125 commenti

  1. Sonia

    Buonasera arch., vorrei porle un quesito. Mio padre ha un immobile ancora in costruzione che vorrebbe donarmi, essendo ancora in costruzione, posso avere le agevolazioni di prima casa, non sono proprietaria di altri immobili, la mia residenza è stabilita nell’immobile di proprietà di mio padre, dove lui usufruisce delle agevolazioni.
    Grazie mille.

  2. andrea

    Salve,
    sono proprietario di 2 porzioni di immobile colonica da ristrutturare acquistati nel tempo senza agevolazione prima casa, e mi trovo adesso a compare l’ultima porzione prima di procedere all’unificazione e alla ristrutturazione dell’unità abitativa. Posso acquistare quest’ultima porzione di immobile con l’agevolazione prima casa di cui non avevo mai usufruito andando poi ad accorpare il tutto? Su internet non trovo riscontro in nessun interpello che abbia il mio specifico caso.

  3. Germano

    Buongiorno, architetto, vorrei chiederle un parere sulla mia attuale situazione: sono proprietario di un primo appartamento dal 1970 (acquistato senza usufruire di beneficio fiscale prima casa); a giugno 2019 ho acquistato un secondo appartamento con beneficio fiscale prima casa. Nel frattempo ho messo in vendita il primo appartamento ma è ancora invenduto. A giugno 2020 prenderò formalmente la nuova residenza e la dimora nel secondo appartamento. Secondo lei come devo comportarmi per il pagamento di IMU e TASI? Specifico la domanda: secondo lei per quale periodo devo pagare IMU e TASI per il primo appartamento e per quale periodo devo pagare per il secondo? La ringrazio in anticipo se può darmi il suo parere.

    • arch. Carmen Granata

      Premetto che da quest’anno la Tasi non c’è più, ma è stata accorpata in un’unica imposta con l’Imu.
      Ciò premesso, chiaramente dovrà pagare per la nuova casa fino a giugno e poi da tale data, smetterà di pagarla e inizierà a pagarla per l’altra finchè non la vende.

  4. angela

    Buongiorno. Io e mio marito in comunione di beni abbiamo acquistato casa dove abbiamo attualmente residenza con il nucleo familiare. Dovendo trasferirmi per lavoro ho trovato una casa che vorrei acquistare.
    Posso acquistarla come abitazione principale per me trasferendo la mia residenza e cedendo il 50% della vecchia casa a mio marito? anche se siamo in comunione di beni? le mie figlie stanno terminando le scuole superiori e non volevamo creare loro problemi con un trasferimento entro un anno…

    • arch. Carmen Granata

      A prescindere dalla comunione dei beni, se sono trascorsi 5 anni dall’acquisto, non può più usufruire dell’agevolazione prima casa.

  5. Alfredo Amore

    Buongiorno. Mia moglie nel 1996 ha acquistato, con le agevolazioni prima casa, una abitazione indipendente in provincia di Napoli (Somma Vesuviana). In seguito, nel 1998, ha acquistato con me un appartamento a Ferno (VA) come seconda casa. Dal 2013 risiede con me, in un appartamento di mia proprietà – prima casa per me – a Lonate Pozzolo (VA). Ai fini fiscali e di interventi migliorativi/ristrutturazione come si deve considerare il tutto? Grazie

    • arch. Carmen Granata

      Se il quesito riguarda le detrazioni fiscali per ristrutturaizone, non si preoccupi, perchè le agevolazioni non sono legate al concetto di prima casa.

  6. Raika

    Buongiorno, abito in un appartamento di mia proprietà nel quale ho la residenza. Ho acquistato una casa grezza (senza beneficiare logicamente delle agevolazioni di prima casa). Il progetto è di ristrutturarla ma non so ancora se trasferirò la residenza. Chiedo gentilmente a cosa ho diritto in termini di agevolazioni fiscali se:
    – ristrutturo e trasferisco la residenza (entro quanto tempo lo devo fare dalla fine dei lavori?)
    – ristrutturo e decido di dare in affitto l’immobile.
    Inoltre dovrei chiedere anche un mutuo… quale la differenza nelle due ipotesi?
    grazie mille
    Raika

    • arch. Carmen Granata

      Per edifici allo stato “grezzo” non si parla di ristrutturazione, ma di completamento. Quindi, non ci sono agevolazioni fiscali.

  7. Rossella

    Buongiorno. Risiedo in una casa dei miei suoceri in comodato d’uso gratuito. Sono proprietaria del 16% della casa dei miei genitori per successione a mio padre. In tale casa vive mia madre, la quale ha usufrutto per intero. Vorrei comprare un appartamento in un comune diverso da quello di residenza. Posso farlo con l’agevolazione prima casa?

    • Ilaria

      Buongiorno.
      Risiedo in una casa in affitto in cui ho la residenza con il mio compagno.
      Sono proprietaria di una porzione della casa dei miei genitori, ricevuta per morte di mia madre nel 1994, in tale casa vive e risiede mio padre e mi sorella.
      La casa in cui è mio padre è in un comune diverso dal mio.
      Vorrei comprare una casa con il mio compagno Posso farlo con l’agevolazione prima casa?
      Grazie

  8. Tiziano

    Buongiorno,
    nel 2011 ho acquistato con mutuo una casa con la mia ex moglie come prima casa e abitazione principale.
    ora dopo la separazione legale, vivo in un altro comune in affitto ma vorrei acquistarne una per viverci. come posso fare per far si che questa sia la mia prima casa?
    devo cedere la mia quota dell’altra alla mia ex o posso cederla i miei figli? ma poi se loro vogliono comprarne una avranno lo stesso mi problema di oggi?

  9. Luigi Santo

    Salve, sono proprietario di un’abitazione acquistata con i agevolazioni prima casa, la casa e accatastato mtq 40, ma essendo dotato di muratura perimetrale, spessore un metro,… riportato sua atto notarile (come in realtà è) mtq 30,
    Avendo necessità di una casa più grande, cambiando destinazione d’uso (ufficio) DOPO, Comprando casa un pochino più grande, posso usufruire dell’agevolzione prima casa…???

  10. Alessandra

    Buongiorno sono separata ma non legalmente ho il 50% dell immobile con il consorte. Vorrei potermi comperare un piccolo appartamento per andarci a vivere ma tutti mi dicono che mi risulterà come seconda casa.. Come posso fare. Grazie

    • arch. Carmen Granata

      L’unica soluzione è disfarsi di quel suo 50% di proprietà (potrebbe ad esempio donarlo a un figlio, se c’è).

  11. andrea

    Scusi ma se anche donando la casa ai miei fratelli devo comunque pagare l’IMU, quale sarebbe il vantaggio di fare una donazione??

    • arch. Carmen Granata

      Mi scusi, forse avevo capito male. Per “cederla gratuitamente” avevo capito “cederla in comodato gratuito” (restando quindi proprietario).
      Se invece vuole “donarla”, naturalmente non pagherà più niente perchè non sarà più proprietario.
      Cosa convenga di più, dipende dai costi. Se per la rinuncia preferisce ricorrere al tribunale, i costi dovrebbero essere inferiori rispetto a una donazione, ma le consiglio di chiedere cmq dei preventivi a un notaio.

  12. andrea

    Buonasera, sei mesi fa è mancata mia madre, io e altri 5 fratelli abbiamo ereditato la casa, due di essi vivono in quella casa, gli altri quattro no, io sono l’unico che non vive nello stesso comune, vivo in un’altra regione, devo pagare lIMU come seconda casa? E se nel frattempo volessi acquistare una casa in un terzo comune ed affittarla, sarebbe terza casa??? Se la casa di mia madre risultasse mia seconda casa che differenza c’è tra non accettare l’eredità e cederla gratuitamente ai miei fratelli?

    • arch. Carmen Granata

      Lei deve pagare IMU per la sua quota come seconda casa. Se cede gratuitamente la casa ai suoi frateli è cmq proprietario e deve sempre pagare, se invece non accetta l’eredità ovviamente non sarà proprietairo e non avrà alcun dovere a riguardo.

  13. Monica

    Sono proprietaria di una casa e qui ho la residenza con la mia famiglia. Per ragioni lavorative mio marito ha dovuto prendere un appartamento in affitto in altra città ma non ha cambiato residenza. solo domicilio. Ora, a distanza di un anno, avremmo deciso di trasferirci tutti nella nuova città (per adesso in affitto, in seguito cercheremo una casa da acquistare). Quindi, prendendo la nuova residenza come verrebbe considerata la casa di proprietà, sempre prima casa? (stiamo anche valutando di metterla in vendita). Che tasse dovremo pagare per entrambe le case? Grazie

    • arch. Carmen Granata

      Spostando la residenza, la casa di proprietà non sarà più esente ai fini IMU. Per la casa in affitto dovrete invece pagare Tari e quota Tasi destinata all’inquilino, se dovuta.

  14. matteo

    buongiorno,
    vorrei comprare un appartamento e volevo chiedere se, detendendo il 25% di quote della casa in cui vivo da sempre con mia madre (quota ereditata dopo il decesso di mio padre), posso usufruire cmq del bonus prima casa… grazie

    • arch. Carmen Granata

      Sì, può usufruire dell’agevolaizone prima casa, ma entro un anno deve cedere il suo 25% di proprietà sull’altro immobile.

    • Matteo

      Devo fare la rinuncia dell eredità o cederla a titolo gratuito a mia madre? e una volta rinunciato all’eredità, essendo figlio unico, una volta che lei nn ci sarà piu potró comunque ereditarla..?

    • arch. Carmen Granata

      Non deve rinunciare all’eredità. Deve cederla, a titolo gratuito o a pagamento, in modo da avere poi i requisiti per l’acquisto della prima casa.
      Poi tra 1000 anni potrà cmq di nuovo ereditarla.

  15. Giulio

    Buongiorno, vivo in una casa di cui non sono unico proprietario (parte è di mia sorela). Se volessi comprare una casa solo mia nel mio stesso comune posso usufruire delle agevolazioni per prima casa?

  16. Sabina

    Buongiorno vorrei dei chiarimenti per quanto riguarda il pagamento Imu.
    Dunque mia mamma anni fa ha acquistato una casa in corte, e lo ha dato a me in comodato d’uso e ho l’invalidità civile del 60/100 e sono disoccupata, ma lei abita in una casa popolare di cui paga affitto, ed è vedova percepisce la pensione minima di mio papà, quindi la mia domanda è: lei è proprietaria di UNA sola casa e non dove abita lei nelle case popolari di cui è in affitto, perché paga IMU?
    Grazie e distinti saluti.

  17. Saverio

    Buonasera, sono proprietario di un solo appartamento con mutuo, ho visto una nuova casa che mi piacerebbe acquistare sempre con mutuo e usufruendo delle agevolazioni per la prima casa, ma non ho ancora venduto L appartamento precedente, vorrei sapere se esiste qualche soluzione per usufruire delle agevolazioni in attesa della vendita, Non vorrei perdere questa Nuova casa

    • arch. Carmen Granata

      E’ sufficiente che rivenda la casa che possiede attualmente entro un anno dall’acquisto della nuova.

  18. Teresa

    Salve, sono proprietaria al 50% di un appartamento e L altro 50% è di proprietà di mio marito, lo acquistato insieme prima del matrimonio con mutuo, abbiamo ottenuto tutte Le agevolazioni per la prima casa, la mia domanda è questa: vogliamo acquistare un altra casa con un secondo mutuo e donarla al nostro bambino di 1 anno, essendo per lui una prima casa possiamo usufruire di nuovo delle agevolazioni fiscali per la prima casa? Inoltre pagheremo L imu?

  19. Nicola

    Buonasera.Leggendo l’articolo da Lei pubblicato (“Cosa si intende per prima casa”) ho compreso che si debba intendere, come prima casa, anche quella eventualmente avuta per successione o donazione e non solo per acquisto.
    Nel mio caso, sono proprietario di una casa acquistata come prima casa e che ha anche i requisiti di abitazione principale (residenza ecc.) ma, per successione, ho eriditato, per l’appunto, parte (% di quota) delle 3 case che avevano i miei genitori, site però in un comune diverso da quello in cui abito e risiedo. Le domande sono:
    1) almeno una di quelle 3 case avute in eredità per successione poteva essere considerata, ai soli fini fiscali, come prima casa?
    2) se sì, quali importi avrei dovuto pagare per la successione? (imposta ipotecario/successione).
    3) E’ stato corretto aver pagato la successione per tutti e tre gli immobili come seconde case, pur se ubicate in un comune diverso dal mio?
    4) Su quelle tre case è corretto che io paghi la mia percentuale di TASI e IMU e TARI?
    Grazie. Nicola

    • arch. Carmen Granata

      Essendo già proprietario di un altro immobile, non può considerare nessuna delle altre case come prima casa.

  20. Lisa

    Buongiorno sono proprietaria di un immobile che ha beneficiato delle agevolazioni prima casa, tra qualche mese mi sposo e vorrei sapere se posso rendere pertinenziale un box acquistato dopo le nozze in comunione di beni. Il mio fidanzato ha già usufruito delle agevolazioni per la prima casa ed è tuttora proprietario con l’ex moglie di un altro immobile. Grazie.

    • arch. Carmen Granata

      Ho alcuni dubbi sulla possibilità di rendere pertinenziale a una proprietà esclusiva un immobile acquistato in comunione. Le consiglio di chiedere a un notaio.

  21. Massimiliano

    Buongiorno,
    abito con mia moglie in un appartamento di proprietà di mia moglie e siamo in regime di comunione dei beni. Voglio acquistare nello stesso Comune in cui abito, ed in cui ho la residenza, un appartamento e non posseggo altre proprietà immobiliari. Posso usufruire delle agevolazioni fiscali prima casa?

    • Massimiliano

      Il mio dubbio nasce dal fatto che in regime di comunione di beni mi sembra di avere capito che automaticamente io abbia acquisito la titolarità dell’abitazione acquistata da mia moglie. Ora è possibile che questa titolarità acquisita in modo involontario mi impedisca in qualche modo di accedere alle agevolazioni per un nuovo acquisto?

    • arch. Carmen Granata

      Dipende: se sua moglie ha acquistato dopo il matrimonio, è così. Se invece ha acquistato prima o ha ricevuto l’abitazione in donazione, risulta unica proprietaria.

    • Massimiliano

      Provo a complicare la questione. Mia moglie ha acquistato un primo appartamento prima del matrimonio e successivamente, dopo il matrimonio, ne ha acquistato uno adiacente che abbiamo provveduto ad unificare poi al primo. Quindi ad oggi vi è una sola abitazione derivante però da un doppio acquisto effettuato in tempi differenti. Posso usufruire delle agevolazioni?

  22. Giovanni

    Nel 1996 ho comprato come prima casa usufruendo delle agevolazioni fiscali una casa in Friuli, in seguito per motivi di lavoro nel 1999 sono stato costretto a trasferirmi in Toscana a Firenze. Vorrei comprarmi la casa a Firenze, la città dove vivo ho trovato lavoro e sono residente e farla divenire prima casa ma c è un problema, la casa in Friuli non riesco a venderla in nessuna maniera.
    La casa a Firenze quindi deve diventare per forza mia seconda casa? Oltre l’ipotesi di vendita o fare una donazione (ipotesi per ora impossibili) della mia casa in Friuli non esistono altre alternative al mio problema?

  23. Marilisa

    Buonasera, sono unica proprietaria di un appartamento per cui beneficio delle agevolazioni fiscali come prima casa.
    Ora lo sto vendendo per acquistarne un altro usufruendo degli stessi benefici (consapevole che nel momento in cui acquisto ho un anno di tempo per vendere).
    Ciò premesso, la domanda che faccio è questa: Ho i requisiti per richiedere nell’azienda dove lavoro da più di 10 anni l’anticipo del TFR (mai chiesto prima) per acquisto prima casa? Mi hanno detto che essendo già proprietaria non potrò mai più richiedere l’anticipo del TFR per questo motivo.
    Cioè secondo loro se nell’arco della mia vita sono già stata proprietaria di un immobile, viene inteso solo e unicamente quello come prima casa e quindi non è necessario l’anticipo del TFR perché tramite la vendita avrò liquidità e potere d’acquisto sufficiente.
    Grazie.

    • arch. Carmen Granata

      A mio avviso, nel momento in cui le vende la casa e non è proprietaria di alcun immobile, ha i requisiti per richiedere il tfr.

  24. Carlo Marelli

    Sono proprietario per una quota (11% per eredità) dell’abitazione in cui risiedo (che è prima casa di mio padre). Devo denunciare l’immobile ai fini IMU e nel 730 ?

  25. Fabio

    Buonasera sono proprietario al 50% di un immobile, con relativa residenza nel comune dov’è situato l’immobile, ma tutt’ora vivo in affitto in un altro comune. Mi spetta pagare l’IMU? Grazie

  26. michele

    Salve, abito in una casa di proprietà di mia moglie e siamo in regime di separazione di beni. Voglio abbattere e ricostruire, affidando i lavori in permuta ad una ditta, un vecchio immobile attualmente di proprietà di mio padre che però vuole donarmi. Posso considerare la casa da ricostruire/ricostruita come prima casa. I comuni in cui sono ubicate le due case, quella di mia moglie e quella da ricostruire sono diversi.
    Grazie mille

    • arch. Carmen Granata

      Sì, purchè fissi la residenza in questa casa entro 18 mesi dalla sua ultimazione.

  27. Rosario Pellegrino

    ho goduto dei benefici prima casa nel 1994 per l’acquisto di un immobile di soli 22 mq. Ora sto per acquistare un immobile nello stesso comune. Non posso far nulla per rendere il monolocale seconda casa e acquistare il nuovo immobile come prima casa?
    Grazie

    • arch. Carmen Granata

      Per godere dei benefici prima casa deve trattarsi del primo immobile di cui si viene in possesso. Quindi non si tratta di affibbiare un’etichetta all’altra casa. Per goderne di nuovo, dovrebbe vendere il monolocale.

  28. Loran

    Buongiorno, i miei genitori vogliono donare la casa al 50/50 a me e mia sorella, nella casa ci continuerà ad abitare mia sorella mentre io vivo con mia moglie in una casa in comodato gratuito dei genitori di mia moglie. Il 50% della casa dei miei la devo considerare come prima o seconda casa?
    Grazie

    • arch. Carmen Granata

      Ai fini IMU è seconda casa, ma per la donazione, se non ha altri immobili, potrà godere delle agevolazioni.

  29. Zaher

    Buongiorno arch.

    io e mia moglie abitiamo in un appartamento intestato a mia moglie (casa 1), ora vorrei acquistare da mia moglie questo appartamento perché lei acquisterà un altro immobile (casa 2) nello stesso comune, il nuovo immobile sarà la nostra prossima residenza, mentre l’appartamento che comprerò io lo metteremo in affitto. sono passati più di 5 anni dall’acquisto di casa 1, acquistata con agevolazioni prima casa da mia moglie appunto.
    1. può mia moglie vendermi casa 1 ed usufruire delle agevolazioni prima casa per quanto riguarda casa 2?
    2. posso usufruire di agevolazioni prima casa per casa 1 ed affittarla?
    3. siamo costretti a fare un contratto di compravendita oppure può farmi donazione di casa 1?

    grazie mille per la sua disponibilità

    • arch. Carmen Granata

      Per prima cosa deve esserci il presupposto di separazione dei beni. In tal caso:
      1. sì
      2. se non possiede altri immobili, sì
      3. sua moglie può anche donare.

  30. Ilaria

    Buongiorno,
    sono co-proprietaria (possiedo 1/5) di un appartamento nel mio comune di residenza, ma non vi abito, Abito in affitto in un altro appartamento.
    Volessi acquistare una casa, potrei comunque:
    – chiedere al mio datore di lavoro un anticipo sul TFR per acquisto prima casa?
    – usufruire di eventuali sgravi/agevolazioni?
    Oppure sarei costretta a cedere il mio quinto a uno degli altri co-proprietari?
    Grazie mille, buona giornata

  31. DANIELE STRAZZABOSCHI

    buongiorno. abito con mia moglie e mia figlia in un appartamento di proprietà di mia moglie e siamo in regime di divisione dei beni. Vorrei acquistare nello stesso Comune un appartamento da ristrutturare e non ho altre proprietà immobiliari. Mi spettano le agevolazioni fiscali prima casa inclusa la detrazione delle spese per ristrutturazione? Grazie

    • arch. Carmen Granata

      Sì. In ogni caso, le detrazioni per ristrutturazione non sono legate al requisito prima casa, si possono avere sempre.

  32. ros

    Prima ho acquistato un box senza alcune agevolazione. Poi dopo qualche anno ho comprato casa con le agevolazioni di prima casa.
    La casa sopra è anche l’abitazione principale.
    Posso considerare il box acquistato prima come pertinenza della mia abitazione, visto che sono vicini.

    • arch. Carmen Granata

      Il vincolo di pertinenzialità deve essere sancito con un atto notarile.

  33. Giorgio

    Ho ereditato dal coniuge un immobile al 25% (l’altro 25% al figlio) ed io posseggo già il 50% ed è l’abitazione principale oltre ad essere anche la prima casa (anche se acquistata nel 1975 e quindi non so esistevano le agevolazioni). Posseggo anche usufrutto su altro immobile nello stesso comune per seconda casa acquistata successivamente senza le agevolazioni.
    Domanda: posso chiedere l’agevolazione prima casa nel pagamento imposte ipotecaria e catastale?

  34. Donatella Pini

    Una persona cui era stato intestato un appartamento che poi è stato venduto (nel 1995 ca.) può oggi acquistare un appartamento con i vantaggi della prima casa? Attualmente non possiede alcun immobile.
    Grazie per la risposta

  35. Alesssndro

    Sono proprietario al 50% di un immobile avuto in donazione. Affidato dal tribunale con sentenza di separazione ai figli ed ex coniuge. Posso usufruire delle agevolazioni aquisto della prima casa volendo aquistare una casa nello stesso comune di residenza?

  36. raffaele

    sto vendendo un immobile comprato con le agevolazioni della prima casa, sono passati più di 5 anni dall’acquisto, se dovessi comprare casa un’altra volta posso usufruire delle agevolazioni come prima casa? Grazie

  37. Simo

    Salve, vorrei acquistare un appartamento nel comune in cui lavoro, che si trova in comune e provincia diverse da quelle di residenza.
    Non ho altre case di proprietà, ma non vorrei prendere residenza nella casa acquistata.
    Posso comunque accedere a qualche agevolazione?
    Grazie.

  38. sergio

    Nello stesso comune ho residenza in una casa (in usufrutto) la cui nuda proprietà è di mio figlio il quale risiede in un appartamento (in usufrutto) di mia proprietà (nuda proprietà). Se, ed eventualmente chi, deve pagare l’IMU?

  39. Adriano

    Salve ho un piccolo quesito su questo tema. Due anni fa, con il decesso di un genitore ho ereditato una quota della casa di famiglia, nella quale non vivo. Non avendo altre proprietà, per la successione ho richiesto l’agevolazione prima casa ai fini dell’imposta di registro.
    Oggi sono in procinto di acquistare la mia prima casa dove andrò a vivere, nello stesso comune in cui è la casa che posseggo pro quota, e mi chiedo se al rogito dovrò pagare l’imposta di registro al 2% o al 9%, se altresì sarà dovuta l’imposta sostitutiva del 2% sul mutuo che chiederò (invece dello 0,25), e se ci saranno altri risvolti fiscali sulla tasi per esempio o sulle utenze domestiche. Grazie Adriano

    • arch. Carmen Granata

      L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che il godimento dell’agevolazione in sede di successione non preclude l’ accesso alla stessa in caso di successivo acquisto a titolo oneroso.
      Quindi lei potrà avere tutte le agevolazioni legate all’acquisto della prima casa.

  40. Olivia

    Salve avrei bisogno di alcuni chiarimenti. Io sono proprietaria di un appartamento, risulta come prima casa. A fianco la mia famiglia ha un altro appartamento (l’interno a fianco) e per varie situazioni famigliari io abito in questo e assieme a me da qualche mese mio marito. La residenza da che mi è stato donato l’appartamento l’ho spostata lì ma di fatto abito all’interno accanto e anche mio marito l’ha dovuto spostare dove avevo la mia. Il fatto che risulti residenti nell’appartamento di mia proprietà ma abiti di fatto in quello a fianco costituisce un “illecito”? E la dimora abituale dovrebbe coincidere con la residenza anagrafica? Grazie tante delle delucidazioni.

    • arch. Carmen Granata

      Non è un illecito, ma è comunque una situazione irregolare. Di solito il domicilio differente dalla residenza è contemplato in casi come esigenze di lavoro, ecc..

  41. Giampaolo

    Buongiorno,
    sono proprietario di 1/3 dell’abitazione dove risiedono i miei genitori (suddivisa tra i tre figli, me compreso), ma risiedo e lavoro altrove, e sto valutando l’acquisto di un appartamento: questo sarà considerato prima o seconda casa?
    Grazie mille in anticipo!

    • arch. Carmen Granata

      Se questo immobile di cui è comproprietario non è stato acquistato con le agevolazioni prima casa, la casa da acquistare sarà considerata prima casa.

  42. Simone

    Salve, ho richiesto l’anticipo del tfr versato come fondo pensione integrativo per ristrutturare l’appartamento dove abito che è a nome di mia moglie in quanto la considero la mia abitazione principale, ma mi dicono che non è possibile perché non è di mia proprietà, è corretto?

  43. Carlo Zanutto

    Buona sera, sono proprietario di un appartamento e vorrei cambiare casa. Il nuovo appartamento sarà nello stesso comune.
    L’agenzia mi ha proposto un acquisto del nuovo appartamento con un impegno ad 1 anno per effettuare il rogito, per avere il tempo di vendere il mio attuale immobile.
    Ho necessità di chiedere anticipo TFR prima casa per gli anticipi (corposi) visto la lunghezza della transazione d’acquisto.
    E’ possibile far richiesta come prima casa in questo contesto avendo ovviamente necessità di destinare a prima casa il nuovo immobile all’atto del rogito ?
    Il precedente appartamento dovrà essere necessariamente venduto prima del rogito.
    Posso produrre qualche forma di auto-certificazione per il fondo pensione che deve erogare l’anticipo per rientrare nei normali vincoli (residenza stesso comune ma no proprietà immobili)?
    Grazie in anticipo.

    • arch. Carmen Granata

      Secondo me, è possibile fare richiesta se non ha già usufruito del TFR. Suppongo però che non sia sufficiente un’autocertificaizone, ma debba produrre qualche documentazione. In questo caso, ad esempio, potrebbe essere l’impegno ad acquistare a un anno fattole sottoscrivere dall’agenzia.

  44. Luca

    Vivo in una casa dei miei genitori con regolare contratto di comodato d’uso registrato a me a mia moglie. Possiamo usufruire dell’esenzione dal pagamento IMU?
    grazie

  45. emilio

    nel 2000 ho acquistato un appartamento in cui ho la residenza (non ho altri immobili) , ora voglio acquistare il garage sotto come pertinenza ,ho diritto alle agevolazioni prima casa? anche se prendo in affitto una casa in altro comune e trasferisco li la residenza? e do in affitto il mio appartamento? grazie

    • arch. Carmen Granata

      Per prima cosa bisognerebbe sapere se ha acquistato la casa con le agevolazioni, altrimenti non può estenderle alla pertinenza. In secondo luogo, credo che in caso affermativo non potrebbe conservarle se cambia residenza, ma le consiglio di consultare un notaio.

  46. Francesco

    Buongiorno, io ho un caso particolare. Mio suocero e i suoi due figli stanno vendendo casa. I due figli con le loro quote della vendita vorrebbero comprare casa al padre. I figli hanno degli immobili, però questi immobili sono sotto usufrutto allo zio (stesso comune) inoltre hanno un altro immobile al mare non soggetto ad usufrutto (altro comune). Il figlio/a vivono in case di proprietà dei rispettivi mariti/mogli. La mia domanda è: la casa che vanno ad acquistare può essere considerata prima casa?

    • arch. Carmen Granata

      Se i figli acquistano casa per il padre non ci saranno i requisiti prima casa, visto che non saranno loro ad andarci ad abitare.

  47. Nicola

    Io vivo a piombino in Toscana non ho immobili di proprietà di alcun tipo. Ora voglio acquistare un appartamento in Sardegna. Per me sarebbe il primo immobile acquistato con mutuo. In questo caso a me questa casa mi viene come prima o come che cosa???? Cioè la banca me la farà acquistare come prima casa??? Io non ho intenzione ne di prendere residenza ne di usufruire di alcuna agevolazione ma volevo capire in questo caso cosa mi risulta.. anche ai fini notarili e imposte di registro.. grazie

    • arch. Carmen Granata

      Ai fini delle imposte di compravendita non avrà alcuna agevolazione, in quanto in questa casa non avrà la residenza.

    • Nicola

      Ma come mutuo posso prenderlo come prima o come seconda??? Considero che e’ il mio primo immobile acquistato

    • arch. Carmen Granata

      No, perchè l’agevolazione mutuo prima casa è concessa per l’immobile destinato ad abitazione principale.

  48. Marco

    Buongiorno, vent’anni fa ho ricevuto in donazione 1/4 di casa indivisibile dove al momento vivo,ai tempi se non si richiedeva 1 casa non veniva considerata tale. Ora è in vendita ed ho acquistato all asta un immobile, visto che non ho mai usufruito posso intestarmi la nuova con le agevolazioni? Grazie mille in anticipo

  49. Chiara

    Ho acquistato una prima casa sulla quale pago il mutuo da 8 anni. L’hanno scorso mi sono dovuta trasferire perché la famiglia è cresciuta e sono andata in affitto. A mia volta ho affittato la mia prima casa continuando a pagare il mutuo. Non posso recuperare il 19% degli interessi mutuo perché non ci abito più?

    • arch. Carmen Granata

      Purtroppo la detrazione si perde. L’unico caso in cui è consentito mantenere l’agevolazione anche dopo la variazione di residenza è quando il trasferimento avviene per motivi di lavoro.

  50. Adriana

    Buongiorno. Sono proprietaria al 100% della casa,sita in Napoli, nella quale vivo insieme con mio marito. Vorrei cambiare residenza e stabilirla a Roma in una casa di mia proprietà al 100% per stare vicino a mia figlia mentre mio marito continuerebbe a risiedere e dimorare nella mia casa di Napoli. La domanda è: le agevolazioni fiscali ai fini IMU e TASI possono applicarsi ad entrambe le case?

    • arch. Carmen Granata

      Se lei cambia residenza, dovrà pagare le imposte come seconda casa per l’abitazione di Napoli.

  51. Giacinta Zoratto

    Buongiorno, mio marito e’ per effetto di una successione comproprietario della casa di famiglia insieme a fratello e sorella single che nella casa ci abitano e la stessa e’ indivisibile.
    Poiche’ la casa dove abitiamo e’ intestata interamente a me e si trova in un altro comune deve mio marito pagare l’ IMU sulla quota di successione anche se e’ interamente utilizzata dai suoi fratelli?
    Inoltre in quali modi e’possibile liberarsi da tale quota?

    • arch. Carmen Granata

      Sì, suo marito deve pagare l’IMU seconda casa sulla sua quota. Per “liberarsene” dovrebbe cederne la proprietà.

  52. Patrizia

    buongiorno, sono proprietaria della mia prima casa ove vivo dal 1988, nel 2014 ho comprato una seconda casa per investimento, nello stesso comune. Ora venderò
    la mia prima casa per comperarne un’altra sempre nello stesso comune, ove abitare. Sarà considerata a tutti gli effetti mia prima casa? Grazie

    • arch. Carmen Granata

      Non sarà prima casa, ma potrà essere abitazione principale a fini fiscali.

  53. Claudia

    Buonasera. Vivo con marito e figli in una casa intestata solo a mio marito. Ho da poco ricevuto in donazione una casa in altra regione, ne sono l’unica proprietaria ma (purtroppo) non ci vivo né posso risiedervi perché mi è stato detto che anche i miei figli dovrebbero risiedervi con me ed essere iscritti in una scuola vicina. Per cui: mi trovo a dover pagare imu e tasi per la casa che possiedo solo perché non vi risiedo, pur essendo l’unica casa che possiedo in realtà? Grazie.

  54. Moreno

    Buongiorno, sono proprietario di due immobili in due comuni diversi, uno dei due acquistato come prima casa. Vorrei comprare un ulteriore immobile in un altro comune (diverso dai 2 precedenti) che diverrà la mia abitazione principale. Per l’acquisto posso beneficiare dei vantaggi di prima casa? Grazie

    • arch. Carmen Granata

      Sì, a patto che rivenda la casa già acquistata con le agevolazioni entro un anno dal rogito.

  55. sanmon

    Vivo e risiedo da oltre 10 anni in un immobile di proprietà della srl di cui sono amministratore, lo stesso ha un ipoteca di Equitalia vorrei quindi sapere se il concetto di prima casa impignorabile può essere esteso al mio caso.
    Grazie.

    • arch. Carmen Granata

      No, perchè l’immobile è intestato alla società e viene così meno uno dei requisiti richiesti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *