59 commenti

← Precedente pagina 2 di 2
  1. CRISTIANO

    mi servirebbe un chiarimento: ho ritirato un capannone adibito ad attività produttiva verrà adeguato alle norme attuali e ri-collaudato (progetto di adeguamento sismico di un ingeniere con rinforzi pilastri corea pilastrini ogni 2 metri e piastre x stabilizzare i collegamenti trave pilastro del tetto). come faccio a calcolare quante classi passo x avere le detrazioni???

  2. SP

    Salve, nel caso di demolizione e ricostruzione di un solaio rientrano nelle spese detraibili con sismabonus anche le nuove piastrelle/parquet?
    Grazie

  3. SILVIO CINI

    Vorrei sapere se le cerchiature eseguite su aperture in muri portanti rientrano nelle misure antisismiche. Infatti per fare una cerchiatura occorre il progetto di un ingegnere e che tale progetto deve essere depositato al Genio civile. Occorre molto denaro per effettuarle quindi chiedo se rientrano nel Sisma bonus?
    Ringrazio

    • arch. Carmen Granata

      Se la cerchiatura è realizzata (come si fa solitamente) per aprire un vano in un muro portante, no. Se invece il vano esiste già e si va ad “adeguarlo” sismicamente cerchiandolo, sì.

  4. Gtn

    Salve, come prima cosa volevo fare i complimenti per questo post. In rete non si trova molto sull’argometo e la documentazione pubblicata dall’Agenzia delle Entrate a riguardo la trovo davvero scarna.
    Sono un ingegnere e quotidianamente mi trovo a lavorare su strutture esistenti dove la committenza ha tutti gli interessi a richiedere le detrazioni fiscali. Con l’entrata in vigore del SISMABOUNS 2O17 alcune questioni, dal punto di vista “fiscale” non sono affatto chiare. Speravo quindi che qualcuno qui potesse dare risposte alle seguenti domande:
    1) Le detrazioni del sismabonus 2017 possono applicarsi ad un intervento di demolizione/ricostruzione con aumento di volumetria dell’immobile?
    2) In un intervento di ristrutturazione edilizia con sopraelevazione dove sono previsti sia lavori sulle parti strutturali (necessari per aumentare le classi di rischio sismico dell’immobile) e lavori alle finiture (pavimenti, muri divisori, intonaci, ecc.) le detrazioni del sismabonus 2017 possono richiedersi per tutti i lavori o solo per quelli inerenti le parti strutturali? Nel caso la risposta sia negativa, è possibile scorporare le lavorazioni in modo da richiedere le detrazioni al 70% (o all’80% nel caso ci sia il passaggio di due classi di rischio) per le sole parti strutturali e la detrazione al 50% delle parti di finitura
    3) Quando le detrazioni fiscali superano il valore dell’IRPEF di chi richiede le agevolazioni come funziona?
    Tento di fare un esempio per essere più chiaro.
    Ipotizziamo che chi richiede le agevolazioni ha un IRPEF di €4600 all’anno. Supponiamo che l’importo dei lavori eseguiti e per i quali si richiede la detrazione sia di €96000. Diciamo che abbiamo migliorato l’edifici facendogli saltare due classi di rischio e quindi abbiamo diritto ad una detrazione dell’80%.
    L’80% di 96.000 sono €76.800
    Stando al sismabonus 2017 vorrà dire che l’ADE in 5 anni ci restituirà €76.800
    In un anno quindi: 76.800 / 5 = €15.360 (all’anno)
    Ora poichè il nostro IRPEF è di €4.600 avremo:
    15.360 – 4.600 = €10.760 in più
    Questi 10.760 euro in più ci vengono rimborsati? Se è si con quale modalità?
    Grazie e chi fugherà questi dubbi.

    • arch. Carmen Granata

      Grazie per i complimenti. Per i primi due quesiti penso possa trovare risposta rileggendo l’articolo e alcuni commenti. Per quanto riguarda la detraibilità posso dirle che non è previsto alcun rimborso o recupero se la somma detraibile supera la capienza fiscale. E questo vale per tutte le detrazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *