VEPA, vetrate panoramiche amovibili in edilizia libera

La possibilità di realizzare VEPA in edilizia libera, senza permesso, è stata presentata come un mini-condono per le verande. È davvero così?

VEPA, vetrate panoramiche Chirenti (Photo credit www.chirenti.it)

Cosa sono le VEPA?

L’acronimo VEPA indica le vetrate panoramiche amovibili, chiusure scorrevoli altamente performanti dal punto di vista energetico perché isolanti e protettive nei confronti della radiazione solare, utilizzate per chiudere ambienti esterni come balconi e terrazzi.

La loro caratteristica principale è quella di essere completamente rimovibili. Possono quindi essere aperte e raccolte da un lato per rendere nuovamente aperto l’ambiente. Il loro scopo, infatti, è quello di mitigare gli effetti del clima, sia quando le temperature sono troppo rigide sia quando fa troppo caldo.

La loro funzione protettiva si esplica anche nei confronti delle acque meteoriche. Sono infatti molto utili per prevenire le infiltrazioni d’acqua all’interno dell’abitazione.

Quando però questi estremi climatici non sussistono viene meno la loro funzione e quindi devono poter essere momentaneamente rimosse.
Le VEPA sono quindi diverse dalle comuni verande e anche dalla serra bioclimatica, perché nel loro caso il telaio è veramente ridotto al minimo, quando non completamente assente.

Se progettate e realizzate bene, sono un manufatto in grado di proteggere il fabbricato dagli agenti atmosferici e di migliorarne le prestazioni termiche e acustiche.
Rientrano insomma nell’architettura solare, quella branca dell’edilizia che utilizza in maniera passiva la radiazione solare come fonte di energia per il riscaldamento e l’illuminazione, per ridurre i consumi energetici.

Come sono fatte le VEPA?

Le vetrate panoramiche sono realizzate con vetro temperato e sono prive di qualsiasi montante verticale, per garantirne la massima trasparenza.

Altro requisito fondamentale è che siano amovibili, per cui possono avere diversi sistemi di apertura:
scorrevoli: hanno un binario superiore e uno inferiore e una serie di ante che scorrono ognuna sul proprio binario, poggiandosi su carrelli. La guida fissata a terra ha uno spessore intorno ai 2 cm, calpestabile
scorrevoli e impacchettabili: sono sempre dotate di un binario superiore e di uno inferiore ma i vetri sono tutti sulla stessa guida, scorrono lateralmente e poi ruotano di 90 gradi, un’anta alla volta, impacchettandosi l’una sull’altra
a libro o fisarmonica, simili alle precedenti, ma i vetri sono incernierati tra loro e quindi, spostandone uno, si spostano tutti.



Decreto Aiuti bis e VEPA

Il Decreto Aiuti bis (decreto legge n. 115/2022) dopo essere stato approvato in Senato, ha ricevuto l’OK anche dalla Camera. Contiene, oltre alle norme che dovrebbero consentire lo sblocco della cessione del credito per i bonus fiscali, anche un’altra interessante novità per il mondo dell’edilizia.

Una modifica al Testo Unico dell’Edilizia consentirà infatti la realizzazione in edilizia libera, quindi senza la richiesta di alcun permesso, delle VEPA, le vetrate panoramiche amovibili per chiudere i balconi.

L’emendamento accolto ha introdotto l’articolo 33-quater del Decreto Aiuti bis che va così a modificare il comma 1 dell’art. 6 del dpr 380/01, quello appunto che elenca gli interventi di edilizia libera.

Questo tipo di strutture è spesso causa di liti e contenziosi tra condòmini e cittadini in genere, che sovente finiscono in Tribunale e vengono risolte con la condanna per abuso edilizio.
A volte sono oggetto di sentenze giurisprudenziali di tenore contrastante tra loro, per cui la modifica normativa dovrebbe aiutare a far luce nelle situazioni in cui, in un edificio esistente, è presente un manufatto di questo tipo.

Molto spesso poi la scelta del regime amministrativo per la realizzazione della chiusura di un balcone è stata affidata alle interpretazioni degli uffici tecnici locali.
In alcuni Comuni, le VEPA sono state considerate alla stregua di verande e, come tali, soggette a un regime autorizzatorio per la loro realizzazione perché verrebbero a creare un vero e proprio ampliamento volumetrico.
In altri casi, invece, sono state trattate come un manufatto di altro genere e la loro realizzazione poteva essere del tutto libera.

Condizioni da rispettare per realizzare VEPA in edilizia libera

Le vetrate amovibili possono essere realizzate tanto a chiusura di balconi aggettanti dal corpo dell’edificio quanto per logge o terrazzi rientranti.

Ci sono però precise condizioni da rispettare per poterle realizzare in edilizia libera. La lettera b-bis) aggiunta al comma 1 dell’art. 6 del Testo Unico dell’Edilizia prevede che queste vetrate:
• siano amovibili e totalmente trasparenti
• siano dirette ad assolvere a funzioni temporanee di protezione dagli agenti atmosferici, miglioramento delle prestazioni acustiche ed energetiche, riduzione delle dispersioni termiche, parziale impermeabilizzazione dalle acque meteoriche
• non configurino spazi stabilmente chiusi con conseguente variazione di volumi e di superfici, come definiti dal regolamento edilizio-tipo, che possano generare nuova volumetria o comportare il mutamento della destinazione d’uso dell’immobile anche da superficie accessoria a superficie utile
• devono favorire una naturale microaerazione che consenta la circolazione di un costante flusso di arieggiamento a garanzia della salubrità dei vani interni domestici
• devono avere caratteristiche tecnico-costruttive e profilo estetico tali da ridurre al minimo l’impatto visivo e l’ingombro apparente e da non modificare le preesistenti linee architettoniche.

Pertanto, non possono essere utilizzate per creare nuovi spazi abitativi, aumentando la superficie residenziale. Devono consentire l’arieggiamento naturale degli ambienti, condizione essenziale per la loro salubrità.
Infine, devono avere un aspetto tale da non avere alcun impatto e non modificare le linee architettoniche del fabbricato. In parole povere, il telaio deve essere ridotto al minimo e questo è oggi possibile grazie all’evoluzione tecnologica del settore dei serramenti.

La norma sulle VEPA è un mini-condono per le verande?

Naturalmente, in questi giorni si sono sprecati i titoloni di diversi siti web che hanno presentato questa norma come una sorta di mini-condono per la miriade di verande esistenti (cosa non si fa per un click in più!).

Come ti ho spiegato invece in questo articolo le VEPA sono qualcosa di decisamente diverso dalle tradizionali verande.

Non hanno alcuno spesso profilo in alluminio, come solitamente avviene per le verande, né richiedono l’intervento di un operaio per essere rimosse.

Non c’è dubbio però che la norma sia interessante, non solo per le nuove vetrate da installare per rendere energeticamente più efficienti gli edifici, ma anche perché potrebbe essere un’opportunità per sostituire i tanti manufatti indecorosi che offuscano le facciate di condomìni e case private con qualcosa di decisamente meno impattante.




Iscriviti alla Newsletter

Potrebbe interessarti anche
Guarda gli ultimi video

Dello stesso argomento

11 Commenti. Nuovo commento

  • Buongiorno, mi pare di capire che le VEPA non si possono usare anche per coprire un terrazzo (installandole in senso orizzontale), ma solo per terrazze e balcone già coperte (installazione verticale). Però, vorrei un conferma che è così

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      30 Settembre 2022 19:12

      Sì, il principio è quello di chiudere spazi già “conformati” (tettoie, balconi, terrazzi) e non di costituirne di nuovi. D’altro canto non mi risulta esistano VEPA da usare in copertura.

  • Aurelio D'Aloisio
    24 Settembre 2022 19:49

    Questa è un’altra stupidata, inventata solo per pochi e far lavorare qualche società.
    Mi risulta che esisteva già come previsto dal decreto.
    Sarebbe utile fare qualcosa di serio fattibile e funzionale. Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      27 Settembre 2022 19:55

      Le VEPA esistono da decenni, nessuno ha parlato di “invenzione”. Il decreto aiuti bis le ha semplicemente inserite nell’edilizia libera.

  • Sergio Mantovani
    23 Settembre 2022 12:07

    Buongiorno,
    una domanda: le vetrate VEPA si possono installare solo esclusivamente su pergole o balconi già esistenti? Se dovessi realizzare una pergola e poi chiuderla con le vetrate VEPA si può fare senza permessi? Non viene aumentata la volumetria “calpestabile” ?
    Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      23 Settembre 2022 19:46

      E’ più corretto parlare di “superficie” calpestabile… 🙂
      Cmq, se lei realizza la struttura in maniera regolare, poi può chiuderla con vetrate di questo tipo che, proprio per le loro particolari caratteristiche, non fanno volume.

  • Bruno Piccoli
    22 Settembre 2022 9:48

    Grazie per l’approfondimento. Resto in attesa. Buon lavoro.
    B. PICCOLI

    Rispondi
  • Bruno Piccoli
    21 Settembre 2022 18:10

    L’ha dichiarato in un’intervista a Radio radicale il sen. Elio Lannutti, sostenendo di aver messo in contatto quest’architetto, che si era rivolto a lui per proporre la sua invenzione, con funzionari ministeriali. L’approvazione avvenuta nell’ultimo decreto legge sembrerebbe, secondo Lannutti, conseguenza di questi fatti. Ho un figlio architetto che vive in Australia a cui vorrei fornire queste informazioni.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      21 Settembre 2022 18:29

      Mah… guardi che le VEPA sono sul mercato già da diversi anni, semplicemente è stato regolamentato il loro uso. E poi non capisco cosa doveva proporre quest’architetto ai “funzionari ministeriali”… Cmq approfondirò.

  • Bruno Piccoli
    21 Settembre 2022 11:46

    Chi è l’architetto che ha inventato le VEPA? L’hanno citato in una trasmissione radio, ma non ricordo più il nome.
    Grazie.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      21 Settembre 2022 15:26

      Non mi risulta siano state “inventate” da un architetto… Sono frutto dell’evoluzione tecnologica di un prodotto serramentistico, per cui penso vi abbiano contribuito, nel corso del tempo, designer, ingegneri e tecnici vari. Se poi mi sbaglio e sono state inventate da una persona in particolare, sarò lieta di saperne di più. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.