918 commenti

← Precedente pagina 20 di 20
  1. Agnese Arfuso

    Buonasera, posseggo una seconda casa in cui hanno da sempre abitato mia madre e mio fratello, invalido al 100%. Mia madre è mancata, e l’alloggio è in rimasto in uso a mio fratello.
    Non c’è nessuna agevolazione possibile sull’IMU?
    Se è possibile fare un comodato solo a parenti di primo grado di fatto non è possibile usufruire della risuzione del 50%. E non essendoci un contratto di affitto risulterebbe non locata con l’applicazione dell’aliquata massima.
    Grazie per una cortese risposta.

    • arch. Carmen Granata

      Purtroppo l’agevolazione di cui si parla in questo articolo si applica solo per genitori e figli.
      Però se prova a fare un contratto di comodato a suo fratello, la casa potrebbe risultare locata e almeno eviterebbe l’aliquota massima.

  2. ciro

    ho tre immobili di cui due in un comune ed il terzo altrove, dei due immobili uno ho la residenza, vorrei dare il secondo a mia figlia in comodato d’uso, posso usufruire delle agevolazioni previste dalla legge? grazie

    • arch. Carmen Granata

      No, il possesso del terzo immobile rende impossibile applicare l’agevolazione.

  3. Grazie Arch., ho registrato oggi il comodato gratuito ai miei genitori. L’ufficio e l’f2 collabente non hanno pregiudicato nulla. Grazie e buona serata.

    • arch. Carmen Granata

      Grazie a lei per l’informazione che può essere utile anche ad altri lettori.

  4. Elena

    Buonasera, dopo aver letto questo interessante articolo mi è sorto un dubbio… posseggo 3 proprietà nello stesso comune, due A/3 e un C/2 (questo C/2 è una casetta in campagna inagibile). In un A/3 ho la residenza io. Potrei beneficiare dello sconto IMU 50% dando in comodato gratuito l’altro appartamento A/3 a mio figlio (il quale vi prenderebbe residenza)? Oppure a causa della casetta inagibile C/2 non ci spetta lo sconto IMU? Grazie mille, saluti

    • arch. Carmen Granata

      Diciamo che la situazione è un po’ strana perchè una casetta inagibile è un fabbricato collabente, mentre è accatastata come pertinenza (C/2 è magazzini e locali di deposito).
      Allo stato catastale lei ha comunque diritto all’agevolazione.

  5. Proprietario di due immobili nello stesso comune, uno lo utilizzo come abitazione principale e ho preso la residenza, l’altro lo voglio concedere in comodato ai miei genitori. Sono allo stesso tempo comproprietario di un ufficio nello stesso comune e di un unità collabente f2 in un altro comune . Queste altre proprietà inficiano la possibilità di eseguire la riduzione imu e tasi? Grazie.

    • arch. Carmen Granata

      L’ufficio sicuramente no. Ho qualche dubbio sull’unità collabente, per cui le consiglio di richiedere il parere di un consulente fiscale.

  6. Scardi Sabino

    Gent Arch.Carmen Granata
    Entro il c.m. dovrei stipulare un contratto di Vendita per un mio immobile, utilizzando il sito per il calcolo dell IMU ovviamente sortiscono due rate e a Giugno e a Dicembre di cui la 1^ di mia competenza in acconto. Per evitare l’equivoco sono costretto a compilare manualmente l’F24 barrando la casella Saldo? Grazie di tutto. Sabino Scardi

    • arch. Carmen Granata

      No, secondo me può barrare anche “acconto”, visto che di questo si tratta finchè lei rimane proprietario. Ma chieda anche a un commercialista per maggiore sicurezza.

  7. Gent.mo Arch.
    oltre ad avere una professionalità eccellente ed una cortesia senza limiti, non posso che ringraziarLa per le sue risposte sempre esaustive, professionali e tempestive. A lei un grazie di cuore. Sabino Scardi

  8. sabino scardi

    Gent.Arc. Sono Sabino Scardi che torno a scriverLa
    per un il seguente quesito: oltre alla casa ove risiedo e di cui ne posseggo la piena proprietà, ho un piano terra in quota con le mie due figlie per il quale ho già svolto c/o gli uffici competenti il distacco dell’erogazione dell’Enel e dei Rifiuti Solidi Urbani.
    Detto immobile è esente dal prossimo pagamento dell’IMU? La ringrazio anticipatamente. Sabino Scardi

  9. PIA

    Buongiorno, volevo una informazione, un padre possiede nel comune in cui risiede n.2 immobili di cat. A/2 e 1 di questi lo vorrebbe concedere in comodato d’uso alla figlia che è in procinto di cambiare la residenza nel Comune stesso. Il mio dubbio però, per poter usufruire della riduzione IMU, è questo: la figlia, cioè il comodatario, è proprietaria di un immobile in un comune diverso, è possibile comunque l’agevolazione?
    Grazie

  10. Davide

    Buonasera, da quel che ho letto mi sembra di aver capito che una persona deve possedere al massimo due immobili (uno in comodato e l’altro residente). Volevo chiedere visto che mio padre possiede più di due immobili nello stesso comune possiamo usufruire lo stesso di questo bonus oppure no!?grazie mille in anticipo

    • arch. Carmen Granata

      Beh, visto che ha compreso benissimo come funziona la norma, deve esserle chiaro che suo padre non può usufruirne.

  11. Paola Totaro

    Salve, ho acquistato in favore di mia figlia minorenne, con i benefici della prima casa, un immobile rurale con annesso un ettaro di terreno. Io sono proprietaria di un altro immobile situato nello stesso Comune, acquistato a mia volte con i benefici della prima casa. Le chiedo, di quali agevolazioni potrei beneficiare visto che vorrei concedere in comodato d’uso gratuito in favore del mio compagno, che ivi intende realizzare un progetto di agriturismo, l’immobile intestato a mia figlia? Grazie per la disponibilità che mi vorrà riconoscere. Paola

    • arch. Carmen Granata

      Come può comprendere dalla lettura dell’articolo, non ci sono agevolazioni previste per il suo caso.

    • arch. Carmen Granata

      Certo che può farlo. Ma in questo caso non è previsto nessuno sconto Imu e Tasi.

  12. PIA

    Salve, una signora possiede nello stesso comune in cui risiede due immobili di categoria A/2, uno è la sua abitazione principale per l’altro dal 2018 lo darà in comodato al figlio stipulando relativo contratto.
    Mi sorge un dubbio però per la riduzione dell’IMU al 50%, la signora nel fabbricato in cui risiede possiede anche millesimi 4,5 della casa condominiale del portiere cat. sempre A/2 che attualmente è in fitto.
    Non penso che questa abbia rilevo per poter usufruire dell’agevolazione IMU in caso di comodato.
    grazie

    • arch. Carmen Granata

      Purtroppo la norma non prevede eccezioni: il possesso anche solo di quote di proprietà di altri immobili esclude dal beneficio.

  13. Cinzia

    Buongiorno, l’anno scorso ho registrato un comodato d’uso verbale per un appartamento di mia proprietà dove da sempre vivono i miei genitori a nome di mia mamma. Ho quindi usufruito della riduzione al 50% su imu. Purtroppo mia mamma è venuta a mancare a settembre ma nell’appartamento continua a vivere mio papà che era regolarmente sposato con mia mamma ed in regime di comunione dei beni. In questo caso posso continuare a beneficiare della riduzione oppure devo registrare un nuovo comodato? Grazie per la gentile risposta.

    • arch. Carmen Granata

      Non è necessario. Suo padre, come erede convivente subentra nel contratto di comodato.

    • Cinzia

      Mille grazie per la risposta. Immaginavo fosse così. Il comodato benchè verbale era ovviamente per entrambi i miei genitori ma registrato solo a nome di mia madre perchè nessuno poteva pensare che sarebbe mancata all’improvviso. L’ufficio IMU però mi ha risposto dicendo che devo registrare un nuovo comodato a nome di mio padre (altri 200 euro) e per i tre mesi dal decesso di mia madre devo pagare l’imu per intero….. Come posso difendermi?

    • arch. Carmen Granata

      Può citare la legge sugli affitti n. 392 del 1978 che si estende anche al comodato.

  14. ERIKA

    buonasera, volevo sapere cosa succede se nell’immobile con agevolazione imu perchè abitato dal figlio con la sua famiglia, se il figlio muore la madre continua a pagare imu agevolata perchè nella casa rimangono ad abitare nuora e nipote? grazie per la risposta.

    • arch. Carmen Granata

      Domanda interessante… il contratto di comodato dovrebbe far mantenere l’agevolazione fino alla sua naturale scadenza, ma poichè questo tipo di contratto può non avere una scadenza, è lecito dubitarne. Le consiglio di chiedere un parere all’AdE.

  15. maria

    Vivo e lavoro in Piemonte da circa 40 anni, ho una casa mia (1° casa).
    Nel 2000 ho ereditato dai miei genitori una casetta al 50% con mio fratello (parte che io lasciai in comodato d’uso a mio fratello per motivi sotto esposti).
    invalido al 100% e residente in detta casetta, anche se per motivi di invalidità vive in una struttura per inabili per cui percepisce anche l’accompagnatore (quota che come ben sappiamo deve lasciare alla struttura). Chiedo se è giusto pagare l’ici e in che misura.

    • arch. Carmen Granata

      L’Ici non si esiste più da anni. L’Imu è dovuta da lei in quanto proprietaria interamente. Purtroppo non è prevista nessuna esenzione, suo fratello è solo comodatario e anche se fosse proprietario dovrebbe avere la residenza nella struttura per disabili, per usufurirne.

  16. giovannimaria tilocca

    abito in 1 casa popolare in affitto con mia moglie sono pensionato e invalido al 100% possediamo al 50% 1 casetta di 75mq A3 in campagna che abbiamo dato in comodato uso gratuito registrato a nostro figlio con la sua famiglia, vorrei sapere cortesemete se sono tenuto a pagare questa tassa (iniqua) dato che prendo circa 9000 euri l’anno? grazie

    • arch. Carmen Granata

      Se la casa è nello stesso Comune in cui abita lei ha lo sconto del 50%, altrimenti deve purtroppo pagare tutto.

  17. PIA

    Buongiorno, in un contratto di comodato stipulato tra madre e figli e compreso oltre l’immobile categoria A/2 anche la pertinenza C/6. Io ho capito che anche la pertinenza può usufruire della riduzione al 50% per l’IMU, ma il mio Comune mi ha detto di no che su questa pertinenza non posso applicare la riduzione al 50% e neppure l’aliquota agevolata prevista sempre dal mio Comune per gli immobili abitazioni in comodato ma l’aliquota piena ordinaria.
    Il mio quesito è la pertinenza rientra per legge nel comodato di abitazione o il Comune può decidere diversamente?
    grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *