Superbonus 110%: accesso autonomo e indipendenza funzionale

In questo video spiego in quali casi sono necessari i requisiti di accesso autonomo e indipendenza funzionale per fruire del superbonus 110%.

Accesso autonomo e indipendenza funzionale: sono quattro parole che stanno facendo perdere il sonno agli italiani…

In questo video chiarisco finalmente quali sono gli unici casi in cui sono necessari questi requisiti per poter usufruire del superbonus 110%.



Iscriviti alla Newsletter

Potrebbe interessarti anche
Guarda gli ultimi video

Dello stesso argomento

8 Commenti. Nuovo commento

  • Buonasera Architetto
    Il mio quesito è questo:
    Sono l’unica proprietaria di un edificio composto da 3 unità immobiliari funzionalmente indipendenti e con ingressi autonomi (2 appartamenti di categoria A4 al primo e secondo piano e un deposito commerciale D8 a piano terra)
    – Volendo usufruire del sismabonus 110% per:
    – trasformare il tetto in terrazzo con massetto alleggerito: In questo caso si può parlare di demolizione e ricostruzione del secondo piano?
    -operare anche degli interventi per il miglioramento statico dell’edificio.
    – Volendo usufruire dell’ecobonus 110% per:
    – cappotto termico, sostituzione infissi e schermature solari, fotovoltaico e accumulo per il miglioramento energetico dei due appartamenti.
    Lei pensa che la presenza al piano terra di un locale commerciale con superficie superiore a quella totale dei due appartamenti oggetto di interventi di ristrutturazione possa in qualche modo inficiare la possibilità di usufruire dei bonus per le due unità residenziali funzionalmente indipendenti?
    Inoltre, se si vuole installare un ascensore per raggiungere l’unità immobiliare del secondo piano dal piano terra, è possibile fruire del sismabonus per abbattere le barriere architettoniche anche senza la presenza nell’immobile di un disabile e di un ultrasessantacinquenne?
    Nel ringraziarla anticipatamente per l’aiuto che certamente saprà darmi, la saluto cordialmente.

    Rispondi
  • Gentile Architetto, le chiedo conferma che il mio sia un accesso autonomo, questa è la situazione: dalla strada apro un cancello su un cortile dove c’è l’ingresso al piano terra di X; salgo una scala esterna che porta al primo piano devo c’è l’ingresso di Y; continuo a salire sulla stessa scala esterna che porta al secondo piano dove c’è il mio ingresso. Purtroppo non riesco a trovare risposta, perchè c’è chi dice che la scala serve anche il primo piano e quindi non mi garantisce l’accesso autonomo. La ringrazio per la sua eventuale risposta!

    Rispondi
  • Architetto mi ero dimenticato di specificare che nella ristrutturazione che andrà al 50% ci sono compresi interventi trainati al 110,%(pavimento radiante e pompa di calore e sostituzione di infissi). Quindi anche se ci sono interventi trainati devo presentare una cila per le parti comuni del fabbricato plurifamiliare e una cila x gli interventi in appartamento? Grazir

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      5 Giugno 2021 15:45

      Sì perchè la proprietà è diversa: in un caso è il condominio, nell’altro, solo lei.

  • Salve architetto, sono propiretario di un appartamento in un edificio plurifamiliare costituito da tre Unità abitative, stiamo provvedendo a fare il superbonu 110% tramite general contractor ed io in più nel mio appartamento dovrò fare anche il bonus ristrutturazione al 50%. Mi chiedevo dovrò presentare una CILA per eseguire i lavori o due didtinte CILA di cui una per il 110% ed una per il 50%? Grazie

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu