Sismabonus per acquisto di case antisismiche

L’Agenzia delle Entrate ha confermato che chi usufruisce del sismabonus per l’acquisto di case antisismiche ha diritto anche al bonus mobili.

Demolizione e ricostruzione di case antisismiche ©

Cos’è il sismabonus per acquisto di case antisismiche?

La Manovrina fiscale (decreto legge 24 aprile 2017, n. 50), il provvedimento correttivo alla Legge di Bilancio 2017, estese il sismabonus anche all’acquisto di case costruite con criteri antisismici.

La platea di questa agevolazione fiscale risulta così composta da due categorie di contribuenti:
• i soggetti che effettuano gli interventi in prima persona
• i soggetti che acquistano immobili già ristrutturati con elevati standard antisismici.

La norma mira a favorire in particolare le imprese che possono acquistare vecchi edifici per demolirli e ricostruirli con particolare attenzione alla loro sicurezza sismica. In questo modo si potrà operare progressivamente una riqualificazione significativa di una parte del patrimonio edilizio.

Tale norma era inizialmente limitata alla zona a più alto rischio sismico (zona 1). La Legge Crescita ha esteso nel 2019 l’agevolazione agli acquisti di case antisismiche site anche nei Comuni delle zone a rischio sismico 2 e 3.

Il Decreto Rilancio estende infine anche a questa categoria di interventi l’aliquota maggiorata del 110%.

Requisiti per l’acquisto di case antisismiche

Per poter usufruire delle agevolazioni, gli immobili dovranno rispettare questi fondamentali requisiti:
• essere ubicati nelle zone sismiche 1, 2 e 3 del territorio italiano, così come definite dall’Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 3519 del 2006
• essere oggetto di demolizione e ricostruzione con criteri antisismici di immobili esistenti da parte di imprese di costruzione o ristrutturazione
• essere rivenduti direttamente dalle imprese entro 18 mesi dall’ultimazione dei lavori.

Non sarà possibile quindi godere dell’agevolazione quando gli immobili saranno venduti da privati.

Laddove consentito da norme locali, come il Piano Casa, gli interventi di demolizione e ricostruzione potranno comportare anche ampliamento volumetrico.

Il tetto di spesa di 96.000 euro deve intendersi per ogni singola unità immobiliare acquistata facente parte dell’intero edificio ricostruito.

A quanto ammonta il bonus per l’acquisto di case antisismiche?

L’aliquota di detrazione consueta può essere pari al:
75%, se l’intervento determina il passaggio a una classe di rischio sismico inferiore
85%, se l’intervento determina il passaggio a due classi di rischio sismico inferiori.

In base al testo del Decreto Rilancio, invece, l’aliquota sale indistintamente al 110%.

La detrazione è calcolata sul prezzo di vendita risultante dall’atto notarile, ma la norma fissa un tetto massimo di spesa su cui applicarla pari a 96.000 euro.

Ciò vuol dire che, nella migliore delle ipotesi, quella di accesso all’aliquota maggiore di detrazione, l’acquirente potrà ottenere uno sconto pari a 105.600 euro, da recuperare in 5 anni per un importo annuale di 21.120 euro l’anno.

Gli acquirenti potranno scegliere se:
• usufruire direttamente della detrazione
• cedere il credito di imposta alla ditta che ha effettuato i lavori o ad altri soggetti come istituti di credito e intermediari finanziari
• usufruire dello sconto immediato in fattura.

Altre notizie utili per l’acquisto di case antisismiche

Con la risposta n. 5/2020, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che è possibile usufruire della detrazione anche sugli acconti pagati.
È però necessario:
• aver registrato il preliminare di vendita entro la data di presentazione della dichiarazione dei redditi nella quale si intende far valere la detrazione
• che siano stati ultimati i lavori sull’intero fabbricato.

L’Agenzia delle Entrate ha più volte ribadito che l’asseverazione della classe di rischio sismico deve essere presentata contestualmente al titolo autorizzativo. Una presentazione tardiva determina la perdita dell’agevolazione.

Tuttavia l’agevolazione per l’acquisto è stata estesa alle zone 2 e 3 solo a partire dal 2019, quindi i costruttori che avevano già presentato richiesta di Permesso di Costruire si sono trovati nella condizione di non aver allegato tale asseverazione.

Con la risposta 196/2020 l’Agenzia ha allora dichiarato che, solo in tale caso, è possibile presentare una asseverazione tardiva.
La condizione è quindi che la procedura autorizzatoria sia iniziata dopo il primo gennaio 2017 ma prima del primo maggio 2019.
L’impresa dovrà comunque presentare l’asseverazione entro la data di stipula del rogito.

Infine, le imposte di registro, ipotecarie e catastali, sono stabilite nella misura fissa di 200 euro ciascuna a favore delle imprese.

Limiti temporali del sismabonus per acquisto di case antisismiche

Trattandosi di un’estensione del sismabonus previsto in senso più generale, anche nel caso dell’acquisto l’agevolazione si può intendere in vigore fino al 31 dicembre 2021.

La scadenza è più lunga rispetto a quella prevista per altre agevolazioni fiscali in edilizia in quanto è chiaro che, per poter realizzare interventi invasivi come quelli di demolizione e ricostruzione, occorrono in alcuni casi anche diversi anni.

Analogamente al sismabonus per lavori eseguiti in prima persona, inoltre, il beneficio per l’acquisto deve intendersi spalmato in 5 anni anziché in 10.

Chi acquista case antisismiche ha diritto anche al bonus mobili

Con la risposta 515/2020 l’Agenzia delle Entrate ha confermato che chi usufruisce del sismabonus acquisti può avere anche il bonus mobili.

Il Sismabonus deriva infatti dalla stessa normativa a cui fa riferimento il bonus ristrutturazioni, che dà diritto appunto a quello per gli arredi.
Gli interventi che le imprese di costruzione eseguono per demolire e ricostruire gli immobili sono di ristrutturazione edilizia, per cui chi acquista ha diritto anche al bonus mobili.

Per estensione, quindi, chiunque usufruisce del sismabonus ne ha diritto. Questo orientamento smentisce pertanto altre indicazioni date dal Fisco in passato, per cui mi scuso con i lettori se avrò dato risposte che seguivano quell’orientamento.

Differenze tra sismabonus per acquisto di case antisismiche e detrazione 50%

Il sismabonus per acquisto di case antisismiche presenta diverse analogie con la detrazione 50% per l’acquisto di immobili ristrutturati.

In quel caso però gli interventi ammessi sono tutti quelli di restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, mentre per le case antisismiche sono limitati a quelli di demolizione e ricostruzione.

Inoltre, per il bonus 50% la detrazione si applica su un importo forfetario di ristrutturazione, mentre in questo caso è computata sull’intero prezzo di acquisto.

Ma per tutte le altre informazioni su questo e altri bonus puoi consultare il mio e-book Guida ai Bonus Casa: Il manuale pratico sulle detrazioni fiscali per i lavori in casa.

(Prima pubblicazione 15 giugno 2017)




Iscriviti alla Newsletter

Potrebbe interessarti anche
Guarda gli ultimi video

Dello stesso argomento

375 Commenti. Nuovo commento

  • Buongiorno,
    la proroga della cessione del credito o sconto in fattura fino a dicembre 2022 vale anche per il sismabonus acquisti? Grazie

    Rispondi
  • Buonasera Arch.,
    sto acquistando un immobile che accederà al sismabonus 110%, con sconto in fattura (quindi all’atto), tuttavia non riesco a trovare riferimenti sulla documentazione che come acquirente devo necessariamente ricevere dalla società costruttrice.
    Grazie e complimenti

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      1 Ottobre 2021 19:59

      Per il sismabonus deve chiedere copia delle asseverazioni sismiche e del titolo autorizzativo che dimostri che si tratta di demo-ricostruzione ai sensi dell’art. 3, comma 1, lettera d) dpr 380/01; e visura camerale dimostrante che il venditore è impresa di costruzione-ristrutturazione.

  • Mariacristina
    22 Settembre 2021 10:30

    Buongiorno, può gentilmente dirmi quali sono i documenti necessari per ottenere il visto di conformità relativo alla cessione del credito derivante da sismabonus acquisti 110%?
    Oltre al rogito finale, di cos’altro si ha bisogno?
    Inoltre, io ho stipulato il preliminare d’acquisto con il costruttore in seguito alla cessione del preliminare di un precedente acquirente. Il rogito finale sarà ovviamente tra me e il costruttore, potrebbero esserci nell’ottenere l’agevolazione?
    Grazie in anticipo per la disponibilità

    Rispondi
  • Buonasera architetto. Per quanto riguarda il sisma acquisti, i moduli b1 e b2 di fine lavori e collaudo possono essere firmati e consegnati dopo il rogito? Gli stessi vanno firmati a chiusura definitiva del cantiere o è sufficiente sia completa l’unità immobiliare di riferimento? Grazie mille!!

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      13 Settembre 2021 20:01

      No, è opportuno dare una documentazione completa all’acquirente.
      Ovviamente bisogna attendere l’ultimazione dell’intero fabbricato, quindi se l’acquirente acquista in corso di costruzione, in questo caso dovrà attendere per avere tutta la documentazione.

  • Riccardo Masciovecchio
    11 Settembre 2021 13:20

    Buongiorno Architetto. Sono in procinto di acquistare un appartamento in una palazzina derivante da demolizione e ricostruzione, con salto di classe antisismica. La richiesta del Permesso di Costruire è del 05/2016, con successivo ufficiale rilascio del 06/2017. Le chiedo se ho diritto ad accedere al beneficio fiscalmente previsto dal 110%. La ringrazio per la disponibilità. Cari saluti.

    Rispondi
  • Buona sera architetto,
    Intanto complimenti per l’iniziativa.
    Volevo chiedere il Suo parere in merito ad una mia questione personale. Ho acquistato un’appartamento da un’impresa di costruzioni che ha demolito e ricostruito lo stabile in zona sismica con passaggio di due classi.
    Il permesso a costruire risale al 2018, il modello B (asseverazione del progettista) è stato presentato a luglio 2020, la fine lavori risale a giugno 2020, il rogito è stato stipulato a novembre 2020 e gli allegati 1, B1, B2 e relazione illustrativa sono stati presentati a luglio 2021.
    Posso usufruire del Superbonus 110 %?
    O in alternativa del Sismabonus ordinario (85% di € 96.000)? E in tal caso potrei ricorrere allo strumento della cessione del credito? Se si in quante quote?
    La ringrazio in anticipo per la risposta.

    Rispondi
  • Nicola Bertoli
    2 Settembre 2021 10:08

    E’ possibile ottenere il Superbonus Acquisti anche acquistando a rogito un immobile in grezzo avanzato, ovviamente rispettando i vincoli di demolizione/ricostruzione, zona sismica, asseverazioni ecc? L’immobile verrebbe poi completato dalla stessa impresa, ma verrebbe acquistato senza impianti e finiture. Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      2 Settembre 2021 11:44

      L’ho spiegato ormai innumerevoli volte: se si acquista “non finito” si inizia a usufruire della detrazione solo da quando la costruzione è ultimata, rischiando così di perdere qualche rata.

    • Nicola Bertoli
      3 Settembre 2021 12:24

      Grazie, se ho ben capito la data ultima per la cessione è il 16 marzo mentre per la detrazione nel 730 si può arrivare anche a settembre-ottobre: questo significa che se ad esempio, con scadenza superbonus confermata al 31/12/2022, se entro quella data riesco a rogitare un grezzo, posso aver tempo per completare e dichiarare la chiusura dei lavori fino a inizio marzo 2023 per fare una cessione senza perdere rate, oppure ho tempo fino a settembre-ottobre 2023 per detrarre direttamente nel 730 senza perdere rate (e magari cedendo le residue entro marzo 2024). Ho capito correttamente? Credo siamo in tanti ad essere preoccupati che eventuali ritardi del cantiere portino a rogitare nel 2023 e in quel caso sapere che possiamo rogitare al grezzo e completare entro qualche mese mi tranquillizza! Grazie

    • arch. Carmen Granata
      3 Settembre 2021 19:58

      Sì.

  • Luca Marchesi
    1 Settembre 2021 0:16

    Buongiorno, per superbonus acquisti con rogito durante il 2022, i 96.000 euro di credito fiscale al 110% (105.600 euro), se si portano in detrazione diretta nel 730, vanno ripartiti in 5 anni (21.120 euro l’anno) oppure in 4 anni (26.400 euro l’anno)? Grazie, saluti

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      1 Settembre 2021 12:36

      4 anni.

    • Luca Marchesi
      1 Settembre 2021 13:09

      Grazie Architetto, in questi casi non mi è chiaro se è possibile portare già in detrazione gli anticipi.
      Ad esempio, se pago 100.000 euro di anticipo (preliminare registrato) nel 2021, poi vado a rogito (e saldo) ad aprile 2022 e in quella data sono anche conclusi i lavori dell’intera palazzina, quando presento il 730 dei redditi 2021 (indicativamente a luglio 2022) posso portare in detrazione, nell’anno 2021, l’anticipo di 100.000 euro (che già è più dei 96k di massimale) e quindi dividere la detrazione diretta in 5 anni (nelle dichiarazioni relative agli anni 2021-2025)?
      Oppure sono costretto ad aspettare la dichiarazione del 2022 (luglio 2023) e dividere in 4 rate nelle dichiarazioni 2022-2025? Grazie

    • arch. Carmen Granata
      1 Settembre 2021 19:11

      Se paga l’acconto nel 2021 ricade nella suddivisione quinquennale. Tuttavia si inizia a detrarre dal momento in cui i lavori sono ultimati per cui, se ciò non è ancora avvenuto, le resteranno le rate residue.

  • Buongiorno, sono in fase di acquisto di un inmobile facente parte di una palazzina di nuova costruzione dopo un ontervento di demolizione dell’edificio pre-esistente (compromesso stipulato a giugno 2021, rogito entro ottobre 2021). Sono in possesso dell’asseverazione del tecnico (allegato B) firmata in data 29/01/2021.
    Ad oggi ancora non mi è chiaro quale beneficio mi spetterà se il Sismabonus ordinario (in questo caso nella misura dell’85% perche l’intervento è migliorativo di due classi) o quello del Superbonus 110%.
    Potrebbe aiutarmi a capire se ci sono particolarità nel mio caso?
    Grazie mille

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      24 Agosto 2021 20:01

      Superbonus 110%.

    • Grazie mille Arch.! Sono necessarie altre documentazioni oltre all’allegato B?

    • arch. Carmen Granata
      26 Agosto 2021 19:50

      A parte l’atto di acquisto null’altro, perchè tutte le informazioni si possono desumere dall’allegato B.

  • Buonasera arch., articolo MOLTO interessante. Le riporto una casistica particolare. Immobile demolito e ricostruito, venduti due appartamenti ad agosto settembre 2020 senza sismabonus acquisti. Presentata asseverazione tardiva ad aprile 2021 e venduti altri due appartamenti con sismabonus acquisti. C’è modo pre i primi due acquirenti di recuperare l’agevolazione? Grazie in anticipo

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      7 Agosto 2021 17:20

      No, perchè l’AdE ha chiarito che l’asseverazione tardiva deve essere presentata cmq prima del rogito.

    • Buonasera arch. è possibile accedere al Sismabonus ordinario con cessione del credito se l’asseverazione è stata presentata dopo il rogito?

    • arch. Carmen Granata
      14 Settembre 2021 19:35

      No.

  • Buongiorno Architetto,
    a suo parere, se vengono stipulati due differenti atti di compravendita, di cui:
    – uno riferito all’abitazione, che accede a Super Sismabonus Acquisti con il massimale di 96.000 Euro
    – uno, differente, riferito a box auto pertinenziale all’abitazione
    sarebbe possibile per il box auto accedere alla detrazione del 50% sui costi di costruzione dichiarati dal costruttore?
    In diversi interpelli, Agenzia delle Entrate ha chiarito che il bonus previsto, pari a 96.000 Euro, è da riferirsi unitamente all’abitazione e alle pertinenze, quando abitazione e pertinenze sono acquistate “UNITAMENTE”.
    L’espressione “unitamente”, che sembra essere sempre specificata da AdE, è da molti considerata come sinonimo di “in un unico atto di compravendita”.
    A suo parere, se gli atti sono diversi e separati, si possono avere entrambe le detrazioni?
    Grazie mille

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      2 Agosto 2021 16:12

      Secondo me è possibile solo se l’atto del box è fatto in data posteriore a quello della casa. Preferibilmente in altro anno di imposta.

    • Beh, se fosse in altro anno di imposta si tratterebbe così tanto di atti diversi da non aver neppure il dubbio.

  • piubeni pierangelo
    28 Luglio 2021 14:18

    Buongiorno,
    se l’immobile acquistato con “sismabonus acquisti” non rispettasse la classe NZEB (obbligatoria da gennaio 2021) verrebbe meno l’incentivo fiscale? secondo me no ma non sono sicuro. Leggendo la normativa non vedo sanzioni
    Grazie

    Rispondi
  • Alessandro Napoli
    27 Luglio 2021 9:55

    Buongiorno Arch.Granata,volevo chiedere una informazione in merito al sismabonus rifacimento tetti:se ho un’abitazione (unico proprietario)con due u.i,il rifacimento tetto con sismabonus come massimale sarebbe 96mila oppure 96mila per due?grazie

    Rispondi
  • Buongiorno, ho un dubbio sull’ultimo interpello dell’ade sul “sismabonus acquisti” e opzione cessione detrazione degli acconti. Supponiamo di:
    1) registrare il contratto preliminare oggi
    2) in data 26/7/2021 versare 96000 euro di acconto
    3) siglare il rogito il 20/02/2022
    L’acconto (96000 x 110%), secondo Lei, è subito cedibile alla banca già in data 27/7/2021 (giorno successivo al versamento dell’acconto) oppure si deve comunque aspettare il fine lavori e quindi dopo la data del 20/02/2022?
    Io ho capito si possa cedere l’acconto senza il fine lavori. Secondo Lei?
    Grazie

    Rispondi
  • giambattista
    19 Luglio 2021 19:52

    Salve,
    vista l’ultima risposta della commissione per il monitoraggio del D.M. 28/02/2017 N. 58 secondo lei è possibile usufruire del “sismabonus acquisti” o “sismabonus” in centro storico?
    Grazie

    Rispondi
  • Luca Marchesi
    15 Luglio 2021 15:27

    Buongiorno, dopo il recente ok del Consiglio Europeo, si può dire definitiva la proroga del Superbonus Acquisti 110% al 30/06/2022 (data di rogito) con anche possibilità di cedere il credito? Grazie

    Rispondi
  • Gentile Arch. Granata,
    una domanda riguardo l’asseverazione tardiva in relazione a nuova zonizzazione sismica.
    Come saprà alcune regioni hanno aggiornato la classificazione sismica del territorio.
    Fra queste c’è il Veneto (mio caso specifico) che con la delibera regionale di marzo 2021 ha riclassificato in zona sismica 3 anche i territori in precedenza classificati come zona 4.
    Di fatto, ora tutte le zone del Veneto sono compatibili con il sismabonus acquisti.
    Nel post giustamente cita la possibilità di asseverazione tardiva concessa a seguito dell’estensione del superbonus alle zone sismiche 2 e 3.
    Vorrei chiederle se ha notizia che la possibilità di asseverazione tardiva sia concessa anche a interventi attualmente in corso, con proceduta autorizzativa già avviata senza asseverazione e riferiti a territori che recentemente sono stati riclassificati in zona 3 (partendo da zona sismica 4).
    Leggendo la recente Circolare 7 del 25/06/21 di AdE sembra proprio che sia possibile, anzi che sia un fatto assodato.
    Prima di questa Circolare ho trovato solo ipotesi, supposizioni e rinvii a successivi chiarimenti. Eppure dopo la Circolare non ho letto grande risalto a questo aspetto, che mi sembra invece di grande interesse.
    Le chiedo: a parere suo è già data per assodata la possibilità di asseverazione tardiva per immobili siti nei Comuni che alla data di presentazione della richiesta del titolo abilitativo originario, erano ricompresi in zona sismica 4 e solo successivamente, a seguito
    dell’emanazione di disposizioni regionali, sono stati riclassificati nelle zone 2 e 3?
    Grazie mille

    Rispondi
  • Architetto buongiorno e complimenti per l’iniziativa.
    Desideravo porre una domanda: se l’acquisto dell’immobile da impresa che ha demolito e ricostruito viene fatto da mia figlia, (28 anni) sposata da 2 anni, può usufruire oltre il sisma bonus anche della nuova agevolazione per soggetti con meno di 36 anni?.
    Grazie

    Rispondi
  • Bruno Pecchi
    20 Giugno 2021 10:05

    A fine luglio 2021 acquisterò in via definitiva una casa antisismica( passaggio da classe 3 a classe1), costruita attraverso la demolizione di un fabbricato preesistente. Mi dicono che il bonus mobili non ci spetterà, perchè riguarderebbe solo le ristrutturazioni. Vorrei conoscere il vostro parere. Bruno Pecchi

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      22 Giugno 2021 19:17

      E’ così. Se l’intervento risulta di “ristrutturazione edilizia” può avere anche il bonus mobili, ma se è classificato come “nuova costruzione”, no.

    • Bruno Pecchi
      17 Luglio 2021 12:40

      Ho letto la risposta 515/2020 della Agenzia Entrate. L’autorizzazione alla costruzione recita letteralmente ” nuova costruzione, previa demolizione del fabbricato esistente”. Si può forse pensare che possa essere richiesto anche il bonus mobili?.Mi scuso e ringrazio. Bruno Pecchi

    • arch. Carmen Granata
      19 Luglio 2021 19:45

      La risposta 515 fa riferimento a un intervento di ristrutturazione edilizia, non di nuova costruzione, per questo è ammesso il bonus mobili.

  • Io e il mio compagno stiamo acquistando due unità da impresa con un intervento di demolizione e ricostruzione. Usufruendo quindi di due sconti di 96.000. La nostra intenzione dopo il rogito è di unirli e per avere le agevolazioni prima casa su entrambi dichiareremo che li uniremo direttamente al compromesso. Abbiamo comunque diritto a 2×96.000 di sconto?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      17 Giugno 2021 19:50

      Sì.

    • Buongiorno Architetto, non mi è chiaro né il quesito né la risposta per cui le chiedo chiarimenti visto l’argomento interessante.
      Se a compromesso dichiaro che unirò due unità (considerando il progetto allegato alla SCIA originale), di fatto sto facendo compromesso per una sola unità (come sarà dopo la variante alla SCIA che dovrò presentare per unirle prima del rogito) e di conseguenza acquisterò 1 sola unità e potrò beneficiare del 110% su 96.000 euro, non su 192.000 euro, ho compreso male?
      Inoltre relativamente alle agevolazioni sulla prima casa, e ipotizzando che non si tratti di coppia spostata in comunione dei bene, non mi è chiaro se si tratta dell’IVA agevolata 4% in fase di acquisto prima casa (che dovrebbe essere indipendente dal fatto che si faccia 1 solo acquisto cointestato di 1 appartamento unito oppure 2 acquisti di 1 unità con intestazione singola) oppure si tratti delle agevolazioni di residenza quali IMU, utenze ecc.
      Grazie

    • arch. Carmen Granata
      21 Giugno 2021 19:48

      Mi perdoni, ma Letizia e il suo compagno acquisteranno DUE appartamenti e SOLO DOPO li uniranno. Non è previsto da alcun progetto di variante, ma dovranno loro presentare una pratica per fare la fusione. Quindi, hanno diritto a doppio bonus. L’IVA sarà agevolata per entrambi gli immobili, in virtù del fatto che si impegnano a unirli.

    • Esattamente. La situazione è quella descritta dall’architetto. Nel momento del rogito noi avremo due unità accatastate separatamente, poi noi successivamente procederemo all’apertura di una CILA per unificare le unità.

  • Riccardo Masciovecchio
    13 Giugno 2021 2:18

    Gentile Architetto,
    Le chiedo una precisazione sul significato dell’espressione “ovvero per i quali sia stato rilasciato il titolo edilizio” a proposito dei termini iniziali previsti per beneficiare del sismabonus acquisto casa antisismica, introdotta nell’ultima Legge di Bilancio n.178 al Comma 68.
    In altre parole, per l’acquisto di una casa antisismica, ora vale anche un Permesso di Costruire rilasciato dopo il 01/01/2017, pur derivando da procedure autorizzatorie dell’anno precedente?
    Grazie per la disponibilità.
    Cari saluti.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      15 Giugno 2021 16:29

      No, le procedure devono essere per forza successive, perchè quella è la data di entrata in vigore del sismabonus.

  • Filippo Fantinato
    7 Giugno 2021 15:30

    Buongiorno Architetto, premesso che sono un comm.sta e che sto trovando davvero molto interessante e ben fatto il suo forum. Si tratta di una materia a metà tra la mia e la sua professione 🙂 Le chiedo pertanto – se sarà così gentile da rispondere – un’opinione su un caso non trattato dall’agenzia delle entrate. L’agenzia ha chiarito che per gli interventi di demolizione e ricostruzione, per zone sismiche 1 2 e 3 è possibile avere Sismabonus. (risposta 210 2021 agenzia entrate) – in quella risposta l’agenzia conferma diritto al bonus per demolizione e ricostruzione di fabbricato “di partenza F2”. Secondo lei, vale anche per fabbricati accatastati diversamente “in partenza” – se per esempio demolissi un capannone (D8) per fare più unità abitative, vale ancora sismabonus? cosa ne pensa? Sec lei è ragionevole porsi il tema se qualsiasi fabbricato demolito e ricostruito può dare diritto al sismabonus? La ringrazio anticipatamente

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      7 Giugno 2021 17:58

      In realtà non è un forum… 🙂 Cmq la materia è stata in realtà ampiamente trattata dall’AdE: si tratta semplicemente della questione del cambio destinazione d’uso. L’Agenzia ha più volte ribadito che gli interventi che abbiano come destinazione finale quella abitativa possono usufruire dell’agevolazione, purchè questo cambio risulti chiaramente dal titolo abilitativo.
      Cmq ci sono già in giro cantieri di questo tipo, cioè con fabbricati industriali dalla cui demolizione si stanno ricavando appartamenti da alienare con sismabonus acquisti.

  • Buongiorno. Sono in procinto di acquistare un box in un complesso di nuova costruzione dove è prevista la detrazione per sismabonus. Desideravo sapere se acquistando unicamente il box (sono già proprietario di un appartamento) posso richiedere la detrazione dell’85% o se devo acquistare anche un immobile.

    Rispondi
  • Buongiorno architetto,
    ho appena finito di leggere l’interpello dell’A.E. n. 5 del 2020, con il quale l’Agenzia chiarisce che se nel corso di un intervento edilizio dovessero essere stipulati dei preliminari di vendita REGISTRATI (quindi non per atto pubblico, senza l’intervento del notaio, senza trascrizione, non assistiti da garanzie fidejussorie) relativamente agli importi versati in acconto è possibile beneficiare della detrazione, a condizione che gli stessi siano registrati entro la data di presentazione della dichiarazione dei redditi nella quale si intende fruire della detrazione. Immediatamente dopo, l’agenzia ricorda che poichè è necessario che si realizzi anche il presupposto costituito dall’ultimazione dei lavori riguardanti l’intero fabbricato, la detrazione potrà essere fruita dall’acquirente solo dall’anno di imposta in cui i lavori siano stati ultimati.
    Non le sembra un’incongruenza ? Per quanto di mia conoscenza so che si opera anche a SAL , max 3 interventi, di 30, 30 e restante importo.
    Può fare un po’ di chiarezza in merito. Grazie.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      30 Maggio 2021 15:42

      Il discorso dei SAL riguarda la cessione del credito per i lavori fatti in prima persona, non il sismabonus acquisti che si usufruisce in un’unica soluzione.

  • Buonasera Architetto,sto acquistando una villetta di nuova costruzione (non demolizione) ancora in fase di completamento da costruttore,con permesso di costruire 2020, in una zona sismica 2 (Zona con pericolosità sismica media dove possono verificarsi forti terremoti.).Volevo sapere se posso accedere al sismabonus con cessione del credito ad istituto finanziario. Grazie

    Rispondi
  • Liborio Guida
    26 Maggio 2021 18:52

    Buonasera gentilissima Arch. Granata sono un costruttore e dovrei avviare un nuovo cantiere col Piano Casa Demolizione e Ricostruzione per la realizzazione di un piccolo edificio di 4 unità immobiliari ed un locale commerciale, vorrei sapere ad oggi come è messa la situazione del sismabonus acquisto, ossia come scadenza è ancora il 30/06/2022? La proroga al 31/12/2023 pare che non è stata inserita nel Decreto Sostegni, e resta solo una promessa di Draghi! Mi pare di aver letto da qualche parte che si è parlato in questi giorni di una eventuale ed ultima proroga al 31/12/2022? Lei che cosa ne pensa in merito all’eventuale proroga? Gentilmente mi può far chiarezza in merito alle date da rispettare o se lei sa qualcosa in più? Inoltre vorrei chiederle se il sismabonus lo può usufruire anche l’acquirente del locale commerciale. La ringrazio anticipatamente.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      27 Maggio 2021 19:48

      Per una proroga “lunga” dovremo attendere la prossima legge di Bilancio.
      I locali commerciali non possono usufruire del sismabonus acquisti.

  • pierangelo piubeni
    24 Maggio 2021 12:08

    Salve,
    l’impresa edile ha un immobile a “schiera” in centro storico. Nel caso lo demolissero e lo ricostruissero (supponiamo quindi che ci siano tutti i presupposti di legge) con i giunti strutturali oppure magari distanziandola dalle case dei vicini, chi acquista, può aderire al sismabonus acquisti?
    Grazie, buona giornata

    Rispondi
  • CIRO PERNA
    24 Maggio 2021 8:43

    Buongiorno Architetto, seguo con interesse il suo blog ed avrei necessità di porle anch’io un quesito. Non sapendo come inviarglielo ho utilizzato questo spazio e me ne scuso (non ho, purtroppo, dimestichezza con gli strumenti telematici). In effetti pur scorrendo le sue competenti risposte alle tante domande rivoltele, non ho trovato la risposta alla mia domanda: ” se dovessi acquistare un appartamento usufruendo per la componente prezzo del bonus acquisti di 96.000 euro, nel caso dovessi venderlo nei successivi 5 anni (infraquinquennale) allo stesso prezzo d’acquisto, i 96.000 euro rappresenterebbero una PLUSVALENZA ? Sentite grazie.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      26 Maggio 2021 19:52

      A mio avviso no, perchè si tratta di una somma che cmq fa parte del prezzo ed è semplicemente recuperata dalle tasse.

  • LIBORIO GUIDA
    20 Maggio 2021 20:08

    Buonasera Arch. Granata, sono un costruttore e volevo farle una domanda in merito al Sismabonus. Sono in procinto di acquistare un terreno in periferia in zona agricola su cui insiste una palazzina regolarmente accatastata A/2. Con l’applicazione del Piano Casa Demolizione e ricostruzione con aumento del 35% della volumetria, andrei a realizzare due villette della dimensione lorda di 120mq ciascuna con accesso indipendente e giardino indipendente. Potrei venderle con il sismabonus? in che categoria catastale dovrebbero trovarsi per poter usufruire della detrazione?

    Rispondi
  • Buongiorno,
    intervento di demolizione di una scuola e ricostruzione di 6 palazzine residenziali da impresa di costruzione e vendita diretta, unico permesso di costruire per l’intero intervento.
    Posso ottenere il supersismabonus acquisti come acquirente di un appartamento della seconda palazzina anche se l’intero complesso non è terminato (e lo sarà oltre 30/06/2022)?
    Rogito dell’appartamento entro 31/12/21.
    In linea generale si può ottenere il bonus anche per una fine lavori parziale riferita ad una singola palazzina strutturalmente autonoma rispetto alle altre, ma legata dallo stesso titolo abilitativo?
    Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      20 Maggio 2021 12:38

      Se la fine lavori è parziale si può acquistare e cominciare a usufruire della detrazione solo al momento dell’ultimazione (perdendo così qualche anno). Per sconto o cessione non ci sono indicazioni, ma secondo me il rischio è perderli se i lavori non sono ultimati entro 5 anni.

    • Gentilissima Arch. Granata, ad ultimazione dei lavori, il contribuente non fruirà della detrazione a partire dalla prima rata?
      Ho il dubbio anch’io ma ho trovato questo..
      Come indicato anche nella circolare 7/E/2018 dell’Agenzia delle Entrate, “è possibile fruire della detrazione anche se il rogito è stato stipulato prima della fine dei lavori riguardanti l’intero fabbricato. In tal caso, tuttavia, essendo necessario che si realizzi anche il presupposto costituito dell’ultimazione dei lavori riguardanti l’intero fabbricato, la detrazione può essere fruita solo dall’anno di imposta in cui detti lavori siano stati ultimati. Nella dichiarazione relativa a tale anno il contribuente fruirà della detrazione a partire dalla prima rata indicando quale anno di sostenimento della spesa quello di fine lavori”.
      Cosa ne pensa?
      Grazie.
      Buona serata

    • arch. Carmen Granata
      30 Agosto 2021 19:46

      E’ esattamente quello che ho detto. Il principio è che si comincia a usufruire delle detrazioni solo quando i lavori sono ultimati, per cui se si acquista prima, si rischia di perdere qualche anno.

  • Buonasera Dottoressa,
    volevo chiederLe due informazioni riguardo al sismabonus acquisti:
    1) nel caso di acquisto di due appartamenti adiacenti, dopo quanto tempo è possibile unirli catastalmente senza incorrere in recuperi e sanzioni?
    2) l’IVA va calcolata sul prezzo prima dello sconto in fattura o dopo?
    Saluti e grazie.
    Alfio

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      20 Maggio 2021 12:33

      1) Secondo me si può fare anche subito, non mi risultano preclusioni
      2) prima.

    • Buongiorno un informazione ma su due immobili hai usato due sismabonus grazie

    • arch. Carmen Granata
      26 Maggio 2021 19:54

      @Luca: certo, si può usufruire del bonus per un numero illimitato di unità immobiliari.

  • Buongiorno Dottoressa.
    Sono titolare di una impresa di costruzione proprietaria di un immobile da demolire e ricostruire, e alla vendita dei nuovi appartamenti verrà applicato lo sconto in fattura sismabonus acquisti 110%.
    Visto che la congruità delle spese non è necessaria, in quanto il sismabonus acquisti viene effettuato sul valore di vendita dell’immobile, mi chiedo se la polizza assicurativa è necessaria o meno.
    Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      14 Maggio 2021 19:55

      Certo che è necessaria! La polizza non ha a che vedere con la congruità o perlomeno non solo con quella ma con tanto altro.

  • Buongiorno architetto, io e mio fratello abbiamo acquistato un terreno con un edificio collabente, vorremmo realizzare due villette separate utilizzando il superbonus per una delle due in proporzione ai mc, esistenti, il permesso a costruire è relativo a demolizione e ricostruzione con ampliamento di 200 mc, per il piano casa che si sommano agli 860 già disponibili per il terreno, vorrei sapere se anche il sismabonus è solo per una villetta che sostituisce il vecchio edificio o se posso ottenerlo anche per l’altra villetta, La ringrazio per la disponibilità, buona giornata

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      11 Maggio 2021 19:41

      Può averlo per tutto ciò che rientra nell’intervento di ristrutturazione edilizia.

  • Buonasera architetto
    La detrazione delle spese sostenute per gli interventi di adozione di misure antisismiche con diminuzione di 2 classi di rischio in caso di demolizione e ricostruzione inquadrata come Nuova Costruzione NZBEB (zona vincolata con modifica prospetti) e’ fruibile se i lavori sono commissionati da un proprietario privato ad una impresa edile? Se si in che misura? Grazie per la disponibilita’

    Rispondi
  • Buona. ARCH
    Sempre molto chiara nelle risposte.
    Nel caso di un edificio in centro storico dove è prevista la demolizione del fabbricato mantenendo pero’ la sola facciata principale lungo la strada, considerato che la facciata non costituisce ne volume ne superficie, si può’ considerare demolizione totale e avere accesso al sismabionus acquisti?
    L’intervento rientra nell’art 3 comma 1 lett. d del 380 come ristrutturazione con demolizione
    GRAZIE

    Rispondi
  • Buonasera Architetto, complimenti per il sito e per il blog.
    Sto acquistando un appartamento con caratteristiche anti simiche da costruttore. ‘Ristrutturazione urbanistica per realizzazione di edificio residenziale a palazzina, previa demolizione fabbricati ad uso produttivo esistenti, in area completamento ad attuazione diretta denominata AD.Vi.6’ Permesso di costruire datato 1/10/2018, Asseverazione del 10/12/2019, Trasmissione dei documenti alla PA del 20/1/2020.
    Credo che questa casistica rientri nel superbonus 110%, conferma? Non mi è chiaro quali sono i documenti necessari per ottenere la cessione del credito e/o da presentare all’Agenzia delle Entrate in caso di eventuali controlli futuri – Può cortesemente aiutarmi? La ringrazio.

    Rispondi
  • Alessandro Napoli
    21 Aprile 2021 14:52

    Buongiorno,una volta presentato l allegato B sismabonus nei tempi richiesti(contestualmente alla richiesta di titolo abilitativo) è possibile inviare al comune successive modifiche ?

    Rispondi
  • Buonasera dottoressa.
    Parlo da assoluto ignorante e mi scuso. L’impresa edile ha difficoltà finanziarie e vorrebbe vendere immediatamente le unità immobiliari non finite (c’è l’agibilità e tutta la documentazione necessaria per il sismabonus acquisti ma mancano altri lavori “accessori”: cappotto, pannelli, tende da sole, mattonelle ecc…). Vorrei acquistarle per poi terminarle nei mesi successivi ma ho timore per la normativa Nzeb entrata in vigore nel 2021. è palese che le unità non avranno i requisiti Nzeb (non hanno il cappotto!) e non vorrei comprare delle unità senza i requisiti necessari. Considerando che i requisiti nzeb dovranno essere raggiunti al termine dei lavori (o almeno è quello che ho capito) Le domando se fosse possibile procedere in questo modo: 1) acquistare le unità 2) chiudere la pratica di inizio lavori solo per la parte riguardante i lavori sismici (da quello che ho capito è importante il rogito prima del 30/06/2022 ma senza la pratica di fine lavori la detrazione 110% non può essere ceduta) 3) cedere la detrazione 110% 4) incassare i soldi della cessione del 110% alla banca e continuare il progetto con la pratica inizio lavori presentata a giugno 2020 dall’impresa raggiungendo la classe nZEB installando il cappotto, pannelli ecc… Ho pensato a questa modalità perchè presumo che nel momento in cui l’impresa edile dovesse siglare il contratto di vendita chiudendo i lavori (per farmi cedere la detrazione 110% alla banca, altrimenti non avrei soldi sufficienti) le unità dovranno rispettare la normativa Nzeb (cosa che non potrà accadere non avendo cappotto, pannelli ecc…).
    Se invece, la normativa nZEB non dovesse influenzare il sismabonus acquisti potrei tranquillamente acquistarle, chiudere i lavori, cedere la detrazione 110% e aprire una nuova pratica di inizio lavori e terminarle in 2/3 mesi.
    La ringrazio e spero di essermi fatto capire

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      23 Aprile 2021 19:03

      Al di là dei requisiti nZEB, l’immobile deve essere ultimato dal costruttore. Non può acquistarlo con l’agevolazione e poi ultimarlo lei.

    • Prima di tutto grazie per la risposta è sempre gentilissima. Chiaramente dopo l’acquisto l’impresa continuerà i lavori, semplicemente cambierà il nominativo nel permesso di costruire

    • arch. Carmen Granata
      26 Aprile 2021 19:26

      E’ preferibile non cambiare l’intestazione del PdC.

  • giambattista
    19 Aprile 2021 15:07

    Buona sera,
    Per il sismabonus acquisti non trovo notizie riguardanti il miglioramento della classe energetica. In linea di massima trovo che sia necessaria l’agibilità (e tutti i classici documenti propedeutici alla vendita) ma non leggo vincoli alla classe energetica. Tuttavia mi domando, un edificio, a seguito demolizione con ricostruzione e poi vendita al privato nel 2021, dovrà rispettare la normativa “nzeb”?
    grazie e buona serata

    Rispondi
  • Buongiorno Arch.,
    grazie per la sua delucidazione sull’acuisto di box auto con acquisto di casa antisismicha da costruttore per cui non c’è un secondo massimale. Le chiedo un ultima cosa. Potrò usufruire dei Bonus Condizionatori, Verde e Sicurezza?
    Grazie
    Saluti Marco

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      22 Aprile 2021 19:58

      Bonus verde sì. Quelli che lei chiama bonus condizionatori e bonus sicurezza fanno parte del bonus ristrutturazione e potrà averli a determinate condizioni.

  • Buongiorno Architetto,
    la contatto per un chiarimento in merito all’acquisto di una casa antisismica devirata da una demolizione e ricostruzione mediante piano casa in zona sismica. Tale intervento può beneficiare delle detrazioni spettanti fino ad un importo massimo di 96.000 euro, se ho compreso bene. Inoltre l’impresa di costruzioni che ha realizzato vorrebbe vendere la suddetta casa avendone realizzato la sola struttura allegando ovviamente RSU e certificato di collaudo statico. Ovviamente a questi documenti si aggiungerebbero anche le asseverazioni dei tecnici incaricati.
    La mia domanda è se lo stato di fatto dell’immobile (solo struttura) preclude la possibilità di usufruire della detrazione. Grazie

    Rispondi
  • Buongiorno
    Io sono in procinto di acquista un appartamento in condomino per il quale ho diritto al sismabonus (aliquota del 85%). Domanda: 85% di 96000 che si può detrarre è su ogni appartamento o sull’intera unità immobiliare? Glielo chiedo perché il costruttore ha applicato lo sconto in fattura di circa 30.000€ per ogni singolo appartamento.. e volevo capire se è corretto o meno quello che ci stanno facendo. Grazie mille

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      22 Aprile 2021 19:54

      Per “unità immobiliare” si intende l’appartamento, quindi non comprendo la domanda.
      Ciò premesso, se legge l’articolo vedrà che in questo periodo l’agevolazione è del 110% e non dell’85%.

  • Buonpomeriggio Arch.,
    fra qualche mese perfezionerò l’acquisto di casa antisismicha da costruttore e potrò usufruire del superbonus 110%. Potrò usufruire anche della detrazione del 50% sui costi di costruzione del Box?
    Grazie
    Saluti Marco

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      16 Aprile 2021 19:51

      Con la Risposta a interpello n. 558 le Entrate chiariscono che in caso di interventi antisismici “mediante demolizione e ricostruzione di interi edifici, allo scopo di ridurre il rischio sismico, anche con variazione volumetrica rispetto all’edificio preesistente“, gli acquirenti possono beneficiare della detrazione del 110% per l’acquisto della casa comprensiva di box auto di pertinenza, anche se distintamente accatastato.”, quindi non c’è un secondo massimale per il box auto.

  • Buongiorno, io e la mia fidanzata vorremmo acquistare un appartamento oggetto di superbonus 110 (acquisto casa antisismica) cointestato, cedendo il credito alla banca. Vorrei sapere se dobbiamo inserire sul portale Deloitte due pratiche distinte (per la metà degli importi del prezzo d’acquisto e del credito spettante). Dato che la proprietà e quindi il pagamento della casa saranno cointestati vorrei sapere se il credito fiscale sarà suddiviso in due quote (ognuno avrà il 50 % del bonus sul proprio cassetto fiscale).

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      16 Aprile 2021 19:30

      Di solito in fattura va indicata la percentuale di spesa sostenuta da ogni beneficiario, in modo da calcolarne la relativa detrazione. In caso di acquisto penso che questo vada indicato nell’atto, quindi ad es. che pagate ciascuno il 50%. Non avendo conoscenza diretta della piattaforma Deloitte non posso dirle se le pratiche debbano essere separate, ma suppongo di sì.

  • Buongiorno Arch. Granata, vorrei acquistare un appartamento (facente parte di una palazzina di 8 unità, la cui ultimazione e consegna è prevista a luglio 2021). L’agenzia di mediazione immobiliare, incaricata alla vendita da parte dell’impresa, mi ha prospettato un bonus pari a 81.600€ (cioè equivalente all’85%). Diversamente invece, per un altro cantiere della medesima impresa e venduto sempre tramite la stessa agenzia di cui sopra, di cui però non sono ancora iniziati i lavori e la consegna è prevista a maggio 2022, il bonus illustrato è paria a 105.600€ (quindi il 110%).
    Mi chiedo dunque, ipotizzando per la prima palazzina in fase di ultimazione, di rogitare per l’estate 2021, se sia possibile far rivedere l’importo del bonus alzando l’aliquota dall’85 al 110%… oppure a determinare l’aliquota del 110% non è solo la data del rogito, ma possono essere le date/tempistiche di pdc, inizio lavori o altro?
    entrambi i cantieri si dà per scontato che rispettino i requisiti di demolizione e ricostruzione.
    Grazie mille, per il suo tempo e impegno

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      16 Aprile 2021 19:26

      Se legge l’articolo, vedrà che nel periodo di vigenza del superbonus l’aliquota (per il residenziale) è sempre del 110%.

  • Buonasera Dottoressa,
    un’impresa di costruzioni e ristrutturazione immobiliare è in procinto di acquistare, in un Comune ricadente in zona sismica 3, un lotto di terreno su cui insiste un fabbricato collabente che intende demolire completamente per costruire successivamente 3 villette residenziali bifamiliari, con aumento della cubatura preesistente ma nel rispetto dell’indice di fabbricabilità del predetto lotto di terreno, con una moderata traslazione dell’area di sedime.
    Chiedo pertanto se tale intervento possa rientrare nell’ambito agevolativo dell’art. 16, comma 1 – septies del dl n. 63/2013, considerato che lo stesso non sarà di mera demolizione e ricostruzione dell’edificio, ma si tratterà di un’operazione più complessa di riqualificazione di un’area, all’esito della quale saranno realizzate villette residenziali, con aumento delle volumetrie.
    Cordiali saluti.

    Rispondi
  • Buongiorno Dottoressa, un’impresa costruttrice di mia conoscenza ha individuato un terreno edificabile su cui insiste un fabbricato da demolire composto da una sola unità abitativa. L’impresa prevede, dopo la demolizione, di costruire tre villette a schiera, per poter poi far usufruire all’acquirente, di cui io ne sarei uno, il sismabonus per ogni unità abitativa. Le chiedo se, sempre ai fine dell’ottenimento del predetto bonus, sia possibile far costruire tre villette separate con relativo giardino indipendente e recintato, in sostituzione delle villette a schiera.
    Grazie per la disponibilità.
    Cordialmente.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      5 Aprile 2021 17:50

      Cosa si possa costruire dipende dalla strumentazione urbanistica locale.

  • giambattista
    1 Aprile 2021 16:53

    Salve, l’impresa edile ha iniziato i lavori di ristrutturazione su edificio collabente a due piani (due unità immobiliari accatastate singolarmente, una al primo e una al secondo piano. hanno solo in comune una scala). Con le pratiche di inizio lavori hanno presentato tutti gli allegati necessari agli interventi sismici (comporteranno una sola classe sismica guadagnata). Dopo circa due giorni di lavori l’edificio è letteralmente crollato (essendo collabente si sapeva fosse fragile ed è rimasta intatta sola una parete e mezzo piano). A questo punto vogliono presentare una integrazione alla pratica inserendo la demolizione con ricostruzione (il comune, a voce, ha già espresso il suo consenso). L’impresa edile mi ha annunciano che a fine lavori (entro giugno 2022) le due unità usufruiscono del sismabonus acquisti al 110%. Io sarei interessato ma spaventa questa integrazione. Posso quindi comprare le due unità usufruendo del 96000 x 2 u.i x 110%? (quindi un credito di 211000 euro) anche se i lavori sono iniziati come ristrutturazione e poi la pratica è stata integrata con demolizione e ricostruzione?
    Grazie, buona giornata

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      5 Aprile 2021 17:47

      Se c’è titolo per demolizione e ricostruzione e c’è tutta la documentazione necessaria può tranquillamente avere il superbonus.

    • pierangelo piubeni
      30 Giugno 2021 17:30

      Salve, mi aggiungo alla domanda.
      Se l’impresa iniziasse il lavoro con una SCIA per ristrutturazione (allegando la documentazione per il miglioramento sismico) e solo successivamente all’inizio dei lavori presentasse l’integrazione della SCIA con la dicitura “demolizione totale con ricostruzione” (causa stato dell’immobile peggiore di quanto previsto. Stato pessimo dimostrato anche da perizia dell’ingegnere) andrebbe bene?
      (mi scuso per eventuali termini non tecnici ho cercato di spiegarmi meglio che postessi)

    • Redazione Guida per Casa
      2 Luglio 2021 19:03

      @pierangelo piubeni: Per una consulenza personalizzata, richiedere qui il servizio a pagamento: https://www.guidaxcasa.it/richiedi-consulenza-le-detrazioni/richiedi-consulenza-per-le-detrazioni/

  • Posso godere dell’ agevolazione anche se acquisto un sottotetto?

    Rispondi
  • Buonasera,
    vorrei acquistare un appartamento in una zona sismica 2 da un’impresa di costruzioni che provvede a demolire un’unità abitativa con annesso deposito ed effettuerà ristrutturazione edilizia con ampliamento di volume (otto appartamenti) e miglioramento sismico di 2 classi (la richiesta del permesso a costruire è del 04/02/2021).
    Ad ogni step di avanzamento lavori sarà versata una quota come da preliminare da sottoscrivere
    Al 31/05/2022 gli acconti versati saranno pari al 60% del valore dell’appartamento .
    La consegna dell’appartamento è previsto per il 31/12/2022.
    Potrei usufruire del sismabonus acquisti?
    Entro quando bisogna fare il rogito per poter usufruire del bonus?

    Rispondi
  • giambattista
    27 Marzo 2021 11:20

    Salve, il sismabonus acquisti è trainante per il l’ecobonus 110%? cioè se acquistassi una casa sismica (demolito un edificio collabente e ricostruito) e successivamente volessi montare i pannelli solari, potrei?
    grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      30 Marzo 2021 12:33

      Il sisma acquisti non è trainante. Lei però può mettere i pannelli solari (termici, suppongo) e avere l’ecobonus 65%.

    • Buongiorno Arch. Granata, avevo letto un parere secondo cui anche l’installazione del fotovoltaico potrebbe beneficiare di Superbonus Acquisti se fatturata separatamente prima del rogito in quanto:
      – installazione di impianti solari fotovoltaici e di sistemi di accumulo sono trainati da qualunque Sismabonus che dia diritto al Superbonus (circolare 24/E pag 26);
      – ha diritto alla detrazione anche il promissario acquirente a condizione che sia stato stipulato un contratto preliminare di vendita dell’immobile regolarmente registrato.
      Quindi, con preliminare registrato, potrei pagare in anticipo (prima della fine lavori, circolare 24/E pag 24) l’installazione del fotovoltaico come intervento trainato, applicando superbonus 110%, e andare a rogito con l’intervento trainante (superbonus Acquisti 110%).
      Mi sembra un’interpretazione un po’ al limite ma forse applicabile, lei cosa ne pensa? Grazie, saluti

    • arch. Carmen Granata
      5 Aprile 2021 17:59

      @Marco: Sinceramente non concordo con questa interpretazione perchè è solo tale, non c’è nessun documento AdE a supporto di questa tesi.

  • Buongiorno Architetto, ho appena letto la sua risposta positiva a Miriam sulla possibilità di unire due appartamenti che hanno ottenuto il sismabonus acquisti 110% dopo aver rogitato e ceduto il credito dei due bonus ad un terzo.
    Le chiedo se tale unificazione dei due appartamenti non pregiudica il sismabonus ottenuto o sarebbe meglio aspettare gli 8 anni di possibile accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate?
    Grazie.

    Rispondi
  • Buongiorno Architetto, sono in procinto di acquistare 2 appartamenti distinti che rientrano nel sismabonus acquisti al 110%. A seguito del rogito e della cessione del credito di 2 bonus ad un terzo, è possibile unire tramite pratica edilizia le due unità abitative ottenendo una sola abitazione?

    Rispondi
  • Gentile Dott.ssa Granata, ho individuato un immobile di nuova costruzione (in zona sismica 2) da precedente demolizione del valore di 240.000 euro, volevo sapere se posso usufruire del sisma acquisti 110% con sconto in fattura. se è possibile, cosa devo chiedere o presentare all’impresa edile e/o agenzia immobiliare, e a quanto ammonta lo sconto in fattura? grazie mille

    Rispondi
  • Buonasera,
    Ho inserito la documentazione necessaria per procedere alla cessione del credito alla banca sul portale Deloitte.
    Sono fermo al punto dove si dobbiamo indicare la congruità delle spese degli interventi. Secondo il costruttore non è da compilare quella parte o quantomeno non sa come compilarla in quanto la detrazione spetta sul prezzo di acquisto e non sugli interventi effettuati. Mi potete aiutare a capire come compilarlo correttamente? Qualcuno ha già richiesto e usufruito del bonus? qualcuno ha compilato tale parte, come farlo??

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      19 Marzo 2021 12:08

      .La stessa piattaforma ha segnalato a un mio cliente che in questo caso quella parte non va compilata.

  • Gentilissimi,
    io ho acquistato un appartamento rogitando a dicembre del 2020. La ditta ha presentato l’allegato B solo a Gennaio, quindi gli appartamenti della mia stessa palazzina venduti che vanno a rogito in questi giorni hanno diritto al bonus.
    Mi conferma che io invece ho perso ogni diritto?
    Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      23 Marzo 2021 12:23

      In teoria sarebbe così. Però bisogna dire che sul sismabonus acquisti c’è ancora molta confusione su quelli che dovrebbero essere gli esatti adempimenti, perchè ci sono delle differenze rispetto a quelo per i lavori. Continui quindi a seguirmi perchè vi terrò informati.

  • Salve, ho un quesito.
    Supponiamo due immobili demoliti e ricostruiti con tutti i requisiti di legge per accedere al “sismabonus acquisto 110%”. L’impresa edile decide di vender a 70000 euro il primo e quindi l’acquirente avrà 77000 euro (70000 x 110%) di credito. Il secondo immobile vale 70000 euro ma l’impresa edile decide di costruire una piscina (dico piscina solo per indicare un lavoro completamente staccato dalla demolizione e ricostruzione). La conseguenza della piscina porta il valore dell’immobile a 80000 euro. Poichè la norma parla di calcolare il 110% sul “prezzo d’acquisto”, il credito maturato dal secondo acquirente sarà 77000 Euro (70000 x 110%) oppure 88000 euro (80000 x 110%)? Cioè, in sostanza, come si fa a valutare un prezzo di vendita congruo?
    La ringrazio.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      19 Marzo 2021 12:06

      L’AdE non ha dato indicazioni. Il Sole24ore suggerisce di confrontarlo con i prezzi dell’Osservatorio Immobiliare.

  • Renato P.
    15 Marzo 2021 6:40

    Buongiorno
    Ho comprato un immobile con il bonus sisma che vedo al costruttore.
    Di capitolato installa una caldaia a condensazione, ma se io volessi un extracapitolato, cioè installare un sistema ibrido a pompa di calore, posso usufruire dell’ecobonus 110%? Grazie

    Rispondi
  • Gent.ma Arch. Granata, La ringrazio per la Sua risposta. Non avevo avuto modo di vedere il Suo video e Le confermo la Sua chiarezza 😉
    Il quesito che Le ho posto e il risultato a cui si giunge è paradossale: lo Stato paga l’immobile e non solo!
    Sempre in riferimento al Sisma bonus Acquisti, vista la Sua preparazione, Le chiedo se, nel caso in cui sia stato firmato il compromesso e versati gli acconti prima del 1 luglio 2020 e si sia proceduto al rogito a fine 2020, si abbia diritto al Sisma Bonus 110 conteggiando il tetto di spesa massimo (96.000) considerando prima quanto pagato al rogito e poi, in caso di mancato raggiungimento, con il saldo del rogito, del tetto di spesa di euro 96.000, si debba calcolare la differenza al tetto con quanto versato prima del 1 luglio 2020, utilizzando le percentuali ordinarie del Sisma Bonus.
    In buona sostanza, è possibile utilizzare una logica LIFO per il SismaBonus 110? RingraziandoLa nuovamente, Le porgo cordiali saluti. Andrea

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      19 Marzo 2021 19:41

      Sì, dovrebbe essere un’interpretazione corretta. In sostanza: per le spese effettuate prima dell’entrata in vigore del superbonus si applica l’aliquota spettante in base alle classi, per quelle successive l’aliquota del 110%.

  • Alessandro
    11 Marzo 2021 1:52

    Buongiorno Architetto, quali e quante asseverazioni sono necessarie per usufruire del 110% nell’acquisto di casa antisismica?
    Oltre a rogito e asseverazione del progettista, è sempre necessaria anche l’asseverazione del direttore lavori (ed eventualmente collaudatore statico)? Quest’ultima è sicuramente necessaria per ottenere visto di conformità se voglio cedere il credito o scontarlo in fattura, ma in mancanza dell’asseverazione del direttore lavori posso portare comunque in detrazione diretta al 110%? Grazie, saluti

    Rispondi
  • Gent.ma Arch. Granata, complimenti per la chiara esposizione.
    Le pongo un quesito banale ma per il quale non ho ancora trovato risposta: per il Sismabonus Acquisti, assodato che il valore massimo di spesa ammissibile é euro 96.000, come si calcola il valore di spesa sul prezzo di acquisto? Per il bonus ristrutturazione su acquisto di immobile si applica il 25% sul prezzo di acquisto ma per il Sismabonus che criterio utilizzo? La norma dice letteralmente: “le detrazioni dall’imposta di cui al primo e al secondo periodo del medesimo comma 1-quater spettano all’acquirente delle unita’ immobiliari, rispettivamente nella misura del 75 per cento e dell’85 per cento del prezzo della singola unita’ immobiliare, risultante nell’atto pubblico di compravendita e, comunque, entro un ammontare massimo di spesa pari a 96.000 euro per ciascuna unita’ immobiliare”. Se acquisto un immobile (con 2 classi di rischio guadagnato) da euro 100.000, qual è la detrazione alla quale ho diritto? La ringrazio e saluto cordialmente. Andrea

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      14 Marzo 2021 18:24

      Forse la mia esposizione non è poi così chiara… 🙂 L’ho scritto nell’articolo: “La detrazione è calcolata sul prezzo di vendita risultante dall’atto notarile”. Quindi se lei paga 100.000, può detrarre il 110% di 96.000, 105.600. Lo spiego anche in questo video: https://www.youtube.com/watch?v=wldwkHedKZY

  • buongiorno architetto
    vorrei sapere se, ed eventualmente sulla base di quali requisiti, è possibile per la stessa persona beneficiare del sismabonus acquisti 96000 +96000 per 2 unità immobiliari ma comunque unico fabbricato. Ho sentito dire che basta che l’immobile abbia 2 garage, ma mi sembra troppo semplicistica come soluzione.
    Grazie per il suo servizio e le sue risposte

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      7 Marzo 2021 11:58

      Mai sentita una cosa del genere… In realtà il bonus di 96.000 euro è per ciascuna unità immobiliare acquistata. Lei in teoria ne può acquistare un numero X e avere il bonus per ognuna di esse.

  • Salve architetto,
    Mi sa dire all incirca il costo dell asseverazione finale per acquisto casa antisismica?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      6 Marzo 2021 18:45

      Dipende anche dall’importo e dall’entità dei lavori.

  • sto valutando l’ acquisto di una abitazione da impresa costruttrice, che ha effettuato interventi di cui al comma 1 lettera d dell’articolo 3 del Dpr n. 380/2001 in zona sismica 3, rientrante nella normativa del sismabonus (articolo 16, comma 1 septies, Dl 63/2013) le cui procedure autorizzatorie sono iniziate dopo il 1.1.2017 ma prima del 1 maggio 2019 esattamente il 29.06.2017 (I lavori sono iniziati il 12.02.2018 i lavori strutturali sono terminati il 6.5.2020 mentre la fine lavori architettonica ancora non è terminata.
    Il 6.7.2018 è stata presentata tardivamente l’asseverazione in base all’art 4 comma 1 del decreto ministeriale MIT 65 DEL 7.3.2017 dove risulta che al termine dei lavori si avrà il passaggio dalla classe D ad A
    Il giorno 11 giugno 2020 è stato presentato il certificato di collaudo
    Il sottoscritto ritiene che il caso prospettato debba essere risolto nel modo seguente:
    Appurato che il Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio tecnico centrale ha chiarito che questa norma, tenuto conto della circostanza che l’estensione alle zone 2 e 3 è intervenuta successivamente al DM n. 58/2017, ha inteso concedere la possibilità che i benefici fiscali previsti dal sismabonus, nel caso di imprese che, ai fini della successiva alienazione, avessero realizzato, dopo il 1° gennaio 2017, delle ristrutturazioni o ricostruzioni, mediante demolizione, di immobili, con documentato miglioramento sismico di una o più classi, siano estesi agli acquirenti delle predette unità immobiliari.
    Per tale ragione deve ritenersi che l’ottenimento dei benefici fiscali di cui all’art. 16, comma 1-septies, spetta agli acquirenti delle unità immobiliari ubicate nelle zone sismiche 2 e 3, oggetto di interventi le cui procedure autorizzatorie sono iniziate dopo il 1° gennaio 2017 ma prima del 1° maggio 2019, data di entrata in vigore delle nuove disposizioni, anche se l’asseverazione di cui all’articolo 3 del D.M. n. 58 del 2017 non è stata presentata contestualmente alla richiesta del titolo abilitativo. Tuttavia la richiamata asseverazione deve essere presentata dall’impresa entro la data di stipula del rogito.
    Nel caso sopra citato la tardiva presentazione dell’asseverazione non porta a decadenza il beneficio in quanto i lavori sono iniziati nell’arco temporale “sanato” dalla nota del n 4260 del 5 giugno 2020 del  Consiglio  Superiore dei Lavori Pubblici e con la eventuale asseverazione finale, in questo caso entro la stipula del rogito, prevista dal nuovo DM 329/2020 allegato B usufruire del super sismabonus al 110% decreto legge n. 34/2020, convertito con modificazione con la legge n. 77/2020 ovvero portare in detrazione/cessione del credito un importo pari ad euro 105.600,00.
    lei è d’ accordo?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      6 Marzo 2021 18:38

      Sì.

    • Buongiorno, in questo caso presentando asseverazione tardiva art 3 D.M. 58 del 2017 a rogito, questa potrà essere già nel formato aggiornato da Superbonus.
      Nel mio caso è stata presentata a metà maggio 2019 una asseverazione art 3 D.M. 58 del 2017 col formato aggiornato per l’epoca (Sismabonus 85%) quindi si asseverava stato ante operam, post operam e le classi di mitigazione del rischio, ma NON si asseverava la polizza assicurativa e la congruità della spesa come ora richiesto dal Superbonus. Viene comunque considerata valida questa asseverazione e basterà completarla con attestazione del Direttore Lavori (persona diversa dal progettista) che a sua volta stipulerà e attesterà polizza assicurativa e congruità spesa, oppure anche il progettista dovrà presentare una nuova asseverazione? Grazie, saluti

    • arch. Carmen Granata
      18 Marzo 2021 13:13

      Proprio nei giorni scorsi l’AdE in una risposta ha chiarito che va bene il vecchio modulo perchè l’agevolazione “è commisurata al prezzo della singola unità immobiliare risultante nell’atto pubblico di compravendita e non alle spese sostenute dall’impresa in relazione agli interventi agevolati. ” e quindi non si può richiedere la congruità dei prezzi relativi ai lavori.

    • Grazie Arch. Granata, per la congruità della spesa immaginavo che non fosse un problema, essendo più che altro una formalità in caso di Superbonus Acquisti.
      Invece vedo più un problema la mancanza di polizza assicurativa, non richiesta per Sismabonus 85% ma richiesta per Superbonus 110%. Nel 2019 l’asseverazione non chiedeva la polizza che quindi non è presente e nemmeno è stata stipulata. Per permettermi un Superbonus Acquisti 110%, il progettista dovrebbe stipulare ora una polizza assicurativa e fare una nuova asseverazione? presentandola in Comune come “tardiva”? Il progettista peraltro è persona diversa dal Direttore Lavori quindi in teoria sul cantiere in oggetto il suo compito è già terminato. Grazie, saluti

    • arch. Carmen Granata
      19 Marzo 2021 19:52

      @Marco: Le polizze professionali hanno una copertura retroattiva, proprio perchè l’errore può verificarsi molti anni dopo la prestazione svolta.
      Quindi non c’è nessun problema a stipularla “a posteriori”.

  • Buongiorno Architetto, approfitto della sua consueta cortesia e competenza per un quesito.
    Nel Marzo del 2020 ho stipulato un contratto preliminare di compravendita per l’acquisto di un immobile da costruire conforme ai requisiti previsti per beneficiare della detrazione fiscale (sisma) dell’85% max Eur 96.000,00. Contestualmente al compromesso, è stata stipulata anche una scrittura privata con la quale mi sono impegnato a cedere il credito dell’85% alla ditta costruttrice per l’importo xxxxx. Atteso che ad oggi ho praticamente ultimato i pagamenti previsti dell’immobile, (il saldo sarà l’importo della cessione del credito) e che il rogito sarà stipulato entro il 31 Dicembre 2021, secondo Lei, ho diritto da parte della ditta costruttrice ad una revisione dell’importo della cessione a seguito dell’aumento del bonus da 85% a 110%? Grazie, Cordiali Saluti

    Rispondi
  • Buongiorno, sono in procinto di acquistare una casa antisismica in zona sismica 3 (demolizione e ricostruzione) con miglioramento di rischio sismico ed energetico di oltre 2 classi. Dovrei firmare con il notaio il compromesso (che verrà registrato e conterrà le indicazioni per il super sisma bonus) per fine mese e prima del 30 giugno 2022 avrò già versato la metà del prezzo pattuito di 314.000€. il permesso di costruire così come l’asseverazione sono state presentate e autorizzate a dicembre del 2020 e la demolizione è stata fatta a gennaio. Ora stanno procedendo con i lavori. Il saldo lo faremo al rogito appena finiti i lavori e il tutto è previsto per l’inizio dell’autunno 2022. Posso usufruire del super sisma bonus del 110% sul valore massimo di 96.000€ e della relativa cessione del credito ad una banca abilitata? Grazie.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      6 Marzo 2021 18:33

      Sì, se come dichiarato effettua i pagamenti prima del 30 giugno 2022.

    • Ero convinto che per usufruire dell’agevolazione di 96.000 Euro, la fine lavori e il rogito dell’unità immobiliare dovessero avvenire entro il 30/06/2022. Visto che nel quesito si parla di autunno 2022, chiedo all’Arch. Granata se c’è stato qualche aggiornamento al riguardo che non conosco?
      Grazie molte.

    • Buongiorno, ma a quanto ho capito è necessario anche che il rogito sia stipulato entro il 30.06.2022. Dico bene? Grazie

    • arch. Carmen Granata
      7 Marzo 2021 12:02

      Nessun aggiornamento. Non c’è scritto da nessuna parte che la fine lavori debba essere fatta entro quella data. Semplicemente il superbonus si può avere per le spese sostenute entro quella data, quindi se l’acquisto avviene prima della fine lavori, nessun problema.

    • arch. Carmen Granata
      7 Marzo 2021 12:04

      @Roberto: sì.

    • mi collego al commento per fare una domanda. Se l’impresa edile volesse degli acconti, questi sarebbero immediatamente cedibili alla banca? ad esempio: Supponiamo un acconto di 50000 euro l’1/6/2021 e rogito il 1/2/2022. i 50000 euro del primo giugno 2021, potrei già cederli nella stessa data alla banca incassando i 55000 euro (50000 x 110%)?
      Cordiali saluti

    • arch. Carmen Granata
      19 Marzo 2021 19:45

      @dario: non ci sono indicazioni specifiche per il sisma-acquisti; in teoria sì.

  • Complimenti per la sua disponibilità e la sua piena competenza in materia. Avrei bisogno di sapere dettagliatamente come mi devo comportare, cosa prevede che ci sia per legge e cosa devo chiedere (e stare attento a ….) all’acquisto di un appartamento con il sisma bonus. Premetto che il costruttore (venditore) devono demolire, marzo-aprile 2021 una abitazione avente piano terra e 1° piano con annesso giardino. Su di essa costruiranno 3 garage sottostanti, piano terra, livello stradale, uffici e 1°-2° e 3°piano (3 appartamenti) comune in zona sismica livello 3. Inoltre hanno riferito che faremo la cessione del credito ad un’istituto di credito da loro individuato e che sarà di € 92.000.
    Detta richiesta à scaturita dalla poca chiarezza da parte dell’Ade.
    Cordiali saluti.

    Rispondi
  • Andrea Campagnola
    25 Febbraio 2021 14:41

    Buonasera architetto,
    la presente per richiederle se alla fronte di acquisto di un appartamento agevolabile con sismabonus acquisto 110% è possibile godere di detrazione fiscale al 50% per il box auto pertinenziale.
    Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      5 Marzo 2021 19:10

      Nello stesso anno no, perchè il massimale di 96.000 euro è lo stesso.

  • domenico mastropierro
    23 Febbraio 2021 1:55

    Buonasera architetto, in una risposta del 20 febbraio 2021 riguardante l’asseverazione sulla congruità dei prezzi in caso di sisma bonus vendita, Lei parla di un chiarimento che che precisa che la congruità della spesa non va compilata. Tra i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate non ho trovato nulla a riguardo. Può essere più precisa? Grazie.

    Rispondi
  • Buonasera Architetto, sto seguendo con interesse il suo blog e devo farle i complimenti per la sua preparazione e precisione nelle risposte. in relazione ad una delle ultime che ha fornito all’utente Antonio ha riferito che è stato chiarito che in caso di sisma acquisti la parte relativa alla congruità della spesa non va compilata. Potrebbe gentilmente indicarmi dove è contenuto tale chiarimento e chi lo ha fornito e quando? Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      7 Marzo 2021 11:52

      Per gli utenti Alessandro, Antonio e Domenico Mastropierro: mi scuso per essermi espressa male. Quando ho parlato di “chiarimento” non intendevo una nota ufficiale dell’AdE, ma una risposta fornita da una delle piattaforme che gestiscono il credito: “per quanto riguarda la congruità dei costi, le segnalo che si tratta di un errore del modello che non tiene conto delle specificità del sismabonus acquisti”.
      E’ di fatto l’ammissione di una illogicità del modello, ma purtroppo non ci sono ancora indicazioni ufficiali dell’AdE.

  • Grazie Architetto. Può dare i riferimenti con i quali “è stato chiarito che nel caso del Sismabonus Acquisti la parte dell’asseverazione sulla congruità dei prezzi non va compilata”?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      28 Febbraio 2021 16:29

      Non c’è ancora un riferimento ufficiale. E’ una constatazione delle piattaforme che gestiscono la cessione del credito.

  • Buonasera Architetto e grazie per la sua risposta “A mio avviso si deve asseverare la congruità delle spese per le quali si intende usufruire delle detrazioni. Se queste comprendono anche lavori accessori a quelli delle strutture, vanno asseverati anche quelli.”
    In quest’ottica, nel caso della “Case antisismiche” è il prezzo di rogito che è sottoposto a detrazione fino a 96.000 Euro. Questo prezzo è composto dai costi delle strutture, degli impianti, delle finiture ecc. ma anche del costo terreno, dell’utile di impresa, delle spese di mediazione, marketing e pubblicità ecc. Tutti costi che non sono presenti nei prezzari reginali e/o DEI. Quindi analisi del prezzo anche per tutto ciò? Un tecnico asseveratore non può spingersi a valutare la congruità di certe spese, non crede?
    Grazie ancora per la possibilità di confronto.

    Rispondi
  • buona sera architetto quando si parla di congruità della spesa ammessa a detrazione (l’asseverazione) che deve fare il progettista prima dei lavori nel sisma bonus acquisti che valore va indicato visto che nel caso specifico la detrazione viene calcolata sul prezzo dell’atto d’acquisto molte grazie per il suo lavoro molto utile per noi tutti

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      20 Febbraio 2021 16:59

      E’ stato chiarito che in caso di sisma acquisti la parte relativa alla congruità della spesa non va compilata.

    • Buonasera arch. Articolo MOLTO interessante, complimenti. Sa dirmi in che modo è stato chiarito questo particolare della non compilazione della congruità della spesa in caso di Sismabonus acquisto? Grazie in anticipo per la risposta

  • Raffaele Marrazzo
    18 Febbraio 2021 22:28

    Buonasera,
    una società immobiliare demolisce e ricostruisce un edificio adibito a mensa aziendale per realizzare dei mono e bilocali da vendere ad un’altra società che ne gestirà gli affitti. E’ possibile godere del sisma bonus (85% o 110%) con la relativa cessione del credito? Grazie della sua professionalità.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      20 Febbraio 2021 16:27

      Sì, ma solo per il sismabonus ordinario. Il 110% è riservato ad acquirenti persone fisiche.

  • Buongiorno, per quanto riguarda l’acquisto di case antisismiche, a cui si applica Sismabonus acquisti ora al 110%, è sufficiente dimostrare che l’unità che si acquista è distintamente accatastata all’interno del futuro condominio in realizzazione, senza per forze rispettare il requisito di “unità immobiliari funzionalmente indipendenti” (richiesto per il Superbonus / Super Ecobonus)? Il dubbio nasce perché sto acquistando 2 unità in un condominio (9 unità) in cui ci saranno alcuni impianti condivisi (tra 2 o a volte più unità immobiliari): acqua con addolcitore, energia elettrica con fotovoltaico, riscaldamento (senza contabilizzazione ufficiale e ripartizione dei consumi, perché saranno in comune tra parenti); non ci sarà impianto di gas.
    Ovviamente rispettando tutti gli altri requisiti (zona sismica, asseverazioni, data di acquisto ecc).
    Grazie, saluti

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      17 Febbraio 2021 19:58

      NON ESISTE IL REQUISITO di unità funzionalmente indipendenti… è una TIPOLOGIA, non un requisito.
      Sono altre le cose che deve guardare: è frutto di una demolizione e ricostruzione e viene venduto direttamente dal costruttore?

    • Buonasera, certo l’acquisto è da impresa di costruzioni, due appartamenti in una palazzina oggetto di demolizione e ricostruzione (SCIA di restauro, attraverso demolizione e fedele ricostruzione con recupero volumetrico, in cui si assevera la diminuzione di due classi di rischio sismico in zona sismica 3), a rogito entro fine 2021 (qualche unità potrebbe essere avere rogito nei primi mesi del 2022).
      L’unico mio dubbio riguardava gli impianti in comune, decisione presa prima del Superbonus, che mi chiedevo se potesse ora complicare l’applicazione del Sismabonus Acquisti al 110%, visti tutti i chiarimenti ultimamente pubblicati sulle “unità funzionalmente indipendenti” riferite al Superbonus in generale. Anch’io ritengo che riguardino solo il “Super Ecobonus” ma visto che nel caso saremmo ancora in tempo a procedere per impianti separati, chiedevo un chiarimento. Grazie, saluti

    • arch. Carmen Granata
      18 Febbraio 2021 18:26

      Mi dispiace, ma neanche la sua interpretazione è corretta. Le posso assicurare che accesso autonomo e indipendenza funzionale non c’entrano un bel nulla con il suo caso, quindi può stare tranquillo. 🙂

    • Buongiorno, stiamo facendo una cosa similare.. acquistate entrambi gli appartamenti come prima casa e li unirete o uno è prima casa e l’altro seconda casa?

  • Buongiorno Architetto.
    Ha novità circa le modalità con le quali è necessario asseverare la “congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati”? La Risposta ad interpello 325/2020 specifica per la versione Superbonus, che tale asseverazione deve essere effettuata dalle figure professionali responsabili delle strutture e quindi ritengo che siano la congruità di questi costi che deve essere asseverata. Concorda con questa interpretazione?
    Grazie.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      17 Febbraio 2021 18:38

      A mio avviso si deve asseverare la congruità delle spese per le quali si intende usufruire delle detrazioni. Se queste comprendono anche lavori accessori a quelli delle strutture, vanno asseverati anche quelli.

  • Buongiorno, davvero complimenti per Sua professionalità e competenza.
    Mi rimane un dubbio. In caso di demolizione di un edificio per la realizzazione di molteplici palazzine, qualificate come unico condominio, bisognerebbe completare l’intero cantiere per poter accedere alle agevolazioni del sismabonus acquisti?
    L’acquirente che acquista un appartamento situato nella prima palazzina completata, con rogito entro il 31.12.2021 può usufruire del sismabonus acquisti se le altre palazzine devono ancora essere costruite?
    Provo a suggerire una risposta, confidando nel Suo parere al riguardo.
    Sismabonus acquisti al 110% per rogito datato al 31.12.2021, ma con possibilità di iniziare a conteggiare i cinque anni di detrazione solo a partire dalla data di completamento dell’intero cantiere.
    Se fosse così, vi sarebbe un limite temporale per il completamento del cantiere?
    La ringrazio moltissimo per la Sua preziosa disponibilità.
    Auguro a Lei e a tutti i lettori una buona serata.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      17 Febbraio 2021 12:35

      La sua interpretazione è esattamente quel che dice l’AdE.
      Tenga presente però che in ogni caso l’agevolazione “finirà” nel 2026, per cui più tardi si inizia a conteggiare gli anni, meno se ne potrà usufruire.

    • La ringrazio moltissimo Arch. Granata per la Sua preparazione in merito. Davvero complimenti!
      Naturalmente in questo caso (demolizione di un edificio per realizzazione di diverse palazzine accatastate come unico condominio) bisogna attendere il completamento dell’intero cantiere, non della singola palazzina, giusto?
      Avrei un’altra curiosità. Se nel caso in questione l’acquirente acquista un appartamento con garage di pertinenza + un altro garage singolo non di pertinenza situato nello stesso condominio, potrebbe beneficiare due volte del sismabonus acquisti?
      Grazie ancora!

    • arch. Carmen Granata
      19 Febbraio 2021 19:55

      Confermo che si deve attendere l’ultimazione dell’intero complesso.
      Il bonus è unico per abitazione più tutte le pertinenze, quindi la risposta alla seconda domanda è negativa.

    • Gentilissima Architetto Granata,
      mi scusi se la disturbo ancora.
      Eravamo giunte alla conclusione che in caso di demolizione di un edificio per realizzazione di diverse palazzine accatastate come unico condominio bisognava attendere il completamento dell’intero cantiere, non della singola palazzina, per procedere con le detrazioni del sismabonus acquisti (faccio riferimento ad un’acquirente che acquista un appartamento situato nella prima palazzina completata, con rogito entro il 31.12.2021).
      Secondo Lei sarebbe ammissibile che l’acquirente di tale appartamento situato nella prima palazzina completata, con rogito entro il 31.12.2021, inizi subito a beneficiare delle detrazioni a fronte di un “attestato di agibilità parziale”, relativo al completamento dell’intera prima palazzina (le altre da costruire)?
      Tale “attestato di agibilità parziale” non sarebbe prova di “completamento lavori” nella prima palazzina e pertanto sufficiente per poter beneficiare già da subito del sismabonus acquisti?
      La riqualifica di un’area di grandi dimensioni richiede molto tempo (e molti soldi!) e penso sia proprio la ratio della norma quella di favorire tali interventi di riqualificazione.
      La ringrazio moltissimo.

    • arch. Carmen Granata
      16 Aprile 2021 19:48

      La norma è chiara… L’unica discriminante potrebbe essere che per “ultimazione fabbricato” si intenda l’ultimazione di ogni singola palazzina. In questo caso provi a chiedere direttamente all’AdE se si può intendere così.

  • Buongiorno architetto, complimenti per la pagina web.
    Le sottopongo un caso. Capannone commerciale, demolito e il volume viene convertito in palazzina con appartamenti residenziali e piano terra con negozi. Ora è chiaro che per gli appartamenti si potrà usufruire di una detrazione massima di 96.000 euro, che al 110% diventa 105.600 euro in 5 anni. Invece per l’acquisto del negozio è possibile usufruire delle detrazioni? E se si, quali? Grazie anticipatamente.

    Rispondi
  • Nicola Romito
    5 Febbraio 2021 23:59

    Buona sera ARCHITETTO, vorrei sapere se esiste un limite al numero di case antisismiche che posso acquistare in un condominio dopo ristrutturazione con demolizione e ricostruzione. Grazie

    Rispondi
  • salve architetto, la ringrazio per il servizio che offre
    provo a porle il mio quesito
    c’è possibilità di beneficiare del sismabonus come persona fisica anzichè acquistare da ditta che fa i lavori, ma non possedendo io l’immobile e nemmeno i soldi per acquistarlo, possa far rientrare anche l’acquisto dell’immobile nel compunto dei 96000 di cui poi beneficierei? non so se sono stata chiara…
    oppure la ditta potrebbe acquistare una casa da ristrutturare, modificando anche la pianta, senza demolire e beneficiare del superbonus 110% in modo che l’operazione mi venga sempre a costo zero o quasi?

    Rispondi
  • Buonasera architetto,
    sarei interessato all’acquisto di un appartamento in un complesso di 6 alloggi il quale sarà realizzato completamente antisismico.. premetto che adesso la struttura e composta da 4 piani fuori terra .. sarà presentata una scia x demolizione e ricostruzione della parte strutturale, verrà abbassata di un piano, sarà demolito e ricostruito il tetto in legno, saranno tirate giu tutte le solette (adesso a volte in mattoni) e ricostruite in calcestruzzo – sarà eseguito vespaio + fondazioni da dove partiranno pilastri in calcestruzzo… in poche parole rimangono in piedi solo qualche muro che non farà piu parte della struttura.. una porzione di casa (gia crollata) sarà demolita e ricostruita totalmente come anche i garage… secondo il suo parere posso considerarla come demolizione e ricostruzione x accedere al sisma bonus acquisti? il complesso è situato in centro storico ed è già stato approvato il Piano di Recupero x i lavori sopraindicati

    Rispondi
  • giovanni de caro
    18 Gennaio 2021 16:25

    Buonasera architetto e complimenti x le chiare risposte. Le formulo una domanda: Se quattro amici compriamo un fabbricato con annesso terreno, per poterlo demolire e farne 4 appartamenti piccoli a schiera, il tutto già con l’avallo ufficioso del Comune, possiamo noi chiamare una ditta che ci esegue i lavori, sfruttare la possibilità che la demolizione con ricostruzione rientri nelle “ristrutturazioni edilizie” pagare con bonifico e detrarre il 50% in 10 anni?… cioè come le semplici ristrutturazione di un po’ di anni fa nei condomini… grazie x la risposta

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      23 Gennaio 2021 18:48

      Sì, ma dal titolo abilitativo deve risultare ristrutturazione edilizia ai sensi dell’art. 3 dpr 380/01.

  • Buongiorno Architetto,
    dovrei acquistare un appartamento in un fabbricato demolito e ricostruito con i criteri che mi consentono l’utilizzo del sismabonus acquisti. Quale è il termine?
    Grazie per la risposta ringraziandoLa per la preziosa opera che ci offre.
    Saluti

    Rispondi
  • Buongiorno! Vorrei chiederle gentile conferma se la legge di bilancio 2021 ha spostato il termine ultimo del rogito al 30.06.2022 per ottenere Sismabonus acquisti? O vale anche per questo il discorso del 60% entro il 30.06.2022 ed in tal caso estensione al 31.12.2022? Grazie mille per usuale cortesia!!

    Rispondi
  • anche se la medesima persona, oltre alle 2 unità che vorrebbe acquistare con il sisma bonus acquisto, sta già usufruendo del super bonus 110% su altro immobile?

    Rispondi
  • Inoltre la conguità dei costi sempre relativamente al sisma acquisti deve essere finalizzata ad asseverare se è congruo il prezzo di vendita come si evince anche da un articolo del sole 24 ore?
    a mio avviso sarebbe sempre opportuno asseverare le spese… ma quale nesso ci sarebbe tra spese e prezzo di vendita visto che il bonus si genera su quest’ultimo che tiene conto anche dell’utile d’impresa.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      26 Gennaio 2021 18:47

      Il problema è che non sono stati definiti degli adempimenti specifici per il sisma-acquisti.
      Si parla di congruità delle spese per i lavori e si dà come riferimento i prezziari ufficiali. Se volessimo considerare la congruità del prezzo di vendita, quali sarebbero i riferimenti per giudicarla?

  • Buonasera Architetto, secondo lei è possibile accedere al sisma-acquisti a seguito di demolizione di un intero fabbricato (2 appartamenti) e ricostruzione di un fabbricato molto piu grande (8 appartamenti) autorizzabile come art. e) nuova costruzione e non con articolo d) ristrutturazione?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      26 Gennaio 2021 18:34

      No.

    • Buonasera Architetto. Integro la domanda precedentemente proposta da Matteo. In caso di un intervento paragonabile a quello descritto da Matteo effettuato in zona 3, nei limiti temporali di avvio dell’iter progettuale che prevedono la presentazione dell’asseverazione tardiva (allegato B). L’asseverazione presentata, comunque prima del rigito notarile, supera e integra il permesso a costruire facendo sì che l’intervento rientri in un’opera di ristrutturazione (demolizione – ricostruzione come da art.3 comma 1 lettera d come riportato nel suddetto allegato B)?? Sto chiedendo per l’applicazione del Sismabonus Acquisto 110.

    • arch. Carmen Granata
      20 Febbraio 2021 16:55

      @Vito: non confondiamo i piani. L’asseverazione non ha nulla a che vedere con la pratica urbanistica e non è con questa che si può far sì che l’intrvento rientri in ristrutturazione urbanistica ex art.3.

    • Perfetto architetto! Quindi se dalla pratica urbanistica non si evince un intervento di ristrutturazione, non si potrà godere dell’applicazione del sismabonus acquisti?

    • Salve Architetto. Nell’Interpello 97 di qualche giorno fa in l’agenzia delle entrate si esprime così: “La fruizione della detrazione di cui al citato articolo 16, comma 1-septies del decreto-legge n. 63 del 2013 – a prescindere dalla circostanza che il titolo abilitativo sia emesso ai sensi dell’articolo dall’articolo 3, comma 1, lettera d) o e), del d.P.R. n. 380 del 2001, ma nel presupposto che l’intervento sia effettuato all’interno dei limiti e nel rispetto di quanto consentito dagli strumenti urbanistici vigenti – è consentita anche nell’ipotesi in cui la demolizione e ricostruzione
      dell’edificio abbia determinato un aumento volumetrico rispetto a quello preesistente”. Quindi dovrebbero aver aggiunto anche l’articolo 3 lettera “e” Nuova Costruzione.

    • arch. Carmen Granata
      25 Febbraio 2021 12:42

      No, non è possibile.

  • Buonasera gentile Architetto e complimenti per la competenza.
    Gentilmente potrebbe confermarmi se nello stesso intervento immobiliare, verificati tutti i requisiti del caso, sia possibile per una stessa persona usufruire del bonus sisma acquisti per 2 unità?

    Rispondi
  • buonasera architetto, le spiego la mia situazione, ho acquistato una casa di nuova costruzione ho fatto l’atto notarile 8 maggio 2020, lo stabile di quattro appartamenti il costruttore non so per quali motivi non poteva cedere i crediti del sisma bonus.
    questi giorni ho saputo che il restante degli appartamenti li ha venduti con il sisma bonus. Ma io,oggi, posso chiedere dopo aver fatto l’atto e stipulato un mutuo il mio credito del sisma bonus?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      17 Gennaio 2021 17:27

      No, perchè questa cessione è in vigore per le spese effettuate dal primo luglio 2020.

  • Buongiorno e buon Anno Nuovo
    con riferimento al Sismabonus Acquisti, non sono riuscito a capire se il termine ultimo per il rogito è stato spostato dalla legge di Bilancio appena approvata dal 31.12.2021 al 30.06.2022. Lo chiedo in quanto ho intenzione di comparare un appartamento che potrebbe beneficiare del Sismabonus Acquisti, ma il rogito sarà a Maggio 2022. Grazie mille in anticipo per un suo gentile riscontro. Roberto

    Rispondi
  • Buonasera Architetto sono proprietario di due unità immobiliari (appartamento e cantina singolarmente accatastate) in un edificio composto da nove appartamenti e nove cantine (le altre unità sono di un’altro proprietario). L’immobile è sfitto e degradato, di conseguenza avremmo deciso di demolirlo e di accedere al sismabonus 110 (quindi 96.000 x 18) per la ricostruzione in ambito di ristrutturazione. E’ corretto interpretare che tutte le spese per la ricostruzione rientrano nell’agevolazione nei limiti sopra indicati considerando che l’intervento di categoria superiore assorbe quelli di categoria inferiore ad esso collegati o correlati.

    Rispondi
  • Salve, intanto grazie per l’informativa del sito molto interessante.
    Cmq ho un quesito: ho fatto un preliminare nel 2018, adesso sto per fare l’atto e il costruttore è disponibile ha fare l’asseverazione tardiva in quanto prevista per la zona sismica 3. Mi sorge il dubbio che i pagamenti degli acconti sono stati effettuati da mio padre con assegno bancario e non con versamento come leggo nella normativa. Ovviamente prima non si poteva accedere per le zone sismiche 3 motivo per cui non ho rispettato il requisito del bonifico. C’è qualche deroga e quindi posso accedere?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      3 Gennaio 2021 18:34

      Per il sismabonus acquisti non c’è obbligo di bonifico.

  • fabrizio nati
    3 Gennaio 2021 10:55

    Buongiorno Arch. e buon anno,
    la legge di bilancio appena pubblicata in gazzetta la a pagina 12 al comma 66 lettera f proroga al 30.6.2022 il termine per gli acquirenti di unità immobiliari di fabbricati demoliti e ricostruiti con criteri antisismici disponendo anche il 110% di 96000,00e. quale limite utilizzare come credito di imposta per le spese fatte entro quella data. Per le spese si intende il rogito vero e proprio o è sufficiente il compromesso che poi estende il beneficio all’intera somma versata successivamente al 30.06.2022? Ritiene corretta la mia interpretazione della proroga a 30.06.2022 del “sismabonus acquisti”? Grazie e saluti

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      3 Gennaio 2021 18:29

      La data fa riferimento al momento in cui la somma è pagata, quindi è il pagamento che va fatto entro quella scadenza e non il compromesso.

  • Buonasera Architetto, nel caso di un edificio a due piani composto da due unità immobiliari una a piano terra l’altra a piano primo con ingressi indipendenti per i quali sono previsti lavori di ristrutturazione riguardanti sisma ed ecobonus è possibile usufruire della proroga al 31/12/2022 relativa al superbonus riservata solo ai condomìni per i quali siano stati eseguiti il 60% dei lavori?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      3 Gennaio 2021 18:27

      Sì, se è un condominio. Nel senso che devono essere due unità di proprietari diversi.

  • buongiorno, avrei questo quesito. A breve andremo a rogito per acquisto nuovo appartamento con diritto alle detrazione SISMABONUS. L’immobile verrà intestato a mio figlio mentre il costo e i pagamenti saranno a mio carico (sono il padre).
    la cessione del credito per il recupero della detrazione prevista deve essere eseguita a mia nome? grazie per una risposta

    Rispondi
  • Buongiorno grazie di tutto e buon anno. Le chiedo se una costruzione demolita, ampliata e ricostruita leggermente fuori sedime, il tutto grazie al piano casa possa usufruire della classica “ristrutturazione edilizia” pari al 50% della spesa (Max 96.000 euro), ma molto più conveniente dal punto di vista degli adempimenti e molto più pratica nella detrazione di 10 anni. Grazie.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      28 Dicembre 2020 19:02

      Sì, se dal titolo autorizzativo l’intervento risulta di ristrutturazione edilizia ai sensi dell’art. 3, lettera d) del dpr 380/01.

  • Roberto Vento
    28 Dicembre 2020 11:30

    Buongiorno, grazie per il sito, molto utile e ben fatto. La Camera ha appena approvato estensione del superbonus al 2022 (6 + 6 mesi). Possiamo quindi considerare che anche il Sismabonus acquisti è stato prorogato a questa data? Che ne dice? Grazie mille in anticipo per un gentile riscontro.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      28 Dicembre 2020 18:59

      Non ho ancora letto il testo definitivo della legge, cosa che mi riprometto di fare quando sarà pubblicata in Gazzetta, ma dovrebbe essere così.

  • Buongiorno
    ho acquistato un immobile con sisma bonus (con credito girato al costruttore)
    Alcune opere, come il cancello elettrico, non viene installato. Posso avere il credito del 50% (bonus cancello elettrico)? lo stesso vale per il condizionatore con pompa di calore. Invece posso usufruire bonus mobili e la relativa detrazione del 50% in 10 anni.
    Grazie

    Rispondi
  • Buongiorno e grazie ancora per la sua gentile disponibilità.
    Nonostante abbia letto molto, avrei ancora un dubbio: nel caso di sisma bonus acquisto, vale sempre la stessa regola che, in caso di frazionamento finale in più unità rispetto all’unica di inizio lavori, la detrazione è riferibile all’unica unità ante lavori (e non per ciascuna unità post lavori?
    Grazie mille anricipatamente!

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      26 Dicembre 2020 12:20

      Il sismabonus si applica su ciascun alloggio acquistato. Quindi se l’edificio demolito era formato da 4 alloggi e ne sono ricavati 8, si applica su 8 alloggi.

  • Franco de Caro.
    25 Dicembre 2020 22:20

    Buonasera e complimenti x le risposte l’unico sito che leggo con piacere. Quesito sismabonus: i 96.000 euro secondo Lei si possono frazionare cioè: 48.000 euro cessione del credito in banca e l’altrà metà detrazione io in 5 anni, dando per certo che l’altra possibilità (sconto in fattura) nessuna ditta me lo concede. Grazie buon Natale.

    Rispondi
  • Buongiorno leggo con piacere di un emendamento alla legge di bilancio che potrebbe prolungare superbonus al 06.2022 o fine 2022 se lavori completati al 60% al 06.2022 (condominio). L’emendamento fa esplicito riferimento al Sismabonus, ma non al Sismabonus acquisti. Se approvata in via definitiva, sarebbe anche valida per il sismabonus acquisti? In altre parole, Sismabonus e Sismabonus acquisti vanno di pari passo? Grazie mille!

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      26 Dicembre 2020 11:57

      Le confesso che anch’io ho letto anticipazioni di stampa, ma non direttamente il testo di legge, per cui posso dirle che dovrebbe essere così, ma la certezza assoluta l’avremo solo con la pubblicazione in Gazzetta.

  • Buongiorno, la ringrazio in primo luogo per il sito estremamente interessante e per le gentili riposte. Sto acquistando un appartamento e box con Sismabonus Acquisti. Mi chiedo se, oltre al Sismabonus stesso, ho diritto anche alla detrazione in 10 anni del 50% del costo del box auto ed al Bonus Mobili. Ringraziando, porgo gli auguri di Buone Feste! Roberto

    Rispondi
  • nicola de prisco
    18 Dicembre 2020 22:05

    Buonasera arch. e grazie di tutto……. quesito: acquisto appartamento su progetto di demolizione e ricostruzione. Il nuovo immobile oltre ai requisiti per la sismicità, soddisfa anche quelli per il risparmio energetico. Si parla quindi di sisma ed ecobonus. Aldilà della cifra che andrei a beneficiare e che lei mi potrebbe confermare (euro 136.000), mi conferma che l’eventuale detrazione sui miei redditi li posso spalmare in 10 anni e non su 5? Grazie x la risposta.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      20 Dicembre 2020 17:51

      Non le posso confermare nulla, perchè lei fa riferimento a una agevolazione (quella dei 136.000 euro) riservata ai condomini che effettuano gli interventi direttamente.
      La detrazione per acquisto di case demolite e ricostruite può dar diritto a max 96.000 euro di detrazione in 5 anni.
      Il fatto che gli immobili siano anche energeticamente efficienti è un obbligo di legge (Requisiti minimi).

  • Buonasera gentile Architetto Granata, ho consumato il suo sito e probabilmente è il più utile presente attualmente in materia. Complimenti.
    Avrei un quesito per Lei: se il proprietario di un immobile da sottoporre a demolizione e ricostruzione fosse una cooperativa (che da in appalto il lavoro a impresa terza), al momento dell’intestazione finale ai singoli soci della cooperativa delle rispettive unità ultimate, i singoli soci potrebbero beneficiare del bonus sisma acquisto, ognuno per la propria unità?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      20 Dicembre 2020 17:44

      A mio avviso sì, per due motivi: 1. le cooperative sono solitamente tra i soggetti che possono usufruire delle detrazioni; 2. è contemplata la possibilità che gli interventi possano essere realizzati da ditte terze rispetto all’immobiliare proprietaria.
      Non essendo però il caso da lei descritto contemplato esplicitamente in alcun documento che ricordi, le conisglierei di interpellare cmq l’AdE.

  • enrico conti
    18 Dicembre 2020 13:05

    Buongiorno, necessito di sapere per quante volte posso usufruire del sisma bonus 85% per acquisto immobile antisismico derivante da demolizione e ricostruzione, vale a dire se faccio due acquisti di appartamenti che rispondono a tutti i requisiti richiesti, posso usufruire del massimale fino a 96.000 euro per due volte? Grazie per la vostra risposta

    Rispondi
  • Buonasera Architetto, innanzi tutto grazie per le risposte puntuali ed estremamente chiare! Sto acquistando un appartamento contando di godere del sisma bonus acquisto al 110%. La concessione per costruire è stata accordata nel 2018 anche se per vari motivi i primi documenti di richiesta risalgono al 2012 (nel mezzo c’è stata una diatriba legale circa la proprietà del lotto). il costruttore mi dice che essendo la concessione del 2018, i lavori appena iniziati e si prevede di consegnare entro fine 2021 è tutto regolare. Ovviamente il costruttore si impegna a rispettare i canoni del sisma bonus. M domando se i documenti presentati prima del 2017 possano essere un problema o meno? Grazie mille

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      15 Dicembre 2020 18:49

      Dipende tutto dalla famosa asseverazione, che va presentata al momento della richiesta di pdc o di presentaizone Scia. Per questo la procedura deve essere iniziata dopo il 2017.

    • Trattandosi di un pdc del 2018 con una pratica concessoria l’asseverazione non deve esser presentata dopo?

    • arch. Carmen Granata
      16 Dicembre 2020 11:17

      Veramente lei ha parlato di un iter amministrativo inziato nel 2012…

  • Buonasera Arch. la ringrazio anticipatamente per la sua disponibilità e professionalità. Le vorrei porre il seguente quesito. Io sono il titolare di una impresa di costruzioni ed ho realizzato un nuovo fabbricato previa demolizione di uno vecchio in un comune in zona sismica 3.
    La richiesta del permesso di costruire (Piano Casa) è stata presentata a Dicembre 2012, pertanto non è stata presentata nessuna asseverazione. Il PdC invece è stato rilasciato a Maggio 2018. I lavori sono iniziati a Giugno 2018 e sono stati ultimati ad Ottobre 2020. Vorrei chiederle se sono nella possibilità di poter presentare una asseverazione tardiva oppure poichè l’inizio del processo di autorizzazione edilizia è antecedente alla data del 01/01/2017 non posso più farlo? Così come ha anche specificato il parere del Consiglio Superiore dei LLPP? Pertanto le chiedo se i miei potenziali acquirenti potranno usufruire del sismabonus per l’acquisto?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      6 Dicembre 2020 17:26

      No, purtroppo il procedimento ha avuto inizio ben prima dell’entrata in vigore della norma.
      Però mi incuriosisce molto come sia possibile che il procedimento per il rilascio del pdc sia durato quasi 6 anni!

  • Buongiorno, leggo di un emendamento che potrebbe, se approvato, estendere superbonus 110 fino al 2023. Ovviamente si tratta di un emendamento non ancora approvato. Detto questo, se estendessero il superbonus 110 (sia per riqualificazione energetica che per antisismica), estensione temporale andrebbe a valere anche su sisma bonus acquisti. Oppure sisma bonus acquisti e’ un’altra normativa e quindi necessità di un’estensione dedicata? Grazie mille

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      6 Dicembre 2020 17:22

      Se il superbonus sarà prorogato, la proroga riguarderà tutti gli interventi compresi, quindi anche il sismabonus acquisti.

  • ARMANDO PETRUCCI
    28 Novembre 2020 18:02

    Gentile architetto
    Ho appena ultimato una palazzina residenziale mediante demolizione e ricostruzione, con aumento della volumetria, in zona B di P.R.G.; ho fatto comunicazione di inizio dei lavori a novembre 2016, pur se i lavori in pratica sono iniziati in data 09.01.2017, con il pagamento, a mezzo bonifico, di una prima fattura di acconto.
    Tutti interpretano il chiarimento dell’Agenzia delle Entrate come bonus ammissibile solo se le “procedure di autorizzazione risultano avviate a partire dal 1° gennaio 2017”, mentre da una lettura più attenta, pare che si debba fare riferimento a alle spese di demolizione e costruzione, le quali devono essere sostenute tra il 1 gennaio 2017 e il 31 dicembre 2021. Circolare n. 13/E del 2019, confermando la circolare n. 7/E del 2018.
    Ora, nel caso di una sua risposta negativa; I miei probabili acquirenti potrebbero usufruire di un altro tipo di bonus, magari acquisto di casa a seguito di ristrutturazione?
    Da precisare che comunque saranno vendite tra società di costruzione e privato, e la palazzina è dotata delle due asseverazioni sismiche che certificano il miglioramento sismico di oltre due classi e che tali asseverazioni sono state depositate con il certificato di abitabilità, due mesi fà.
    Nel ringraziarla anticipatamente porgo cordiali saluti
    Armando Petrucci

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      30 Novembre 2020 13:05

      Se parliamo di avvio delle “procedure di autorizzazione” si tratta di qualcosa di ben diverso dall’esecuzione dei lavori. Sinceramente non ho trovato il riferimento da lei citato nella circolare indicata. Sarebbe così gentile da dirmi anche la pagina?
      Per quanto riguarda la seconda domanda, potrà vendere gli alloggi con l’agevolazione del 50% per gli acquirenti, solo se dal titolo autorizzativo risulta intervento di ristrutturaizone edilizia.

  • Claudio Crema
    26 Novembre 2020 13:53

    Buongiorno chiedo se il cosiddetto sisma acquisti (acquisto di case antisismiche) può essere applicato anche in caso di acquisto di una unità uso ufficio inserita in un contesto residenziale- direzionale
    Grazie
    Claudio

    Rispondi
  • Buona sera architetto,
    a seguito della modifica introdotta da Decreto Semplificazioni al dpr 380/2001 art.3 comma 1 lett.d) il concetto di ristrutturazione è così riformulato: Nell’ambito degli interventi di ristrutturazione edilizia sono ricompresi altresi’ gli interventi di demolizione e ricostruzione di edifici esistenti con diversi sagoma, prospetti, sedime e caratteristiche planivolumetriche e tipologiche, con le innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica, per l’applicazione della normativa sull’accessibilita’, per l’istallazione di impianti tecnologici e per l’efficientamento energetico. L’intervento puo’ prevedere altresi’, nei soli casi espressamente previsti dalla legislazione vigente o dagli strumenti urbanistici comunali, incrementi di volumetria anche per promuovere interventi di rigenerazione urbana. Costituiscono inoltre ristrutturazione edilizia gli interventi volti al ripristino di edifici, o parti di essi, eventualmente crollati o demoliti, attraverso la loro ricostruzione, purche’ sia possibile accertarne la preesistente consistenza. Rimane fermo che, con riferimento agli immobili sottoposti a tutela ai sensi del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, nonche’, fatte salve le previsioni legislative e degli strumenti urbanistici, a quelli ubicati nelle zone omogenee A di cui al decreto del Ministro per i lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444, o in zone a queste assimilabili in base alla normativa regionale e ai piani urbanistici comunali, nei centri e nuclei storici consolidati e negli ulteriori ambiti di particolare pregio storico e architettonico, gli interventi di demolizione e ricostruzione e gli interventi di ripristino di edifici crollati o demoliti costituiscono interventi di ristrutturazione edilizia soltanto ove siano mantenuti sagoma, prospetti, sedime e caratteristiche planivolumetriche e tipologiche dell’edificio preesistente e non siano previsti incrementi di volumetria;
    Detto ciò se un impresa di costruzioni acquista un immobile sotto vincolo ambientale di cui al D.L. 42 lo demolisce e lo ricostruisce e lo amplia, creando diverse unità abitative, il titolo abitativo che verrà rilasciato non sarà di RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA ma bensì di NUOVA COSTRUZIONE. A seguito di ciò i futuri acquirenti potrebbero ugualmente beneficiare del sismabonus al 110% in quanto acquirenti di casa antisismica.
    Secondo Lei c’è un connessione la legge urbanistica e quella fiscale?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      26 Novembre 2020 19:25

      In effetti già prima del dl Semplificazioni erano agevolati gli acquisti di immobili demoliti e ricostruiti con ampliamento, quindi allora di nuova costruzione, perchè questa rappresenta una casistica a parte, differente dalle agevolazioni per intervenit diretti.
      Detto ciò, non c’è (e non vedo perchè dovrebbe eserci) connessione tra la normativa urbanistica e quella fiscale, se non il richiamo dell’art. 49 del TUE alla conformità degli immobili oggetto di intervento.

  • Buonasera. Cerco di articolare meglio la questione che avevo sollevato.
    Il costruttore accetta di prendere in carico un credito di imposta pari all 85% e non oltre..
    Immagino che la documentazione aggiuntiva sia costtituita dalla verifica della congruita dei costi sostenuta almeno da quanto leggo dalla risposta 325 dell agenzia delle entrate.
    Il costruttore deve renderla disponibile oppure no?
    Maurizio

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      26 Novembre 2020 19:10

      A mio avviso no, perchè lei usufruisce dell’agevolazione sul prezzo di acquisto, mentre la congruità delle spese è da dimostrare da chi ne usufruisce per i lavori svolti.
      Tuttavia questo è un punto non ancora chiaro, per cui non posso dargliela come certezza assoluta.

  • Buongiorno e complimenti per la competenza sul tema oggetto di questa discussione.
    Sto acquistando tramite agenzia immobiliare un nuovo immobile ubicato in area sismica 3, e per il quale dovrei poter beneficiare del Sisma Bonus acquisto. Parliamo di un mini condominio (5 unità immobiliari) costruite a seguito della demolizione di una vecchia villa bifamiliare. Data consegna prevista Marzo 2021.
    La domanda è: quale documentazione ho il diritto di di chiedere al costruttore (tramite agente immobiliare) per essere certo di poter beneficiare del sisma bonus acquisto?
    Chiedo questo perchè mi è stato detto che non vincolare la validità di un eventuale proposta d’acquisto alla sussistenza del beneficio “bonus sisma acquisto”.
    Cordialmente.
    Dario

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      25 Novembre 2020 16:36

      Ai fini del sismabonus deve ottenere qualunque tipo di documento che attesti il miglioramento sismico.
      Al di là del bonus, le ricordo che come futuro acquirente lei ha diritto a richiedere qualunque documento ritenga necessario per garantirle la regolarità dell’immobile.

  • Maurizio Mariano
    23 Novembre 2020 19:48

    Buonasera. Sto acquistando una unità immobiliare da azienda costruttrice a seguito di demolizione e ricostruzione. Azienda ritiene opportuno aderire solo a sismabonus al 85% e non al 110% giustificando la scelta per non dover produrre documentazione aggiuntiva. Non mi è chiaronin cosa consista questa supposta documentazione aggiuntiva.
    Mi può illuminare?
    Maurizio

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      24 Novembre 2020 19:27

      Neanche a me… Poi l’azienda non deve aderire a un bel niente, è lei come acquirente che ha diritto o meno al bonus, in base alle caratteristiche dell’intervento.

    • ….E’ che l’impresa vuole il 20%. E’ capitato anche a me x il sismabonus, ma lo ha scritto nero su bianco sul compromesso….

    • arch. Carmen Granata
      25 Novembre 2020 11:46

      Non credo che il signor Maurizio si riferisse a questo.

  • La detrazione del Bonus Acquisto Casa Antisismica previa Demolizione da impresa, è fruibile in numero limitato o non vi sono regole a riguardo? Posso beneficiarne per due abitazioni in contemporanea?
    CASO 2) E se le due abitazioni, altro non sono che due unità abitative autonome con differenti sub nella stessa palazzina (costituita di fatto solo da questi due appartamenti l’uno sopra l’altro), essendo l’acquirente il medesimo, si considerano 2 Bonus con raddoppio della soglia, o uno a cumulo?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      20 Novembre 2020 19:42

      Per il simsabonus acquisti non ci sono limiti: lei può acquistare x unità immobiliari e avere per ciascuna il bonus.

  • milena d aquino
    17 Novembre 2020 16:16

    ho avuto in eredita due case contigue nel 2018 ho iniziato lavori di demolizione e ricostruzione con progetto itaca
    ho diritto al sismabonus?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      17 Novembre 2020 18:40

      Dovrebbe spiegarmi in cosa consiste il progetto itaca… In ogni caso per avere gli incentivi bisogna rispettare particolari requisiti e fare i pagamenti in un certo modo. Dal 2018 penso abbia già fatto la maggior parte dei pagamenti.

  • buon giorno architetto se acquisto appartamento con i requisiti per il sismabponus acquisti perchè l’impresa ha demolito un fabbricato e ricostruito un complesso residenziale ho diritto anche alla bonus acquisto box pertinenziale?
    l’impresa dice che il box gode della legge Tognoli e l’appartamento del bonus acquisti case antisismiche

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      16 Novembre 2020 12:43

      Non capisco cosa c’entri la Tognoli… Cmq lei usufruisce del bonus per l’acquisto dell’appartamento comprensivo del box. (In poche parole solo 96.000 euro).

  • Francesco Lillo
    15 Novembre 2020 10:23

    Buongiorno e complimenti per le delucidazioni che rilascia. Sono un costruttore e dovrei acquistare un complesso di 4 unità residenziali da demolire per poi poterne ricostruire in un numero superiore (5 o spero 6). Gli eventuali bonus relativi al sismabonus, si possono ottenere solo per i 4 abbattuti o per tutti quelli che verranno ricostruiti? Grazie per la risposta e sicuramente ci sentiremo presto per una consulenza in privato.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      16 Novembre 2020 12:40

      Se parliamo di sismabonus per l’acquisto, si può applicare a tutte le unità realizzate (quindi ciascun acquirente potrà usufruirne).

  • Salve, ho solo una curiosità. dovrei acquistare un immobile nuovo appena ultimato e costruito da zero, quindi senza demolizione di un vecchio immobile. Ovviamente è antisismico.
    Mi chiedevo se posso usufruire del Sismabonus Acquisti o per forza il costruttore deve aver demolito e ricostruito.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      13 Novembre 2020 18:32

      L’articolo mi sembra chiaro: il costruttore deve per forza aver demolito e ricostruito.

  • Buonasera, avrei bisogno di un chiarimento
    l’acquisto di casa antisismica con bonus al 110% consente di poter usufruire anche del bonus mobili?
    grazie

    Rispondi
  • gentile Architetto Carmen Granata,
    l’impresa che sta proponendo la vendita di abitazioni con sismabonus mi ha mostrato un permesso di costruire con demolizione dell’edificio esistente e nuova costruzione dell’edificio che verrà venduto.
    Essendoci un ampliamento volumetrico, ammesso dalle norme vigenti, il permesso è relativo ad una nuova costruzione e non a una ristrutturazione.
    Le chiedo se può essere un problema nell’ottenimento del sismabonus o rientra nella casistica dell’ampliamento volumetrico?
    Grazie

    Rispondi
  • Gent.mo arch. Carmen Granata
    Riformulo la domanda relativa al sismabonus 110% acquisto:
    – per verificare se l’acquirente possa utilizzare tutto il credito massimo previsto l’unico riferimento è che il valore di acquisto/vendita dell’immobile sia maggiore o uguale a 96.000 euro?
    – Se la risposta è si, non è necessario dimostrare a quanto ammontano i costi specifici dell’adeguamento sismico ad una classe superiore rispetto a quella dell’edificio demolito?
    Grazie!

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      6 Ottobre 2020 18:19

      La detrazione è sul prezzo d’acquisto. Non c’è nessuna norma che leghi il tetto detraibile all’importo delle spese relative all’adeguamento antisismico.

  • Gent.mo arch. Carmen Granata
    le pongo due quesiti sul sismabonus acquisto:
    -E’ possibile procedere con cessione di credito durante la costruzione quando la proprietà del bene in capo all’acquirente si trasferisce con il rogito notarile?
    -E’ necessario contabilizzare/giustificare le spese di costruzione relative alla classe sismica quando l’unico valore di riferimento è quello di vendita dell’immobile?
    Grazie.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      3 Ottobre 2020 15:54

      La risposta alla prima domanda è no.
      La seconda domanda non l’ho capita.

  • Buongiorno Architetto,
    parlando di Sisma Bonus Acquisti sto acquistando un appartamento da un costruttore che sta demolendo una abitazione singola e ricostruendo un condominio di 6 unità.
    I lavori termineranno entro il 31/12/2021 ma il costruttore sostiene che per poter usufruire del sisma bonus acquisti ha tempo 180 giorni per poter effettuare il rogito dopo la fine lavori. mi conferma quanto sostenuto dal costruttore o è meglio che effettui il rogito o comunque la spesa entro il 31/12/2021?
    Grazie e complimenti per la esaustività dei suoi articoli. Andrea

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      1 Ottobre 2020 19:46

      Per avere il 110% (se non viene prorogato) l’acquisto deve essere fatto entro il 31/12/2021.

  • Buonasera Architetto,
    è possibile acquistare attraverso il sisma-bonus acquisti, un appartamento sito in un edificio costruito attraverso demo-ricostruzione, anche se si è senza reddito? Oppure è necessario disporre di un reddito per usufruire di questa agevolazione fiscale?
    Vorrei conoscere la fonte normativa riferibile alle caratteristiche che deve avere l’acquirente, per approfondire il tema.

    Rispondi
  • Buongiorno, sono interessato all’acquisto di un appartamento in un palazzo che verrà completamente ristrutturato aumentando sia classe sismica che energetica. I lavori dovrebbero iniziare nel mese di ottobre 2020 e il costruttore afferma che dovrebbero terminare entro dicembre 2021. Alla luce di quanto sopra vorrei avere le idee più chiare circa: a quale agevolazione fiscale potrò aderire e cosa succede se i lavori non termineranno entro dicembre 2021. Grazie anticipatamente per le preziose risposte.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      25 Settembre 2020 19:46

      Se il palazzo è solo ristrutturato e non demolito, può avere la detrazione del 50% sul 25% del prezzo di acquisto.

  • buon giorno architetto,
    Con la mia società ho acquistato un immobile commerciale che verrà demolito per la costruzione di appartamenti che ho intenzione di vendere con il beneficio del sismabonus 110% acquirente. Il fatto che il vecchio edificio non sia residenziale pone ostacoli all’applicazione sismabonus acquisto?

    Rispondi
  • Buonasera, vorrei sapere se è possibile usufruire di doppio bonus acquisti casa sismiche in caso di acquisto sia di appartamento che di garage, ricorrendo tutti gli altri presupposti
    Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      12 Settembre 2020 15:41

      No, il massimale è unico per casa e pertinenza.

    • Buonasera, oltre al sismabonus acquisto e bonus mobili nel caso di acquisto immobile con diritto di sismabonus vendita è possibile avere il bonus per il fotovoltaico+colonnine ricarica elettrica?
      Grazie mille.

    • arch. Carmen Granata
      17 Gennaio 2021 17:05

      @Marco: sì, come nuovo intervento.

  • Buonasera Arch. Granata,
    una società edile ha appena acquistato un fabbricato rurale che trasformerà in 4 abitazioni indipendenti (simili a villette a schiera).
    Per fare ciò, dovrà effettuare lavori ingenti e straordinari di restauro, ma l’edificio non verrà raso letteralmente al suolo (verranno conservati solo i muri perimetrali ed il tetto, salvo ovviamente restauro anche di essi).
    Il sottoscritto, quale privato, vorrebbe acquistare una delle 4 abitazioni beneficiando del sismabonus 110%, posso farlo?
    Per demolizione e ricostruzione dell’edificio si intende solo il caso che lo stesso sia raso al suolo?
    Grazie mille

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      9 Settembre 2020 9:50

      Per demolizione si intende che l’edificio debba completamente essere raso al suolo, quindi non può usufruire del bonus.

  • fabrizio nati
    7 Settembre 2020 12:56

    Buongiorno Arch.
    l’impresa che demolisce e ricostruisce antisismico in zona 2 ha diritto al sismabonus quando l’acquirente utlizza il proprio sismabonus di 105.000,00. Cioè sia l’impresa che l’acquirente hanno contemporaneamente diritto all’agevolazione oppure una esclude l’altra? E l’impresa di quale percentuale gode? Grazie in anticipo per la risposta

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      8 Settembre 2020 19:04

      La circolare 34/2020 ha affermato il diritto delle imprese di fruire del sismabonus anche sugli immobili merce. La circolare 24 però nega questa possibilità. Quindi l’impresa potrà detrarre “solo” fino all’85%, mentre l’acquirente potrà usufruire del superbonus.

  • marco zuares
    3 Settembre 2020 16:51

    Vorrei acquistare un appartamento di una palazzina soggetta a demolizione e ricostruzione godendo del sisma bonus. La palazzina originaria aveva meno unità immobiliari di quelle che si andranno a realizzare (sarà frazionato). Il vantaggio fiscale del 110% di 96000 è comunque per singola unità immobiliare post intervento o l’importo va diviso solo per il numero di unità originarie?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      4 Settembre 2020 12:00

      Attenzione: se parliamo di sismabonus acquisti, si considera il bonus per unità immobiliari vendute, quindi quelle finali.
      Ma io non ho capito se lei vuole acquistare da costruttore o prima dell’intervento.

    • vorrei acquistare da costruttore

    • arch. Carmen Granata
      4 Settembre 2020 15:42

      Ok, allora si considera il numero di unità finali.

  • Buongiorno, sono interessato al Sisma Bonus per acquisto casa antisismica. Un’impresa di costruzione sta demolendo uno stabile e ne costruirà uno nuovo antisismico. vorrei acquistare un’ appartamento all’interno dello stabile nuovo. Prima del COVID, l’impresa era certa di ultimare i lavori e poter quindi fare il rogito entro il 31.12.2021; era quindi sicura che acquirente avrebbe beneficiato del Sisma Bonus. Purtroppo, causa ritardi COVID, i lavori non saranno terminati entro 31.12.2021 ma a Giugno 2022. Mi chiedo se per ottenere il Bonus acquirente dell’appartamento deve avere fatto rogito entro 31.12.2021 ed i lavori delllo stabile devono essere ultimati entro 31.12.2021? Grazie mille!

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      25 Agosto 2020 15:28

      I lavori non devono essere ultimati entro quella data, ma per poter detrarre, la somma deve essere pagata in quel termine.

  • Giancarlo Casetta
    22 Agosto 2020 18:04

    Buongiorno
    Un costruttore ha un PDC rilasciato in luglio per demolire immobile esistente e costruire 10 alloggi con 20 box interrati
    il regolamento edilizio prevede obbligo di solo un box per alloggio quindi 10 box potranno essere ceduti in modo autonomo.
    i lavori ultimeranno nel 2022
    -IL CONTRIBUTO DI 96.000€ si ottiene anche per i box o solo per i box “autonomi” e per gli alloggi?
    -il contributo si ottiene anche se i lavori di finitura finiranno nel 2022?
    -eventuali acconti versati dagli acquirenti entro il 12/2021 pur a lavori non ultimati potranno beneficiare delle agevolazioni?

    Rispondi
  • Buongiorno, chiedo cortesemente la Vs consulenza. Ho appena firmato promessa di acquisto per un appartamento in un nuovo complesso condominiale, antisismico e in classe A3, certificati dall’impresa costruttrice. Il complesso sorgirà su una area industriale (impianti produttivi e uffici) dopo demolizione e bonifica dell’area. Il compromesso sarà firmato ai primi del 2021 con fine lavori entro fine 2022. A fronte di quanto scritto avrò diritto al simabonus? Grazie anticipate per la risposta

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      20 Agosto 2020 12:55

      Per avere il sismabonus l’impresa deve presentare asseverazione di miglioramento di classe sismica alla presentazione del PdC.

  • nicola de prisco
    7 Agosto 2020 17:17

    Buongiorno Arch. e complimenti per la pagina. Quesito semplice: Regione Campania, Piano Casa, demolizione e ricostruzione con ampliamento, con successiva edificazione di 5 appartamenti a schiera, leggermente dislocati fuori sito (circa 50 metri) il tutto già con ok ufficioso del Comune. L’intera operazione la farà una ditta costruttrice. Fermo restando gli obblighi di 2 classi migliorativi ai fini sismici, io eventualmente acquisto uno di quei 5 appartamenti usufruirò del bonus sismico? Grazie x la risposta.

    Rispondi
  • Buongiorno, se acquisto un immobile di una palazzina che è stata ristrutturata mantenendo lo scheletro precedente ho diritto al sismabonus? Premetto che ora la palazzina è in classe A ed hanno eseguito lavori per renderla antisismica senza però demolirla in poche parole

    Rispondi
  • Una impresa di costruzioni ha demolito e ricostruito un fabbricato con 8 appartamenti cui si applicano i benefici del sisma bonus 110%per l’acquisto di case antisismiche. Nel locale sottotetto l’impresa ha realizzato 8 box/rispostiglio, ognuno con un proprio identificativo catastale. Si chiede se con l’acquisto di un appartamento ed un box/rispostiglio,
    quest’ultimo al prezzo di € 40.000, per il box/ripostiglio si avrà il beneficio del sismabonus 110% di € 44.000. Inoltre l’impresa ha realizzato 8 posti macchina scoperti condominiali. Si chiede se è possibile beneficiare a titolo di detrazione di imposta, in 10 anni, del 50% dei costi di costruzione contabilizzati dei posti macchin, per la quota di 1/8. Grazie. Pasquale

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      4 Agosto 2020 15:01

      L’AdE parla di plafond per l’acquisto di “ogni singola unità immobiliare”, senza specificare che siano di tipo abitativo.

  • Salve, sto acquistando una casa indipendente.
    Posso usufruire del sismabonus per demolizione e ricostruzione e poi anche ecobonus? Si possono sommare? C’è un tetto massimo di spesa complessiva?
    Grazie

    Rispondi
  • Salve,
    vorrei sapere un’informazione.. sarei interessato ad acquistare un appartamento da impresa in centro a Bologna interessato a demolizione e ricostruzione.. Posso sfruttare il superbonus utilizzando come intervento trainante il sismabonus? Se sì, l’importo massimo è 105.600 euro (110% di 96000)?In pratica se faccio cessione del credito posso acquistare l’immobile mettendo di tasca mia solo la quota eccedente ai 105.600 giusto?

    Rispondi
  • Buongiorno,
    vorrei acquistare un immobile da ristrutturare per trasformarlo in prima casa il cui costo è di circa 90.000 euro + spese. Si tratta di una casetta unifamiliare anni 60 da ristrutturare totalmente. Mi trovo in zona sismica 3. Secondo lei posso accedere sia al superbonus che al sismabonus? e quanto credito d’imposta potrò gestire?
    Grazie

    Rispondi
  • Vorrei acquistare una casa che però non è stata completata ha il tetto ed i muri esterni. È possibile completarla utilizzando il bonus facendo rientrare il cappotto, infissi e Impianto di riscaldamento?

    Rispondi
  • Sto acquistando un appartamento in un condominio realizzato mediante demolizione e ricostruzione di edificio collabente, con miglioramento della classe sismica (>2 classi zona 3) ed energetica.
    Il costruttore mi dice che dovrei poter detrarre l’85% di 136.000 euro, cumulando sismabonus ed ecobonus su intero condominio. A me invece sembra di poter detrarre 85% di 96.000 euro, in quanto si tratta di acquisto da impresa e non di “ristrutturazione” di un appartamento di mia proprietà. Qual è l’importo massimo ai fini del calcolo della detrazione?
    Inoltre, la SCIA è stata presentata a maggio 2019 (dopo Decreto Crescita) con rogito previsto entro fine 2021. A questo intervento si può applicare il superbonus, che porterebbe la detrazione al 110%?
    Grazie, saluti

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      22 Giugno 2020 9:58

      Ha ragione lei: per l’acquisto, si può usufruire solo del sismabonus, che però salirà al 110% per gli acquisti fatti a partire dal primo luglio.

  • Buongiorno,
    ad ottobre 2020 termineranno i lavori ed acquisterò un immobile la cui caparra è stata versata nel 2018. La ditta ha abbattuto e ricostruito un immobile vetusto per ricostruirne uno antisismico nella zona 2.
    Sono un soggetto Irpef quindi un privato e volevo sapere se ho diritto alla detrazione per SismaBonus acquisto considerando che la ditta da cui acquisterò ha avuto il permesso a costruire nel 2016.
    Ultima domanda, se è quindi possibile avere la detrazione, come posso capire in quale modalità si potrà potrà avere il beneficio rispetto alle seguenti? (1). detrazione spalmata in 5 quote annuali di pari importo (2). tramite sconto in fattura (3). cessione del credito
    grazie in anticipo per la risposta

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      9 Giugno 2020 11:37

      Lei può avere il bonus. La modalità con cui usufruirne dipende da una sua scelta.

    • Salve il quesito interessa anche a me. Vorrei comprare un appartamento in un immobile realizzato a seguito di demolizione del precedente e vorrei provare ad usufruire del bonus ma il permesso di costruire è del 2012 (anche se i lavori stanno finendo ora). Mi era sembrato di capire che il bonus acquisto si applicasse solo nel caso di permessi di costruire successivi al 2017. Potrebbe cortesemente chiarirmi questo aspetto? La ringrazio anticipatamente

    • arch. Carmen Granata
      23 Luglio 2020 10:38

      Le confermo che il permesso deve essere successivo al 2017.

  • Buongiorno,
    La detrazione delle spese sostenute per gli interventi di adozione di misure antisismiche spettano anche ai soggetti passivi Ires. Chiedo se l’impresa che acquista l’immobile può godere della detrazione per gli interventi e se poi l’acquirente persona fisica dello stesso immobile possa beneficiare della detrazione per acquisto case antisismiche. Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      25 Maggio 2020 11:39

      Non dovrebbero esserci problemi, perchè il sismabonus è fruibile anche per gli immobili merce, ma per sicurezza porrei il quesito direttamente all’AdE.

    • Domenico Musiano
      19 Settembre 2020 20:26

      Condivido la risposta, però è anche vero che se fosse possibile si usufruirebbe, benchè con soggetti diversi, di due agevolazioni sullo stesso computo dei lavori. Che ne pensa Arch?

    • arch. Carmen Granata
      20 Settembre 2020 19:45

      Infatti è per questo che ho dei dubbi in proposito.

    • Ci sono novità a riguardo? L’argomento sembra essere simile (da risposta però con parere differente) al quesito del 7 Settembre di Fabrizio Nati.
      Se ho compreso bene ci si domanda se l’azienda possa beneficiare della detrazione sulla ristrutturazione antisismica in quanto immobile merce (extra 110% quindi ad aliquota standard 85%), ed in contemporanea l’acquirente dell’immobile utilizzare il Bonus Acquisto Casa Antisismica previa Demolizione al 110% con tetto 96.000,00€. E’ corretto? Ci sono aggiornamenti in proposito?

    • arch. Carmen Granata
      22 Novembre 2020 17:12

      Non ci sono elementi che ci dicano che non sia possibile, ma nemmeno prununce dirette dell’AdE sull’argomento.

  • Buongiorno,
    Ho acquistato un appartamento in fase di costruzione con consegna prevista fine 2020. Il costruttore demolisce un fabbricato e lo ricostruisce antisismico migliorando di due classi e realizzando 5 appartamenti. Vorrei sapere se il limite di detrazione di 96.000 euro si dovrà dividere fra i 5 compratori degli appartamenti o se per ogni uno spetta l’interno importo di detrazione considerando che l’immobile demolito era composto da una sola grande unità abitativa. Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      10 Febbraio 2020 19:16

      In questo caso l’intero importo spetta a ogni compratore, perchè la detrazione si applica su ogni unità immobiliare venduta.

  • Marco Massimino
    4 Novembre 2019 13:30

    Buongiorno, ho appena letto l’articolo, molto ben descritti ed interessante, vorrei farle però una domanda in riferimento alla data di scadenza dell’acquisto di case antisismiche. Se ad esempio io impresa deposito un progetto nel 2020, viene approvato sempre nello stesso anno dunque 2020, inizio i lavori nel Gennaio del 2021 e dò il fine lavori nel Marzo 2022, agli acquirenti delle nuove unità immobiliari spetta ancora la detrazione del 75 o 85%? ovvero la data di scadenza del 2021 è riferita alla redazione ed approvazione del progetto o al termine massimo con cui un acquirente può acquistare una casa con le seguenti detrazioni?
    La ringrazio.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      4 Novembre 2019 15:44

      Il bonus è finalizzato all’acquisto, quindi la data di scadenza deve intendersi come quella entro cui va fatto il rogito.

  • Salve ho letto l’articolo che riguarda la cessione del credito sulle ristrutturazioni…. vorrei sapere se dovessi comprare 2 unità immobiliari di un edificio che conta solo questi 2 appartamenti di cui 1 da ristrutturare se posso accedere anche io al bonus e se posso cederlo alla ditta che mi fa i lavori… premetto che ho un contratto a tempo indeterminato che però per tutto il 2017 era part time e a gennaio full… vi ringrazio anticipatamente e buona giornata.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      23 Febbraio 2018 10:11

      La cessione del credito è prevista solo per l’ecobonus (quindi interventi di efficientamento energetico) e non per le ristrutturazioni generiche.

  • Buonasera,
    il Sismabonus per acquisto di immobili antisismici è rimasto solo per la zona sismica 1 o è stato ampliato anche alla zona sismica 2?
    Grazie

    Rispondi
  • Che cosa è l’Ade?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      23 Giugno 2017 10:42

      L’Ade sarebbe l’oltretomba nella mitologia classica… 😀
      A parte gli scherzi: AdE, Agenzia delle Entrate.

    • Domenico Musiano
      19 Settembre 2020 20:22

      ahahahaahahahahahahahahahaahahahahahahaha…ad una grande competenza la simpatia è solo per gli intelligenti!! Complimenti per tutto, articolo e competenza.

    • arch. Carmen Granata
      20 Settembre 2020 19:43

      Grazie. 🙂

  • per avere dei chiarimenti in merito alla Legge, come si può fare a reperirli.
    Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      22 Giugno 2017 18:12

      La norma è contenuta nel decreto legge 24 aprile 2017, n. 50. I chiarimenti possono essere richiesti all’AdE.

  • Salve,
    vorrei sapere, ma per rintrare nelle agevolazioni del sismabonus per l’acquisto di immobili antisismici, il permesso di costruire in merito alla demolizione e ricostruzione dell’edifcio in che data deve essere rilasciato?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      22 Giugno 2017 12:46

      La legge indica solo i requisiti che ho riportato, quindi a mio avviso il Permesso può essere stato anche già rilasciato.

    • Salve, vorei sapere se ci sono agevolazioni per l’acquisto di una casa ha solo la struttura finito il tetto ed i muri esterni da completare. struttura del 2008
      Grazie

    • arch. Carmen Granata
      26 Dicembre 2020 18:04

      @Antonio: no.

    • buongiorno ho acquistato 1 appartamento di nuova costruzione (come prima casa) in stabile di 13 appartamenti in zona antisismica 3. Le chiedo di cosa posso usufruire di bonus. Premetto che non è stato demolito alcun edificio e che l’acquisto dal costruttore è stato sulla carta nel 2019 e che l’atto notarile non è stato ancora fatto.
      Grazie della sua disponibilità,

    • arch. Carmen Granata
      5 Febbraio 2021 18:06

      @Francesco: di nessun bonus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu