Perché fare la manutenzione periodica del condizionatore

Gli interventi di manutenzione periodica del condizionatore sono necessari prima dell’accensione stagionale per evitare le brutte sorprese durante l’estate.

Manutenzione periodica del condizionatore

Manutenzione periodica del condizionatore

Il condizionatore in casa o in ufficio è indispensabile perché si assiste a estati sempre più calde che rendono difficile la sopravvivenza all’interno dei locali. L’impianto, però, richiede cura e attenzione per funzionare.

Verificare l’apparecchio con regolarità evita le dispersioni energetiche che fanno alzare il prezzo della bolletta.

Ci sono interventi di manutenzione periodica necessari, soprattutto se fatti prima dell’accensione stagionale. In questo modo si riducono le possibilità di avere brutte sorprese durante l’estate.

Il sopralluogo di un tecnico serve a controllare i componenti e a fare la pulizia, essenziale soprattutto per mantenere l’aria nell’ambiente fresca e salubre. Il costo è contenuto e permette di prevenire interventi più esosi.

A cosa serve il controllo del condizionatore

La prima domanda a cui rispondere è: perché bisogna fare manutenzione condizionatori periodicamente?

Per comprendere al meglio le ragioni, è opportuno conoscere i rischi che si corrono senza fare i dovuti controlli all’impianto, specialmente prima che arrivi l’estate.

Come accade per ogni apparecchio, il passare del tempo porta a usurare gli elementi che lo compongono. Inoltre si accumulano polvere e germi.

Si apre così la strada ai malfunzionamenti che possono causare uno scarso raffrescamento dell’ambiente oppure il blocco completo. Non solo, l’impianto diventa rumoroso e i consumi energetici aumentano facendo lievitare l’importo delle bollette.

Sono questi i rischi che si corrono se non si svolgono le verifiche periodiche dell’impianto. Infatti si dovrà ricorrere successivamente a riparazioni costose o alla sostituzione dell’apparecchio.

Meglio concordare un appuntamento con un tecnico specializzato e fargli visionare il condizionatore. Chi abita nel capoluogo lombardo o nelle sue vicinanze può avere a prezzi convenienti la manutenzione condizionatori a Milano.

L’esperto sa cosa guardare per assicurare il cliente circa il buon funzionamento. Ogni problema può essere facilmente individuato mettendo in atto gli interventi necessari per evitare ulteriori danni e predisporre l’impianto perché possa fare il suo dovere durante l’estate per combattere il caldo.

Cosa fa il tecnico

La manutenzione ordinaria dei condizionatori prevede verifiche precise ai singoli componenti e soprattutto la pulizia, che si rende necessaria ogni anno.

Il professionista controlla che il condensatore funzioni correttamente per trasformare il gas allo stato liquido e consentire il normale raffreddamento dell’aria da immettere nell’ambiente.

Poi si occupa del livello del gas refrigerante affinché la pressione nel condensatore sia adeguata.

Va accertato lo stato di ogni singolo elemento del climatizzatore. Se i componenti non si devono sostituire vanno puliti insieme all’unità interna e a quella esterna. Si tratta di rimuovere le incrostazioni di polvere e le sostanze inquinanti che appesantiscono le batterie causando rumore durante il funzionamento. Inoltre tali sostanze possono essere immesse nell’aria e attaccare la salute di chi vive o lavora nelle stanze in cui si trova il condizionatore.

Il tecnico esegue anche la pulizia dei filtri per eliminare i germi e rendere l’aria diffusa nell’ambiente salubre. Purificare e sanificare l’aria è essenziale per prevenire i malanni. Per rinfrescare la stanza il condizionatore produce aria e se fosse sporca andrebbe a intaccare l’organismo e le vie respiratorie causando malattie. Meglio evitare tali rischi ed essere certi che l’aria sia sana.

Interventi ordinari e straordinari

Quando uno specialista effettua la manutenzione condizionatori in primavera svolge i controlli descritti, ovvero le ordinarie verifiche prima dell’accensione, inclusa una prova generale. Questo serve ad accertare il corretto funzionamento dopo avere svolto la pulizia e l’esame di ogni componente.

Se il tecnico trova elementi vetusti o con problemi deve provvedere a ripararli o sostituirli. In questo caso si tratta di un intervento straordinario.

Chiaramente è differente il costo, ma è necessario per continuare a godere di un ambiente fresco con aria pulita. Non ci si deve spaventare della spesa da affrontare perché i controlli non sono onerosi, anzi fanno risparmiare perché garantiscono l’efficienza e risolvono i problemi prevenendo guasti peggiori. Inoltre consentono di ottimizzare i consumi, riducendo i costi in bolletta.

Interpellare un esperto per fare i controlli ogni anno è essenziale al fine di verificare che non ci siano perdite di gas refrigerante. Oltre a mettere a repentaglio l’efficienza dell’apparecchio, tale problema porta a innalzare i consumi senza che si possa godere dell’aria fresca all’interno della casa o dell’ufficio.

Affidarsi a un professionista permette di fare il lavoro in poco tempo e in maniera efficace.

Programmare gli interventi periodici

Va contattato il tecnico per un primo sopralluogo così da verificare l’impianto.

Si eseguono la pulizia e i controlli per rimettere in funzione il condizionatore in preparazione all’estate. Ciò è bene che avvenga in primavera o nel periodo precedente all’accensione.

Poi si deve concordare una visita periodica dello specialista, in modo che ogni anno si affronti la calura estiva adeguatamente per contenere i consumi e respirare aria pulita. Il fresco porta benessere solo se non ci sono elementi inquinanti.

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *