420 commenti

← Precedente pagina 10 di 10
  1. Daniele

    Salve vorrei acquistare un appartamento di nuova costruzione lasciato incompiuto dal costruttore accatastato come magazzino. Gli impianti: riscaldamento, acqua scarichi elettricità e gas sono stati ultimati e certificati. Manca in sostanza il comportamento dei muri interni, il bagno e la pavimentazione. Vorrei sapere se il costruttore può aprire la pratica di cambio destinaz. in modo tale da poter acquistare l’immobile con i criteri di prima casa e terminare io lavori e quanto tempo ho per ultimare il tutto. Grazie

    • arch. Carmen Granata

      Il costruttore deve comunque aprire una pratica per completare i lavori e può chiedere il cambio d’uso se fattibile, Lei avrà 3 anni per completare i lavori.

  2. Stefano

    Salve. Io e la mia compagna abbiamo acquistato a febbraio una casa di campagna, categoria A3 da ristrutturare, versando imposte di registro come prima casa. Ora, ci chiedevamo se parte del fabbricato possa essere variato in una qualche categoria commerciale, al fine di consentire l’apertura di un piccolo ristorante; e se sì, con quali conseguenze in termini di imposte versate al rogito. Grazie

    • arch. Carmen Granata

      Per la fattibilità del cambio d’uso bisogna fare riferimento alla normativa locale. In merito alle imposte pagate al rogito, non credo ci sarebbero variazioni, visto che almeno una parte dell’edificio resterebbe prima casa.

  3. Marco

    Buona sera, volevo sapere quali impedimenti posso trovare nel cambiare destinazione d’uso di un box al piano terra di una casa che vorrei trasformare in zona giorno della suddetta (sala cucina e bagno) più un vano scala per raggiungere la futura zona notte, ora la vera abitazione. Grazie.

    • arch. Carmen Granata

      L’impedimento potrebbe essere la normativa locale che non lo consente. Anche perchè dovrebbe garantire in maniera diversa il soddisfacimento dei requisiti per posti auto (1mq/10mc).

  4. Stefania

    Salve, vorrei sapere se è reato trasformare un magazzino ad abitazione senza fare nessun cambio di destinazione d’uso… le persone già abitano in questi appartamenti da anni!! aspetto vostra risposta… grazie!

  5. Lucio Bellato

    Buongiorno,
    avrei la necessità di trasformare un negozio (costruito nel 1963) in un mini appartamento (circa 75mq).
    L’architetto a cui mi sono rivolto mi ha comunicato che per farlo è necessario eseguire interventi come se fosse una nuova costruzione (isolamenti, caldaia, ecc.).
    Corrisponde alla realtà? I costi sarebbero esorbitanti! Ringrazio per la risposta.

  6. antonio Forzanti

    gentile dr.ssa, Volevo sapere se l’inquilino di un immobile può chiedere il cambio di destinazione d’uso di un appartamento in condominio di un palazzo o se deve essere fatto esclusivamente dal proprietario.
    Grazie mille. cordialmente.

    • arch. Carmen Granata

      Ovviamente dal proprietario. Se l’inquilino intende accollarsi l’onere della pratica amministrativa, potrebbe anche fare la richiesta a suo nome, ma sempre con una dichiarazione di consenso da parte del proprietario.

  7. omar

    buona sera
    cortesemente, volevo chiederle indicativamente il costo per convertire una abitazione bilocale adibita in rta (a2) in residenza privata; senza fare alcuna modifica.
    distinti saluti

    • arch. Carmen Granata

      Ribadisco per l’ennesima volta che è impossibile dare un costo “indicativo”. Dipende dagli oneri richiesti o meno dal Comune, che comunque variano da Comune a Comune, e dall’onorario del tecnico, che è libero.

  8. Domenico

    Possiedo un locale, vani 1,5, di mq 26 catg a4, al centro del paese e vorrei trasformarlo in ufficio senza fare alcun lavoro di adattamento. Vorrei sapere, gent. Architetto, che procedura seguire e quali spese dovrei sopportare.

  9. armando bianchini

    buongiorno, posseggo un deposito agricolo dove da tempo è stata dismessa l’attività agricola, mi dicono che alla luce della legge 12/2005 e successive modifiche (legge regione lombardia), dopo 3 anni dalla dismissione posso chiedere il cambio di destinazione d’uso. E’ corretto?

    • arch. Carmen Granata

      Mi risulta di sì, ma, non operando in Lombardia, non conosco nel dettaglio la L. 12 che disciplina i cambi di destinazione d’uso, per cui la rimando alla consultazione di un collega del luogo.

  10. Zanini Antonio

    Buongiorno, volevo sapere se sono necessarie le firme di tutti i proprietari dell’ immobile per fare il passaggio da residenziale a commerciale.
    Perché un mio parente ha fatto cambio su un immobile che abbiamo in comproprietà senza chiedermi niente.

    • arch. Carmen Granata

      Non sono necessarie tutte le firme ma, naturalmente, quelli che non sono d’accordo possono far valere la loro opinione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *