2 commenti

  1. Umberto Sannino

    II proposto Certificato di stabilità per i fabbricati progettati, calcolati e realizzati dopo l’entrata in vigore della L. 5-XI-1971, n° 1086 costituirebbe un inutile doppione. In effetti il “Certificato di collaudo statico”, depositato presso l’Ufficio del G.C., documenta che le strutture del fabbricato sono state realizzate conformemente al progetto strutturale ed esecutivo e rispettano i calcoli statici redatti dal progettista strutturale. Inoltre viene rilasciato, sempre per questi fabbricati innazi detti al termine della costruzione, un “certificato di agibilità” che documenta essere il fabbricato nelle perfette condizioni di stabilità e quindi agibile.
    Il problema si presenta per tutti gli edifici realizzati prima della entrata in vigore della richiamata L. 5-XI-1971, nonché per quelli che non sono stato oggetto di “collaudo statico”.
    E’ per questi, quindi, che si sente la assoluta mancanza di un documento che attesti le strutture essere sicure dal punto di vista della stabilità. Per questi ultimi, quindi, si dovrebbe sancire per Legge che un Tecnico incaricato dalla proprietà e/o dal Condominio rilasciasse – previo accurati sopralluoghi, calcolazioni analitiche di verifica e tests nonché prove sui materiali – un certificato che attesti la residua sicurezza in vita delle strutture del fabbricato.
    Questo indipendentemente dalla esistenza di un Libretto o fascicolo nel quale sono stati annotati, a cura di un Tecnico, sia le condizioni statiche, sia quelle impiantistiche del fabbricato.
    Raccomandiamo quindi di non creare doppioni o certificazioni inutili per i fabbricati esistenti, che costituiscono nella nostra Nazione circa l’80% del patrimonio edilizio. Sarebbe auspicabile che una Commissione centrale istituia presso il C.N.I (composta da Universitari ed Ingegneri professionisti) procedesse a deliberare una serie di adempomenti da eseguire al fine del rilascio di questa importante Certificazione attestante la stabilià delle struttutture prive di collaudo statico.
    Prof. Ing. Umberto Sannino L.D. di meccanica applicata, past-professor di “costruzioni metalliche” ed allo stato Visiting professor e docente della Cattedra di “Anti-Seismic Systems and Technologies” at Technical University of Civil Engineering of Bucomania).
    Ha esercitata la professione di “ingegnere” per oltre cinquanta anni in Italia ed all’Estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *