Superbonus e bonus minori: le novità della Legge di Bilancio

Per chiarire tutte le novità apportate dalla legge di Bilancio 2022 vi presentiamo una guida molto interessante su Superbonus e bonus minori.

Legge di Bilancio 2022 e bonus edilizi

Con la Legge di Bilancio 2022 il Governo ha dato maggiore stabilità alle agevolazioni fiscali per l’edilizia.
I cosiddetti bonus minori sono stati prorogati non più di un solo anno, come di consueto, ma sono stati confermati per un orizzonte temporale più lungo, fino al 31 dicembre 2024. Parliamo delle seguenti agevolazioni:
• bonus ristrutturazione
• ecobonus ordinario
• bonus mobili
• bonus verde
• sismabonus ordinario.

Dalla proroga lunga sono stati esclusi il bonus facciate e il bonus per l’eliminazione delle barriere architettoniche in vigore solo per tutto il 2022.

La Legge di Bilancio ha fissato anche le proroghe per il superbonus 110% (nella versione eco e sisma), differenziandole in base alle tipologie di immobili:
• per gli edifici unifamiliari o a questi assimilabili (con accesso autonomo e indipendenza funzionale) la scadenza resta al 30 giugno 2022 ma può essere prolungata al 31 dicembre 2022 solo se entro tale data viene ultimato almeno il 30% dell’intervento complessivo
• per i condomìni e gli edifici di unico proprietario da 2 a 4 unità abitative la detrazione resta al 110% fino al 31 dicembre 2023, con una graduale riduzione negli anni successivi: nel 2024 l’aliquota sarà del 70% per scendere al 65% nel 2025.

Limiti alla cessione del credito

Il successo dei bonus edilizi è dovuto alla possibilità, introdotta dal Decreto Rilancio, di usufruirne, in alternativa alla detrazione diretta in dichiarazione dei redditi, sottoforma di sconto in fattura o cessione del credito.

Tuttavia, la scoperta di frodi per un importo stimato in 4 miliardi di euro, derivanti da cessione di crediti, ha determinato per il Governo l’esigenza di porre una limitazione al flusso illimitato di crediti.

In un primo momento, il Decreto Sostegni Ter (DL 4/2022) ha introdotto il divieto di effettuare cessioni multiple del credito (quindi successive alla prima).

L’allarme generato da tutta la filiera dell’edilizia a seguito di questa nuova impostazione, ha però indotto il Governo ad apportare dei correttivi con il DL 13 pubblicato a febbraio.

È stato quindi eliminato il divieto di effettuare cessioni del credito successive alla prima, ma è stato posto un limite al numero totale delle cessioni possibili, fissato a tre in tutto. Le cessioni successive alla prima possono inoltre avvenire solo verso soggetti vigilati quali:
• banche
• intermediari finanziari
• società appartenenti a gruppi bancari
• imprese di assicurazione.

Come ulteriori misure di tracciamento del credito fiscale è stato introdotto un codice identificativo univoco che consente di risalire sempre al beneficiario iniziale ed è stato imposto il divieto di suddividere il credito nelle cessioni successiva alla prima, consentendo quindi di cederlo solo nella sua interezza.

Visto di conformità e asseverazione di congruità delle spese

Il Decreto Rilancio prevedeva l’obbligo di acquisire il visto di conformità da un commercialista e l’asseverazione di congruità delle spese da un tecnico abilitato solo per chi usufruisse del Superbonus sottoforma di sconto o cessione.

Il Decreto Anti Frode ha esteso, a partire dal 12 novembre 2021, tale obbligo anche ai cosiddetti bonus minori.

Con la Legge di Bilancio 2022, il Legislatore ha poi modificato questa disposizione, prevedendo per i bonus minori tali adempimenti, soltanto quando:
• il valore complessivo dell’intervento supera i 10.000 euro
• il lavoro non è inserito tra gli interventi di edilizia libera.

Da questa semplificazione è però escluso il bonus facciate, per il quale sono sempre previsti.

L’obbligo di visto e asseverazione è stato inoltre esteso anche ai casi in cui si usufruisce del superbonus sottoforma di detrazione fiscale, tranne i casi in cui:
• si ricorre alla dichiarazione precompilata
• si presenta dichiarazione attraverso sostituto di imposta
• il visto è richiesto per l’intera dichiarazione.

Il ruolo del Commercialista nell’ambito dei bonus edilizi

Se in passato, con la fruizione delle agevolazioni esclusivamente come detrazioni IRPEF, la figura del Commercialista aveva un ruolo marginale, limitato all’ultimo step dell’iter (la presentazione della dichiarazione dei redditi), oggi è diventata particolarmente importante.

Questo professionista è diventato l’intermediario tra i tecnici coinvolti in una ristrutturazione (geometri, ingegneri, architetti, termotecnici) da un lato e gli istituti di credito che gestiscono la cessione/sconto, dall’altro.

Inoltre, come abbiamo visto, sempre più spesso è chiamato in causa per l’apposizione del visto di conformità.

Come gestire un intervento di Superbonus e bonus minori?

La gestione di una pratica oggetto di bonus edilizi rappresenta oggi un percorso irto di ostacoli, sia per la quantità di adempimenti da rispettare, sia per le modifiche normative che si rincorrono sempre più spesso.

TeamSystem è il gruppo italiano che offre soluzioni e servizi di ultima generazione per la digitalizzazione delle aziende, dei professionisti e delle associazioni.

Con TeamSystem Ecobonus ha creato uno strumento di collaborazione digitale in grado di supportare tutti gli attori coinvolti (Commercialisti, CAF, Amministratori di Condominio, Tecnici e Imprese) nella gestione dell’intero ciclo di vita dei bonus fiscali, offrendo un servizio completo ai propri clienti.

Per chiarire inoltre tutte le novità apportate dalla legge di Bilancio 2022, ha redatto la Guida su Superbonus e bonus minori (*), a cura della commercialista Giorgia Salardi, in cui racchiude tutti gli elementi fondamentali da conoscere su questa tematica.

(*)Alla data in cui è stata pubblicata la guida, il DL 4/2022 era in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Iscriviti alla Newsletter

Potrebbe interessarti anche
Guarda gli ultimi video

Dello stesso argomento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.