Guida all’acquisto del robot aspirapolvere

Il robot aspirapolvere è provvisto di una base di ricarica collegata alla corrente elettrica alla quale ritorna autonomamente quando ha ultimato la pulizia.

Robot aspirapolvere Roomba 870 di iRobot

Robot aspirapolvere Roomba 870 di iRobot

Cos’è il robot aspirapolvere?

Il robot aspirapolvere non è altro che un aspirapolvere automatizzato in grado di eseguire tutto il lavoro da solo.

Avere qualcuno che svolge un compito faticoso al proprio posto, soprattutto quando si torna a casa dopo una giornata di lavoro, era fino a poco tempo fa un sogno, mentre oggi è una possibilità alla portata di tutti.
Per questo l’aspirapolvere automatico è diventato una delle novità tecnologiche più popolari degli ultimi anni e uno degli oggetti del desiderio di casalinghe e casalinghi.

I robot aspiratutto sono provvisti di una base di ricarica collegata alla corrente elettrica, alla quale ritornano automaticamente quando hanno ultimato la pulizia per ricaricarsi.

Sono dotati di sensori che riconoscono gli ostacoli, per cui possono evitare le pareti, aggirare i mobili, tornare indietro quando si presenta davanti una barriera.
Alcuni apparecchi hanno dei sensori a infrarossi che impediscono proprio di toccare l’ostacolo, altri invece tornano indietro non appena avvertono il contatto.

Inoltre, sono sufficientemente bassi per passare sotto diversi mobili e sicuramente sotto i letti.

Quando si avvia il robot, l’apparecchio fa sempre un primo giro per memorizzare l’area da pulire, attraverso un programma di mappatura. In questo modo eviterà anche di ripassare due volte su un’area già pulita.

Per garantire la sicurezza, gli apparecchi sono progettati in maniera che, nel caso in cui vengano sollevati da terra, bloccano il movimento delle spazzole. Quindi si possono usare anche in presenza di bambini.

Rispetto a un aspirapolvere tradizionale, però, il robot ha prestazioni leggermente inferiori. Ha infatti una potenza di aspirazione ridotta, inoltre la durata del suo funzionamento è legata all’autonomia della batteria.

Tipologie di robot aspirapolvere

Al di là delle caratteristiche comuni a tutti i robot, ci sono alcune funzioni specifiche che possono essere presenti solo in alcuni modelli.

• Il display: la sua presenza permette di segnalare diversi aspetti del funzionamento, come lo stato di carica o eventuali guasti.

• La programmazione: con i robot più evoluti potete impostare il funzionamento mentre siete fuori casa, programmando l’ora di avvio e il tipo di pulizia.

• Il telecomando: può sembrare una funzione inutile, visto che i robot si attivano con un pulsante, ma invece risulta molto importante per chi ha difficoltà motorie o non può chinarsi.

• La rimozione del pelo: funzione molto utile per chi ha animali in casa.

• I sensori scale: alcuni modelli sono in grado di riconoscere le scale e di salirle e discenderle o evitarle del tutto.

• I muri virtuali: a volte si può desiderare di circoscrivere la pulizia a una certa area, evitando che il robot entri in altre stanze. Con questa funzione, si detta al robot la presenza di un muro virtuale oltre il quale non andare.

• La forma: la maggior parte dei robot sono tondi, ma ne sono stati creati anche di forma squadrata per arrivare più facilmente negli angoli. Oggi il problema è superato però anche con quelli di forma circolare, grazie alle spazzole laterali.

• La funzione lavapavimenti: è la tipologia più recente che unisce alla funzione di aspirare lo sporco quella del lavaggio delle superfici.

Quali aspetti considerare per acquistare un robot aspirapolvere

Esistono diversi modelli di robot aspirapolvere, ciascuno con proprie caratteristiche e peculiarità. Pertanto, al momento dell’acquisto è bene considerare esattamente le proprie esigenze per scegliere quello più adatto.

Alcuni robot sono in grado di riconoscere il tipo di pavimento su cui stanno lavorando, regolando automaticamente la velocità di rotazione delle spazzole e cambiandola quando passano da un tipo di superficie all’altra, ad esempio da un parquet a un pavimento in ceramica.
Ma se in casa avete un unico tipo di materiale, questa funzione sarà superflua, per cui scegliendo un apparecchio che ne è privo potrete risparmiare qualcosa.

Se la casa da pulire non è molto grande, potete scegliere un apparecchio meno potente. In questo modo risparmierete non solo sul prezzo di acquisto ma anche sui consumi energetici, in quanto la base di ricarica consumerà meno.

Un fattore su cui invece non conviene risparmiare è la qualità dei materiali e delle spazzole. Infatti, se scegliete prodotti di scarsa qualità, sarete soggetti di frequente a guasti e conseguenti riparazioni, se non addirittura alla sostituzione dell’apparecchio.
Fate attenzione comunque anche a come sono fatte le spazzole laterali. Quelle di qualità inferiore tendono ad attorcigliarsi durante l’utilizzo diminuendo la loro efficacia. Meglio quindi se le setole sono separate in maniera netta da guaine di plastica.

Anche la capienza del contenitore per la polvere incide sul costo, ma la sua scelta dipenderà dall’estensione dell’area da pulire. Per una casa molto grande non conviene infatti prendere un robot con un contenitore poco capiente, perché si sarebbe costretti a svuotarlo di frequente.

Per quanto riguarda le dimensioni, considerando che il robot è di solito di forma tonda, non è tanto importante la sua larghezza quanto l’altezza, perché bisogna essere sicuri che sia in grado di passare sotto tutti i mobili di casa.

Altro fattore da valutare attentamente è la rumorosità dell’aspirapolvere. Soprattutto se non è programmabile e deve lavorare in vostra presenza, non deve essere eccesiva per impedirvi di svolgere altre attività, come guardare la tivù o fare una telefonata. Se poi abitate in condominio diventa un elemento importantissimo per evitare lamentele.

Come usare un robot aspirapolvere

Come per tutti i prodotti di tecnologia avanzata, anche per l’uso del robot aspirapolvere bisogna seguire alcune precauzioni per ottenere il miglior rendimento possibile.

Anche se i robot sono in grado di riconoscere gli ostacoli e di evitarli, per il loro uso è fondamentale sgomberare il più possibile l’area da pulire.
Ad esempio, ribaltare le sedie sul tavolo, togliere i tappeti, spostare i vasi delle piante ed eliminare qualunque oggetto dal pavimento renderà sicuramente il loro percorso più agevole ed efficace.

Per evitare che l’aspirapolvere si intasi, bloccandosi o addirittura guastandosi, è importante rimuovere dal pavimento ogni piccolo oggetto e anche eventuali residui di sporco più grossi. Ma questo è un consiglio utile anche per gli aspirapolvere tradizionali.

Una buona manutenzione periodica è fondamentale per garantire la durata dell’elettrodomestico, ma semplice da mettere in atto. Richiede oltre allo svuotamento del contenitore la pulizia delle spazzole, che di solito sono facilmente smontabili, e la sostituzione del filtro.

Tenete sempre collegata alla corrente la base di ricarica, in modo che la batteria non si scarichi mai del tutto e posizionatela in modo che sia facilmente raggiungibile dal robot aspiratutto.

Quanto costa un robot aspirapolvere?

Come abbiamo visto, esistono diversi tipi di robot aspiratutto, dotati o meno di determinate funzioni, più o meno potenti, con contenitori di diversa capacità.
Quindi è difficile suggerire un prezzo indicativo, in virtù della varietà di prodotti in commercio. Poi non bisogna nascondere che ci sono alcune aziende famose i cui robot costano qualcosa in più anche per il prestigio del nome.

Naturalmente i top di gamma avranno prezzi un po’ più elevati, ma molte case produttrici hanno in catalogo anche modelli basic meno costosi, per permettere ai clienti di familiarizzare con questo elettrodomestico.

Generalmente posso dire comunque che un buon prodotto potete trovarlo a un prezzo compreso tra i 200 e i 500 euro.

Potete acquistarlo su Amazon.it:
iRobot Roomba 650
Vileda Virobi Robot Catturapolvere
Conga Compact.

(Prima pubblicazione 22 dicembre 2015)



Facebooktwitterpinterestlinkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *