IVA agevolata in edilizia, tutti i casi

Se si eseguono lavori in casa o si acquistano beni e forniture per la stessa è possibile richiedere un’aliquota IVA agevolata, inferiore a quella ordinaria.

IVA agevolata in edilizia©

Cosa si intende per IVA agevolata in edilizia?

Quando si eseguono lavori su abitazioni o si acquistano beni e forniture per gli stessi è possibile richiedere in fattura un’aliquota IVA agevolata, inferiore a quella ordinaria del 22%.

Ciò è possibile però solo in determinati casi e con delle limitazioni; inoltre esistono differenti aliquote agevolate a seconda del tipo di intervento.

In questo articolo vi presento una breve guida sintetica con la descrizione dei vari casi.

In particolare, le aliquote agevolate di cui si può usufruire sono le seguenti:
• IVA 4% per costruzione prima casa
• IVA 4% per eliminazione di barriere architettoniche
• IVA 10% per interventi sull’esistente
• IVA 10% per acquisto di beni finiti.

IVA agevolata al 4% per costruzione prima casa

Questa aliquota IVA super agevolata è prevista per tutti gli interventi legati alla costruzione della prima casa.
Sono compresi quindi i lavori per la realizzazione delle opere strutturali, degli impianti, le finiture, ecc..

I requisiti da rispettare sono i seguenti:
• il richiedente non deve avere a titolo esclusivo o in comunione con il coniuge altri diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra abitazione nel territorio del Comune in cui è situato l’immobile da costruire o già aver usufruito dell’agevolazione
• l’immobile da costruire deve essere ubicato nel territorio del Comune in cui il richiedente ha la residenza o in quello in cui intende trasferirsi entro 18 mesi dall’ultimazione dei lavori.

L’agevolazione è estesa anche all’ampliamento della prima casa esistente, purché dopo l’ultimazione dei lavori:
• la parte ampliata non risulti un’unità immobiliare a sé stante
• la casa con l’ampliamento non presenti caratteristiche di immobile di lusso.

Si può usufruire del beneficio anche per la costruzione dell’autorimessa di pertinenza, purché sia la prima e risulti appunto tale.

L’IVA al 4% si applica infine ai beni finiti (vedremo in seguito cosa sono), purché:
• l’acquisto sia effettuato direttamente dal committente
• il committente presenti al venditore una dichiarazione in cui attesti che tali beni servono per la costruzione della prima casa.

IVA agevolata al 4% per eliminazione di barriere architettoniche

La norma che prevede questa agevolazione è contenuta nella legge 13/1989 e s.m.i..

L’ambito di applicazione è limitato agli interventi compiuti su edifici già esistenti e può riguardare lavori come:

• inserimento di rampe interne ed esterne, ascensori, servoscala o piattaforme elevabili
• rifacimento di scale e ascensori
• rifacimenti di impianti
• ristrutturazione di servizi igienici
• allargamento di porte, ecc..

IVA agevolata al 10% per interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente

L’aliquota IVA agevolata al 10% è prevista, senza alcuna scadenza, per tutti gli interventi di recupero di immobili residenziali esistenti, ovvero per quelli di:

• manutenzione ordinaria
• manutenzione straordinaria
• restauro e risanamento conservativo
• ristrutturazione edilizia.

Tali interventi sono definiti dall’art. 3 del Testo Unico dell’Edilizia.

IVA agevolata al 10% per l’acquisto di materiali e beni finiti

L’acquisto di materiali edilizi gode dell’aliquota agevolata al 10%, ad esclusione di materie prime e semilavorati.

I materiali devono però essere acquistati direttamente dalla ditta che esegue i lavori e non dal committente.

Diverso è invece il caso dei cosiddetti beni finiti, ossia quelli che, anche se incorporati nella costruzione, conservano una propria individualità. Sono specificamente individuati dal decreto 29 dicembre 1999:
• ascensori e montacarichi
• infissi esterni e interni
• caldaie
• videocitofoni
• apparecchiature di condizionamento e riciclo dell’aria
• sanitari e rubinetteria da bagno
• impianti di sicurezza.

Per l’applicazione dell’IVA ridotta per l’acquisto di beni finiti dobbiamo distinguere gli interventi che si vanno a realizzare:
• in caso di manutenzione ordinaria e straordinaria è possibile solo se i beni finiti sono acquistati dall’impresa esecutrice dei lavori e ceduti al committente
• in caso di restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, è possibile anche se il committente acquista direttamente.

Nel primo caso, l’aliquota si applica soltanto sulla differenza tra il valore complessivo della prestazione e quello dei beni stessi.
Chiarisco con un esempio questo concetto che può apparire un po’ astruso.

Supponiamo di aver ristrutturato il bagno: spendiamo complessivamente 10.000 euro, perché l’impresa ci fattura un totale di 4.000 euro per i lavori, mentre il costo di sanitari e rubinetterie ammonta a 6.000 euro.
L’IVA agevolata al 10% per l’acquisto di sanitari e rubinetteria si potrà applicare solo su 4.000 euro, mentre sui restanti 2.000 andrà al 22%.

Il limite su cui applicare l’IVA ridotta si calcola infatti sottraendo dall’importo complessivo da pagare il costo dei beni finiti.
In questo caso:
10.000 – 6.000 = 4.000
Quindi l’IVA agevolata si applica solo su 4.000 euro.

Nel secondo caso, invece, l’agevolazione è valida anche quando ad acquistare i beni finiti è direttamente il committente.

Quando NON si può richiedere IVA agevolata

Ricapitolando, l’IVA agevolata al 10% non si può richiedere nei seguenti casi:

• per lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, ai beni finiti non acquistati dall’impresa esecutrice dei lavori
• ai materiali acquistati direttamente dal committente
• alle prestazioni professionali (quindi la parcella di architetto, ingegnere, geometra o geologo ha sempre IVA al 22%)
• ai lavori eseguiti dalle imprese subappaltatrici; in questo caso l’impresa subappaltatrice fatturerà all’impresa principale al 22%, mentre questa fatturerà al committente al 10%.

Come richiedere IVA agevolata all’impresa edilizia

L’applicazione di un’aliquota IVA ridotta, pur ricorrendone i presupposti, non è automatica.

Il richiedente deve infatti consegnare all’impresa o al venditore una dichiarazione con la quale si assume la responsabilità in merito ai lavori realizzati e all’aliquota IVA da utilizzare.

Di seguito, trovate i fac simile della dichiarazione, da scaricare e utilizzare a seconda dei casi:
dichiarazione IVA agevolata
dichiarazione-iva-agevolata-per-acquisto-beni-finiti.




Iscriviti alla Newsletter

Potrebbe interessarti anche
Guarda gli ultimi video

Dello stesso argomento

110 Commenti. Nuovo commento

  • ho una CILA per manutenzione straordinaria. Ho fatto il rifacimento di una scala interna in marmo, l’impresa sostiene che il materiale vada fatturato al 22% di IVA mentre la manodopera, compreso tutti i materiali necessari al rifacimento li vuole fatturare al 10% è corretto?

    Rispondi
  • Salve,
    Per ampliamento della prima casa si può avere iva al 4% sui lavori di ristrutturazione, lo stesso anche in caso di fusione di due appartamenti?
    Grazie per una sua eventuale risposta.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      26 Agosto 2021 19:54

      Sì.

    • Grazie per la sua risposta…ho nel frattempo sottoposto all’Agenzia delle Entrate lo stesso quesito e mi hanno detto che l’IVA al ,assiemo potrà essere 10%
      l’IVA al 4% si applicherebbe se facessi un ampliamento (nuovo costruzione), non una fusione di due appartamenti attigui.

    • arch. Carmen Granata
      27 Agosto 2021 19:48

      Giusto. In effetti io non avevo compreso la domanda, credevo proprio che chiedesse quale Iva si applica in caso di ampliamento.

  • Salve arch. stiamo presentando progetto per completamento lavori fabbricato civile abitazione che era stato oggetto di demolizione e ricostruzione, accatastato attualmente F/4. Posso usufruire dell’agevolazione del 50% e iva 10%? Avevo letto ad una risposta interpello dell’agenzia entrate che i fabbricati in corso di costruzione accatastate F/4 potevano richiedere bonus mentre le F/3 no .

    Rispondi
  • Buongiorno. 10 anni fa ho acquistato la mia prima casa pagando iva al 4% al costruttore e vorrei ora , nello stesso comune , acquistare un terreno per costruire la mia futura casa . Posso usufruire dell’iva agevolata al 4% se mi impegno a vendere la mia attuale casa una volta terminata la nuova ?

    Rispondi
  • Salve Dottoressa,
    Bo acquistato un villino non ultimato, attualmente ho in corso una concessione per completamento lavori, devo ultimare alcuni Interventi per poter richiedere l’agibilità e quindi poi la residenza entro 18 mesi, il geometra che mi sta seguendo dice che posso usufruire del iva 10% e detrazione 50% relativi alla ristrutturazione, è corretto?
    Grazie e complimenti per il blog

    Rispondi
  • Salve, io e mia moglie abbiamo acquistato tempo fa un fabbricato collabente, lo abbiamo demolito e ricostruito e sarà la nostra prima casa, tutti i lavori svolti fino ad ora (struttura, tamponatura, cappotto termico ecc.) è stato fatturato al 4% perchè ero in dubbio se rientrava o no nella ristrutturazione edilizia, ora dopo la modifica al d.p.r. 380/01 rientro totalmente nel beneficiare del bonus ristrutturazione al 50%, secondo Lei posso da ora in poi fatturare iva al 10% e quindi beneficiare del bonus ristrutturazioni?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      16 Luglio 2021 19:49

      La norma modificata non è retroattiva. Mi pare di capire che il suo titolo autorizzativo è precedente alla modifica, quindi no.

  • Buon giorno. Sto chiudendo l’accordo con un’impresa di costruzioni per la costruzione di una casetta (seconda casa) su un mio lotto ma le finestre e la porta blindata e le persiane blindate preferisco comprarle direttamente. Potrò usufruire dell’IVA del 10% ? Oppure per avere l’IVA del 10% devo far fare l’acquisto all’impresa di costruzione ? Posso pagare direttamente l’impresa di serramenti o devo pagare l’impresa di costruzione che a loro volta pagano l’impresa di serramenti ? Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      31 Maggio 2021 10:23

      Per la costruzione seconda casa non c’è IVA agevolata. E’ sempre al 22%.

    • Scusi Architetto forse non mi sono spiegato. Mi risulta che se compro una seconda casa da un costruttore (anche sulla carta quindi da costruire) l’Iva è il 10% non il 22%. Dato che compro da un costruttore (costruisce su un mio terreno), la mia domanda era sui prodotti finiti come porta blindata, finestre, persiane blindate mi sembra che (prodotti finiti e non la mano d’opera per l’installazione) l’IVA è del 10%. Se funziona così li posso acquistare direttamente altrimenti sono costretto a farli acquistare al prezzo già definito all’impresa costruttrice.

    • arch. Carmen Granata
      31 Maggio 2021 19:40

      Mi perdoni, ma se lei affida a una ditta l’incarico di costruire una casa su un terreno di SUA proprietà, non sta COMPRANDO!!! L’acquisto avviene quando lei acquista una casa (anche su carta) che il costruttore sta costruendo su terreno di proprietà dell’impresa.

  • Giuseppe Giudice
    29 Maggio 2021 11:08

    Buonasera. Sto acquistando la mia prima casa e ho un contratto di comodato gratuito di immobile ad uso abitativo con mio padre, depositato all’agenzia delle entrate, per l’immobile dove attualmente vivo. Posso usufruire dell’IVA al 4% o bisogna depositare la rinuncia al comodato?

    Rispondi
  • Buonasera, ho acquistato una casa al grezzo come prima casa con concessione edilizia scaduta, con il mio tecnico dovrò aprire una pratica di scia in comune per completamento (impianti, infissi, pavimenti) posso usufruire dell’iva agevolata del 4% per l’acquisto dei materiali e per le opere murarie?
    Grazie in anticipo per la risposta.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      27 Maggio 2021 19:25

      Sì.

    • La ringrazio per la risposta, ma la mia domanda è se in comune mi accetterà la scia per completamento dato che la casa non ha un numero civico ed è adesso in categoria f3. Io ho acquistato dal proprietario come prima casa.

    • arch. Carmen Granata
      28 Maggio 2021 18:24

      Veramente la sua domanda era sull’Iva e io ho risposto a quella! 🙂

    • Buonasera archittetto in riferimento alla domanda precedente io ho acquistato la casa al grezzo come prima casa ma con concessione edilizia scaduta da ben 3 anni, a questo punto il tecnico che ho mi deve aprire una pratica di scia per completamento lavori collegata alla vecchia concessione, ma questa dicitura di completamento sul modulo di pratica a livello regionale non viene redatta perciò dovrò mettere come ristrutturazione edilizia al completamento lavori, posso usufruire secondo lei dell’iva al 4% per la realizzazione delle opere murarie, impianti, infissi.
      La ringrazio anticipatamente.

    • arch. Carmen Granata
      11 Giugno 2021 18:38

      Purtroppo il mancato allineamento tra la modulistica esistente e le varie agevolazioni è un grosso problema… Credo però che se la Scia è accompagnata da una dettagliata relazione da cui si evince il tipo di intervento con l’AdE non dovrebbero esserci problemi. La cosa dovrà però essere opportunamente spiegata ai vari fornitori a cui bisognerà presentare la dichiarazione sul tipo di opere per avere l’Iva scontata.

  • Buonasera,
    per prima casa in costruzione se acquisto io direttamente la pompa di calore come bene finito con iva al 4%, il costo d’installazione (manodopera e tubazioni) sono sempre con iva al 4%?
    Grazie

    Rispondi
  • Buongiorno grazie per questi consigli
    Volevo chiederle per la seconda casa nuova costruzione i materiali se acquistati da me con iva al 22%
    I lavori di idraulico e elettricista possono usufruire del 10%
    Grazie

    Rispondi
  • costruttore vende casa demolita con ricostruzione ed ampliamento (classificata come ristrutturazione edilizia dal d.l. 76/20). l’acquirente ha diritto all’agevolazione prima casa. Il costruttore ritiene di applicare l’iva al 4% la lettura della circ. 564/2020fa propendere per l’iva al 10%. secondo lei?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      4 Maggio 2021 19:49

      Non ho letto la circolare, m anch’io propendo per il 10%. Il 4% si applica alle nuove costruzioni.

  • Gent.ma,
    sto comprando a mio nome i sanitari per una prima casa. L’iva del negozio dovrà essere del 4% o del 10%?
    Grazie in anticipo!

    Rispondi
  • Alessandro
    8 Aprile 2021 11:36

    Buongiorno architetto,
    l’iva agevolata 4% per nuova costruzione prima casa può essere applicata anche alle opere (es. fornitura e posa siepi o movimenti di terra) inerenti il giardino di proprietà, nel caso questo sia catastalmente legato alla casa e inserito nel permesso di costruire della stessa?
    Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      12 Aprile 2021 19:53

      Sì, se sono lavori da “muratore”, ad es. predisposizione aiuole, impianto di irrigazione, ecc.. Insomma, non certo per la piantumazione di piante, prato, ecc..

  • loretta mazzarini
    28 Marzo 2021 22:34

    ho fatto una prima cosa volevo sapere se le migliorie tipo impianto di allarme, porta box doccia, una casetta di legno in giardino, posso pagarle con iva al 4%?

    Rispondi
  • Alessandro
    20 Marzo 2021 11:13

    Sto acquistando una nuova costruzione da impresa come prima casa con IVA 4%.
    La parcella dell’architetto per design di interni potrà avere IVA 4%?
    Elementi di completamento (anche successivi al rogito) come veneziane frangisole motorizzate, teli oscuranti sul balcone, impianti di allarme?
    Grazie

    Rispondi
  • Buona sera,
    Arch. Granata vorrei un info, mia moglie ha ricevuto in donazione una casa grezza noi vogliamo completarla, con tetto in legno, veranda in legno e tamponamento. l iva è al 4% o al 10%. Parliamo di prima casa.
    Grazie

    Rispondi
  • Buongiorno, anni fa abbiamo acquistato un terreno edificabile ed ora stiamo costruendo la nostra prima casa. Abbiamo fatto un primo contratto di appalto con un’impresa edile per la realizzazione dello strutturale e delle tamponature usufruendo dell’IVA agevolata al 4%. Ora vorremmo fare altri contratti di appalto con ditte diverse per la realizzazione di altre opere: tetto in legno ventilato, impianti, pavimenti e finiture interne. Su tutte queste altre lavorazioni con soggetti diversi, possiamo usufruire dell’IVA agevolata al 4% stipulando con ognuna un contratto di appalto? Diversamente, usufruiremmo dell’IVA agevolata al 4% ampliando il contratto d’appalto con la prima ditta?
    Grazie

    Rispondi
  • roberto rodella
    28 Dicembre 2020 19:21

    buonasera,
    Costruzione nuova destinata a 1^ casa – IVA 4%
    si ottiene l’abitabilità anche se alcuni lavori non sono ancora terminati.
    Dpo 2 anni si procede a terminare i lavori previsti ma non ultimati.
    E’ possibile usufruire dell’iva agevolata del 4%

    Rispondi
  • Buonasera architetto,
    ho letto nei commenti che per la costruzione prima casa, l’iva agevolata al 4% può essere applicata anche se intervengono diverse ditte non in subappalto (ad esempio ditta edile, elettricista, idraulico). Il mio commercialista asserisce invece che l’iva vada applicata alla sola ditta appaltante che in caso può subappaltare le diverse lavorazioni a terzi. Può darmi qualche riscontro legislativo?
    Grazie mille

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      16 Dicembre 2020 20:00

      Perchè non facciamo il contrario e si fa dare il riscontro normativo dal suo commercialista? 🙂
      Seriamente, a memoria non mi sembra ci sia questa discriminante, ma potrei sbagliarmi. Un professionista del fisco può essere sicuramente meglio informato.

  • Buonasera Arch,
    una domanda: la voltura del permesso di costruire incide anche sull’applicabilità dell’Iva agevolata? Bisogna verificare il permanere dei requisiti anche in capo al soggetto subentrante? o basta che si siano realizzati in capo al soggetto originario?
    Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      16 Dicembre 2020 17:08

      Se parliamo di Iva per costruzione prima casa, il requisito ovviamente è soggettivo e dipende dal soggetto a cui è intestato il permesso.

  • Buona sera architetto, ho acquistato una villetta da un privato priva di impianti di riscaldamento e acqua calda sanitaria. Ho contattato un rivenditore di pompe di calore che mi ha fatto un preventivo per l’acquisto della macchina HITACHi YUTAMI 14 kw (iva esclusa), poi ho contattato l’installatore il quale mi ha fatto n°2 preventivi, il primo per le spese di installazione e il secondo per il costo dei N° 5 fancoil da installare (anch’essi iva esclusa). La domanda è: Per potermi detrarre sul 730 il 50% in 10 anni, devo farmi fare un unica fattura che comprende tutti gli importi (e se si, da chi) o posso farmi fare anche fatture separate dal rivenditore e dall’installatore? Quale iva devo pagare? La ringrazio…. Cordialmente
    Giorgio

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      17 Novembre 2020 17:56

      Le fatture possono essere separate. L’Iva è al 22% per l’acquisto e al 10% per l’installazione.

  • Buonasera da poco ho ricevuto l agibilita dal mio comune, di una nuova abitazione, ho delle fatture che elettricista ed idraulico devono ancora presentare dei lavori svolti. Volevo sapere se comunque l iva puo essere assoggettata al 4% visto che si tratta di lavori svolti prima della richiesta di agibilita. Grazie infinite per la cortese risposta

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      15 Novembre 2020 11:18

      L’Iva agevolata si applica alla costruzione di immobili aventi i requisiti di prima casa. Non c’entra l’agibilità.

  • Buongiorno, nel caso di interventi multipli (sostituzione infissi, impianto di riscaldamento etc) per determinare il limite di applicazione dell’IVA agevolata al 10% bisogna considerare ogni intervento a se stante o la totalità degli interventi? (Ad esempio su 100.000 di lavori totali e 30.000 di valore di tutti i beni significati)
    É necessario indicare in fattura il valore dei beni significati? E infine, se non si dovesse rispettare il limite di applicabilitá dell’IVA agelvolata si potrebbe perdere l’accesso alle detrazioni fiscali come ecobonus etc?

    Rispondi
  • Buongiorno.
    Ho acquistato una casa al grezzo (priva di impianti agibilità e classe energetica ovviamente) con iva agevolata al 4% essendo per me PRIMA CASA
    Ora ho commissionato i lavori per il completamento ad un’impresa.
    Volevo sapere se i lavori per il completamento della casa ed il materiale da me acquistato per il completamento (sanitari rubinetteria lavandini) saranno fatturati con iva agevolata al 4%

    Rispondi
  • melotti angiolino
    16 Settembre 2020 15:46

    Sono comproprietario, con mia moglie, di una casa unifamiliare, ora troppo grande e messa in vendita, a ridosso della quale intendiamo costruirne una più piccola. Il costruttore dice che l’Iva è del 4% a condizione che la vendita avvenga entro 1 anno dall’agibilità della nuova. Se vero mi può dare dei riferimenti normativi o altro?
    Grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      19 Settembre 2020 19:26

      Dovrebbe vedere dalla legge 168 del 1982 a tutte le successive modifiche.

  • Sto acquistando un terreno in un paese di montagna a 852 mt altezza da un privato. Desidero far costruire una bi-villa con altra persona da un’impresa. Trattandosi di seconda casa l’IVA dovrebbe essere del 10%. Quali sono i materiali su cui potrei avere l’IVA del 4%? Ho sentito che ci sono delle agevolazioni anche per il box che sarà affiancato all’abitazione. Come fare?

    Rispondi
  • Buongiorno,
    4 anni fa ho iniziato la costruzione della mia prima casa utilizzando l’iva agevolata al 4% in quanto non possedevo altra abitazione, un’anno fa dopo il decesso dei miei genitori ho ereditato l’appartamento in cui abito e che è situato nello stesso comune in cui sto costruendo, posso ugualmente continuare ad usufruire dell’iva al 4% per la nuova costruzione?
    Ho obbligo di vendere l’appartamento al ricevimento dell’ agibilità della nuova casa?
    Grazie Saluti

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      31 Agosto 2020 12:47

      Sì, gli immobili ereditati non incidono sulle condizioni prima casa.

  • Jessica Bauce
    29 Luglio 2020 15:55

    Buongiorno,
    vorrei cambiare gli infissi esistenti con dei nuovi, richiederò poi l’agevolazione del 50%.
    Domanda: sulla fattura l’azienda che mi applica l’IVA al 10% deve segnare qualche normativa, articolo di legge o basta fare il bonifico parlante?
    Grazie mille per la risposta e complimenti per l’ottimo servizio.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      29 Luglio 2020 16:08

      Grazie. La fattura non deve avere nessun riferimento in particolare.

  • ho acquistato una prima casa, da completare chiedo: sull’acquisto di quali materiali posso usufruire dell’iva agevolata (finestre, porte, sanitari, pavimenti) acquistati da me e montati dall’impresa?

    Rispondi
  • Buongiorno
    vorrei costruire una casa (che sarà la mia prima casa) nel comune dove già possiedo l’appartamento in cui abito e che ora è la mia prima casa.
    Per avere l’iva al 4% nel caso acquistassi la nuova casa avrei 1 anno di tempo dall’atto notarile per vendere quella vecchia.
    Se costruisco ho sempre 1 anno di tempo per vendere? Da quando (fine lavori, accatastamento, abitabilità)?
    Grazie

    Rispondi
  • Salve, ho la concessione scaduta, posso chiedere ugualmente l’agevolazione iva al 4%, trattandosi di prima casa?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      2 Maggio 2020 11:52

      Non ho ben capito… Se il suo titolo autorizzativo è scaduto, lei non può proprio costruire.

  • Ho acquistato un terreno edificabile per costruire 2 unita io e mio figlio avendo io e mia moglie uso frutto con accrescimento e mio figlio la nuda proprietà di tutto la prima casa di abitazione la vendiamo mantenendo altre proprietà posso usufruire iva al 4% grazie

    Rispondi
  • Gianna Battesini
    9 Luglio 2019 17:21

    per i lavori di ristrutturazione prima casa intestata a figlia convivente:
    -si può usufruire dell’iva 4%?
    -le fatture devono essere intestate alla figlia proprietaria, anche se vengono pagate con bonifico dal genitore che beneficerà delle detrazioni fiscali?

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      9 Luglio 2019 17:53

      Per ristrutturazione l’Iva è al 10%. Le fatture devono essere intestate a chi paga.

  • mario lorenzo romano
    13 Febbraio 2019 12:44

    Buongiorno avrei bisogno di una delucidazione, io ho acquistato un immobile in cui verranno eseguiti lavori di manutenzione starordinaria e quindi aperta una CILA in comune, vorrei sapere se, AL FINE DELLA DETRAZIONE FISCALE IRPEF 50%, gli acquisti devono essere fatti dall’impresa e poi fatturati a noi al 10 %o possiamo farli anche no ma con IVA al 22%? Perchè il problema è che a me acquirente privato mi viene applicato un sostanzioso sconto sui mmateriali grazie a delle convenzioni, mentre all’impresa fatturano senza alcuno sconto ma con lIVA al 10% e a conti fatti ci converrebe più acquistare noi. Oltrettutto nella detrazione IRPEF 2020 anche se non si hanno ancora indicazioni sulle detrazioni, qualora si potesser oancora scaricare anche il mobilio, acquistando noi come privati potremmo tenere la pratica di manutenzione aperta fino a fine dicembre 2019, in quanto potremmo aqcuistare ulteriore mobilio anche nei mesi successivi all’opera dei lavori, in modo da non affrontare subito l’intera spesa di lavori e arredamento nell’immediato, e potendo poi scaricare nel 2020 anche questo. Cosa che diventa difficile fare se invece dobbiamo continuare a chiedere all’impresa di acquistare queste cose anche in data successiva alla fine dei lavori. Spero di essere stato chiaro, attendo risposta grazie.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      13 Febbraio 2019 18:44

      Ma guardi che lei è libero di acquistare in autonomia, con Iva al 22%, nessuno la obbliga a fare diversamente.
      Detto ciò, non capisco il discorso sui mobili. I mobili hanno sempre Iva al 22% e non c’entrano con le forniture edilizie.

  • Salve e grazie per l’ottimo articolo.
    È sorto un dubbio fra me e chi dovrà installare gli infissi riguardo l’Iva da applicare.
    La mia è una ristrutturazione edilizia di demolizione e ricostruzione con stessa sagoma e volume di un’unità collabente, l’Iva al 10% è su tutto o sulla differenza fra costo materiali e manodopera?
    Grazie mille e buona giornata

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      18 Dicembre 2018 17:10

      Grazie a lei. Gli infissi rientrano tra i beni significativi ed effettivamente l’Iva agevolata si applica fino a concorrenza del valore della prestazione d’opera. Tuttavia, trattandosi di un lavoro consistente, il costo dei soli infissi dovrebbe essere inferiore a quello della sola manodopera, per cui l’Iva al 10% dovrebbe essere sull’intera fornitura. Cmq per comprendere meglio il concetto le consiglio la lettura anche di quest’articolo:
      https://www.guidaxcasa.it/cosa-si-intende-per-beni-significativi/

    • Grazie per la rapida risposta colme al solito, a questo punto non capisco questo passaggio:
      in caso di restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, è possibile anche se il committente acquista direttamente.
      Quindi, in quali casi c’è l’Iva al 10% anche sul ciò che acquisto personalmente e quindi senza considerare il rapporto con i costi di installazione?
      Grazie

    • arch. Carmen Granata
      19 Dicembre 2018 16:35

      In effetti sì, quindi rientrando lei in ristrutturazione edilizia può avere Iva al 10% anche se acquista direttamente.

  • Alessandro
    1 Giugno 2018 12:28

    Buongiorno Architetto,
    acquisterò da una Impresa costruttrice la “prima casa”.
    I serramenti saranno forniti da me all’impresa costruttrice in quanto li acquisto direttamente da un falegname di fiducia.
    Il falegname dunque emetterà la fattura intestata a me poichè pagherò direttamente io i serramenti.
    Sui serramenti si può applicare l’Iva agevolata? Al 4% o al 10%?
    Grazie mille!
    Specifico trattasi di immobile interamente ristrutturato

    Rispondi
  • Maddalena Zandarin
    11 Marzo 2018 17:44

    Salve, per costruire la nostra prima casa, io e mio marito abbiamo ampliato la casa dei miei genitori ricavando una nuova unità abitativa, abbiamo fatto la voltura del permesso di costruire, a seguito di donazione del terreno e del permesso da parte di mio padre. l’IVA per la costruzione è al 4% o al 10%?

    Rispondi
  • Buongiorno, stiamo per far costruire un bagno in una stanza a piano terra della casa di mia madre, perché sta avendo problemi nella deambulazione e non é in grado di compiere le scale. Il geometra presenterà la CILA per abbattimento delle barriere architettoniche. Dato che la mamma ha un’invaliditá del 50% e beneficia della L.104 (però comma 1, quindi non handicap grave) puó usufruire dell’iva agevolata al 4%?
    La ringrazio in anticipo se potrà rispondermi e le faccio i complimenti per le risposte sintetiche, ma chiarissime.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      7 Marzo 2018 17:44

      Grazie a lei. Sì, può avere l’IVA agevolata che non è legata all’handicap ma all’intervento stesso. Si ricordi che per questi interventi è prevista anche la detrazione 50% Irpef.

  • Buongiorno, sto costruendo la prima casa, volevo sapere se anche la cucina e le tende a rullo che intendo acquistare e farmi installare da ditte diverse da quelle che costruiscono la casa, possono avvalersi dell’agevolazione iva al 4%??

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      2 Marzo 2018 9:48

      No, per gli arredi non c’è Iva agevolata.

  • Buongiorno,
    sono proprietaria di una casa dal 2011 al 100% (acquistata al 4% con agevolazione prima casa) attualmente in vendita, e ora stiamo costruendo una casa cointestata al 50% con mio marito.
    Le abitazioni sono in comuni diversi, io posso usufruire dell’iva al 4%? anche se quando non ho terminato i lavori la casa ancora non è stata venduta?
    Premetto che dal momento che la casa sarà abitabile cambierò la residenza in quella nuova.
    La ringrazio
    Cordiali Saluti

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      31 Gennaio 2018 15:57

      A mio avviso no, perchè ne ha già usufruito una volta.

    • Quindi secondo lei acquisto al 10%?

    • arch. Carmen Granata
      1 Febbraio 2018 10:45

      Sì.

    • Buonasera, grazie per la competenza e per l’articolo. Nel 2012 ho iniziato a costruire una casa su terreno di proprietà usufruendo dell’iva al 4% prima casa. Riuscendo purtroppo a terminare solo la struttura, successivamente ho avuto bisogno di acquistare per viverci una piccola casa nello stesso comune senza usufruire dell’iva al 4% poiché avevo già iniziato ad usufruirne per la costruzione della prima casa. Oggi vorrei terminare tale costruzione, il permesso di costruire è scaduto, aprendo una nuova Scia posso terminare i lavori iniziati nel 2012 e continuare ad usufruire dell’iva al 4% non avendone usufruito quando ho acquistato la piccola casa in cui ora vivo? Grazie per la disponibilità.

    • arch. Carmen Granata
      11 Giugno 2021 18:39

      @gerardo: sì.

  • Buongiorno, vorrei sapere se nel caso abbia ricevuto una donazione di una prima casa, e le opere da realizzare sono necessarie per renderla abitabile, posso usufruire dell’IVA al 4%.si tratta di una mansarda che nello stato di inizio lavori presenta solo le mura esterne e il massetto interno. Non vi sono impianti e quant’altro.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      25 Gennaio 2018 9:23

      Bisogna vedere cosa dice il titolo autorizzativo: se il pdc prevede la costruzione di un appartamento mansardato, per completarlo può fruire dell’iva al 4%, se per lei è prima casa. Se invece si tratta di un sottotetto per il quale può richiedere il recupero abitativo, si tratta di un intervento di ristrutturazione per il quale può avere iva al 10%.

  • Flavia Angi
    15 Gennaio 2018 15:23

    Buongiorno,
    vorrei capire se l’IVA agevolata si applica anche a più ditte che fanno diversi lavori (ma non in sub-appalto) o solo alla principale. Ho una CILA aperta per manutenzione straordinaria con una impresa X. Ho chiesto però il solo montaggio (i beni li ho comprati a parte) dei condizionatori ad una ditta Y. Entrambe mi possono applicare l’IVA agevolata o solo quella che mi ha fatto i lavori di ristrutturazione vera e propria? Grazie

    Rispondi
  • buonasera,
    la sola posa di pavimenti in una costruzione di prima casa può usufruire dell’iva al 4%? (i pavimenti li ho acquistati con l’iva al 22%)
    grazie

    Rispondi
  • Buongiorno, è necessario presentare la richiesta di iva agevolata per ogni fattura che dovrò ricevere relativa ai lavori di ristrutturazione?
    Inoltre è ancora ammessa la detrazione dell’iva per acquisto prima casa 4% in dichiarazione dei redditi?
    grazie

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      19 Ottobre 2017 12:14

      L’Iva agevolata non va richiesta al costruttore perchè è a regime, e quindi da applicare sempre.
      Al massimo va richiesta al venditore, che non sa che tipo di lavori si stanno realizzando.
      L’Iva agevolata acquisto prima casa è sempre in vigore.

  • Salve, volevo un chiarimento inerente al problema che mi sta insorgendo. Sono già proprietaria di una casa da vent’anni. Ho preso un terreno edificabile e stiamo ora costruendola…” Sono sposata e sono in comunione dei beni”. Quello che voglio chiedervi…è: quale agevolazione mi spetta come costruzuone.??? intendo IVA% nelle fatture… ribadisco che la prima casa intendo venderla. Grazie e distinti saluti….

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      27 Settembre 2017 12:23

      Se vende la prima casa può avere l’Iva al 4% sulla costruzione della nuova.

    • Sono una persona fisica proprietaria di una casa e dovrei costruire su un altro terreno 4 abitazioni di cui 2 venderle e 2 intestarle ciascuna ai miei 2 figli aventi tutti i requisiti di ‘prima casa’.
      Il costruttore può fatturarmi con iva agevolata?
      Se si, al 4 o al 10%? Posso comprare i materiali ed attrezzatura con agevolazione e farmi fatturare solo le maestranze sempre con le agevolazioni?

    • arch. Carmen Granata
      16 Dicembre 2019 16:00

      Per quesiti complessi deve chiedere qui la consulenza a pagamento: https://www.guidaxcasa.it/richiedi-consulenza-le-detrazioni/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu