovrei saldare la restante parte con bonifico. posso comunque chiedere la detrazione per tutto l’importo o solo quello pagata con bonifico?

    Rispondi
  • Buonasera,
    abbiamo fatto eseguire da uno studio il progetto per realizzazione acesso al lastrico, se i lavori “progettati” e fatturati non vengono eseguiti, posso comunque portare in detrazione la fatture dell’igegnere?

    Rispondi
  • Il cliente può pagare con detrazione fiscale una fattura per progettazione prima di presentare la pratica urbanistica?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      19 Settembre 2019 11:59

      Se intende pagare la fattura con bonifico dedicato per poi detrarre, sì.

  • Saverio Ceravolo
    13 Settembre 2019 14:20

    Salve,
    tutto chiaro. Solo una domanda. Pratica di ristrutturazione edilizia con apertura CILA da parte del Geometra.
    L’iva sulla prestazione del geometra è al 22% corretto? Per portare in detrazione la sua fattura ok il pagamento con bonifico parlante ma nella descrizione è opportuno che ci siano riferimenti particolari tipo il numero di protocollo della CILA o altro oppure basta un generico “CILA lavori via …..”?
    grazie per la risposta

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      13 Settembre 2019 16:43

      L’Iva per il geometra è al 22%. Non è obbligatorio, ma nell’oggetto della fattura è opportuno mettere i riferimenti della Cila (data e n. di protocollo).

  • Buongiorno architetto,
    volevo chiederle cortesemente una informazione.
    Qualche giorno fa è stata comunicata la chiusura dei lavori di manutenzione straordinaria e la fattura dell’ingegnere che ha seguito i lavori e posteriore a tale data.
    Posso avere problemi nella detrazione di tale compenso?
    Grazie
    Leo

    Rispondi
  • Stefano Bettin
    31 Luglio 2019 7:24

    buongiorno, ma tutte le spese tecniche (architetti, ingegneri, geometri etc.) sostenute in regime di PRIMA CASA possono essere portate in detrazione? tutte le altre spese come prima casa hanno il 4% di iva ma queste fatture a professionisti hanno l’aliquota del 22% e nessuna agevolazione. è possibile almeno portarle in detrazione nella dichiarazione dei redditi? NO RISTRUTTURAZIONE: prima casa

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      31 Luglio 2019 10:47

      Cosa intende con “NO RISTRUTTURAZIONE: prima casa”? Se intende costruzione prima casa, le parcelle non sono detraibili, così come non lo sono i lavori.

    • Stefano Bettin
      31 Luglio 2019 12:04

      intendevo ri-sottolineare che il caso non è quello di una ristrutturazione di una casa ma della sua costruzione da zero. e si tratta di prima casa, per la quale lavori e parcelle come dice lei non sono detraibili, ma almeno si pagano con iva al 4%. . mentre le parcelle dei professionisti si pagano al 22%. quindi senza nessun tipo di agevolazione per il committente. ma non posso costruire la casa che sono agevolato a costruire al 4% senza i professionisti che la progettano etc. Quindi mi chiedevo se fosse almeno possibile scaricarle queste spese tecniche. grazie per la risposta

    • arch. Carmen Granata
      31 Luglio 2019 16:34

      Mi dispiace, ma gli onorari dei tecnici non sono detraibili per nuove costruzioni. Le uniche detrazioni vigenti sono quelle per interventi sull’esistente.

  • Giacomo Tedeschi
    26 Luglio 2019 19:55

    se un architetto è in regime forfettario e gli viene applicata la ritenuta del8% sulla prestazione che il cliente detrae fiscalmente, la perde o la recupera?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      29 Luglio 2019 11:31

      In che senso “perde o recupera”? La ritenuta è un anticipo sulle tasse. E’ chiaro che, in sede di dichiarazione, in base a quanto dovuto, si vedrà se l’architetto avrà diritto a un rimborso.

    • Salve, ho presentato la Cila e l’architetto mi ha fatto la fattura, posso portarla in detrazione? Il bonifico deve essere parlante cliccando la casella patrimonio edilizio?

    • arch. Carmen Granata
      24 Giugno 2021 12:46

      @Calogero: Sì.

  • vincenzo betti
    10 Giugno 2019 12:51

    A quanto ammonta, l’aliquota iva per la parcella del professionista (direttore lavori) per la direzioni lavori di manutenzione di un immoble. grazie 22/100 o 10/100.
    Grazie

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu