4 commenti

  1. dino

    Salve ho provveduto lo scorso anno a ristrutturare casa, ho fatto demolire alcune pareti e ho quindi dovuto rifare le porte, ora il mio commercialista mi ha comunicato che non posso chiedere la detrazione delle porte, dice che la legge non lo consente, ma come è possibile? Ho cercato su internet la legge dove vi è scritto che posso usufruire della detrazione ma purtroppo non la trovo, mi può aiutare per favore?

    • arch. Carmen Granata

      Posso garantirglielo io: si parla di carattere “assorbente” degli interventi. Se ha demolito e ricostruito muri, ha diritto a detrarre le porte interessate.

  2. Francesco Costanzo

    Trovo contraddizione nel fatto che le porte interne compaiono come detraibili al 50/00 nella manutenzione ordinaria solo se per parti comuni condominiali ? E’ possibile che porte interne insistano su parti comuni..? Mentre per ristrutturazioni edilizie le porte interne non compaiono nella lista come detraibili al 50. Potete chiarire se possibile. Grazie

    • arch. Carmen Granata

      Gen.le sig. Costanzo,
      quelli elencati sono esempi di interventi di manutenzione ordinaria in genere. Alcuni di essi è raro trovarli nelle parti comuni, ma non impossibile. Ad esempio possiamo considerare le porte interne dell’alloggio del portiere, di una sala comune condominiale, quelle delle cantinole, ecc..
      In caso di alloggio privato, invece, come ho spiegato nell’articolo, la sostituzione delle porte è detraibile solo se conseguente a lavori più importanti, come ad esempio l’allargamento di un vano (dove diventa inevitabile sostituire la porta esistente).
      Un saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *