Spioncino digitale per avere la casa sempre al sicuro

Lo spioncino è un piccolo foro sulla porta di ingresso che permette di vedere chi c’è dall’altra parte. Nelle case moderne è diventato smart.

Dierre il nuovo spioncino digitale nato dalla collaborazione con Ezviz 1 (photo credit Threesixty Torino)

Cos’è lo spioncino digitale?

Lo spioncino è quel piccolo foro presente sulla porta d’ingresso che ci consente di vedere chi c’è sul pianerottolo. Di solito lo utilizziamo per sbirciare al di là della porta quando sentiamo un rumore sospetto o anche quando suonano il campanello e non aspettiamo visite.

Questo strumento concede quindi un minimo di sicurezza, perché se scorgiamo facce sconosciute o sospette possiamo evitare di aprire la porta. È però piuttosto scomodo da usare e restituisce una visione poco chiara.

Come sempre la tecnologia ci viene in aiuto aumentando in maniera esponenziale le potenzialità di uno strumento. Ormai infatti gli spioncini classici stanno diventando antiquati, sostituiti da quelli digitali.

Lo spioncino digitale è un dispositivo elettronico dotato di una telecamera sul lato esterno e di uno schermo LCD su quello interno, simile a uno smartphone, che consente di vedere un’immagine nitida.

Una sorta di videocamera di sorveglianza camuffata da spioncino ma, a differenza di questo, in grado di restituire un’immagine più nitida e fornire una visuale più ampia.

Questi innovativi dispositivi risultano semplici da usare anche per anziani con problemi di deambulazione o per chi non è molto alto.
Mentre infatti lo spioncino tradizionale presenta un occhiello a cui è necessario appoggiare l’occhio, posto a una certa altezza, il display di quello digitale è visibile anche dal basso. Può essere usato quindi anche da bambini lasciati soli in casa o da persone in sedia a rotelle

L’apparecchio è molto discreto e all’esterno risulta del tutto impercettibile, tanto da non essere distinguibile da uno di tipo tradizionale.

Per chi vive solo e non ha la possibilità di installare un complesso sistema di allarme, lo spioncino digitale è già un piccolo passo per avere un minimo di sicurezza, soprattutto in periodi dell’anno come questo, in cui le città si svuotano.

Come funziona lo spioncino digitale?

Uno spioncino digitale elettronico funziona con la corrente elettrica ma si alimenta semplicemente tramite batterie, quindi niente cavi volanti in giro. Si possono usare pile AAA o batterie al litio, ma queste ultime sono decisamente più longeve.

L’utilizzo è molto semplice: basta pigiare un pulsante affinché appaia l’immagine che mostra la persona davanti alla porta e lo schermo rimanga acceso per pochi secondi.
Non è necessario quindi appoggiare l’occhio alla porta, come avviene con il sistema tradizionale.

A seconda dei modelli, le funzioni possono essere più o meno avanzate e consentire di:
• scattare fotografie
• girare riprese video con una telecamera incorporata, memorizzandole su una micro card SD
• fare lo zoom
• avere una visione notturna grazie a sensori a infrarossi.

In commercio esistono ovviamente versioni particolarmente evolute. Ad esempio, alcuni apparecchi sono in grado di scattare foto di chiunque entri nel loro raggio d’azione e memorizzarle per un certo periodo di tempo.

Tipologie di spioncino digitale

Per riassumere, al momento dell’acquisto, potrai trovare differenti modelli di spioncino elettronico tra cui scegliere:

• spioncino con sensore di movimento: si attiva appena qualcuno transita sul pianerottolo, è spesso dotato di visione notturna per restituire immagini nitide al buio
• spioncino digitale con registrazione: consente di archiviare in una memoria tutto ciò che succede all’esterno e in alcuni casi permette di scattare foto, per verificare l’identità di chiunque si avvicini alla porta
• spioncino digitale wi-fi: attraverso un collegamento alla rete Internet domestica consente di controllare l’appartamento anche da remoto, direttamente dallo smartphone.

Caratteristiche di uno spioncino digitale

Passiamo adesso ad analizzare le caratteristiche a cui fare attenzione al momento dell’acquisto.

Abbiamo visto quanto sia molto migliore l’immagine restituita da uno spioncino elettronico rispetto a quella di uno tradizionale. Allora tra le qualità da valutare per la scelta ci sarà senza dubbio la presenza di una buona risoluzione della videocamera.

Gli spioncini digitali più economici hanno di solito uno schermo LCD da 3,5” con una risoluzione da 1,3 megapixel. Già queste caratteristiche sono sufficienti per avere un’immagine dell’esterno abbastanza chiara.

Se invece desideri qualcosa di più performante, ad esempio uno schermo ad alta definizione, devi ovviamente mettere in conto un prezzo più elevato.
Maggiore sarà la risoluzione del display, maggiori saranno anche le sue dimensioni.

Oltre alla risoluzione è importante l’ampiezza del campo visivo. La soluzione migliore sarebbe uno spioncino dotato di un angolo di visione in grado di vedere se all’esterno ci sono più persone e dovrebbe essere almeno di 110-120 gradi. Se riesci però ad arrivare a 150 gradi spendendo qualcosina in più, potrai garantirti una maggiore sicurezza.

Controlla anche se le batterie sono comprese nella confezione o devi acquistarle separatamente.

Come montare lo spioncino digitale

L’installazione di uno spioncino di questo tipo non è complicato e si può fare in autonomia senza l’utilizzo di attrezzature particolari.

In genere gli spioncini digitali hanno le stesse dimensioni di quelli tradizionali, proprio per adattarsi alle porte esistenti senza doverle sostituire. Basterà quindi smontare lo spioncino esistente e riposizionare il nuovo.

Nel caso in cui, invece, il nuovo apparecchio abbia un diametro superiore al foro esistente, dovrai allargare il buco con un trapano e una punta da ferro.
Se invece non è già presente uno spioncino, il foro dovrà essere praticato ex novo.

Una volta pronto con il foro, segui questi passaggi:
• metti nella parte esterna la telecamera dello spioncino digitale, avendo cura, prima di fissarla, di passare il cavo dalla parte opposta, ovvero verso l’interno dell’abitazione
• fissa nella parte interna della porta la piastra di supporto al monitor (di solito si fa con biadesivo ma per maggiore sicurezza si possono utilizzare delle viti)
• aggancia la telecamera al cavetto e fissa il monitor interno
• fissa lo schermo con le viti in dotazione.

Ovviamente ogni modello avrà delle sue specifiche particolari, che potrai trovare illustrate nel manuale di istruzioni. Quelli descritti sono comunque i passaggi generali da seguire in tutti i casi.

Se lo spioncino digitale è dotato di ulteriori funzioni, come ad esempio il wi–fi, dovrai anche configurarlo tramite un’apposita app per smartphone con sistema operativo Android o iOS.

Come puoi vedere il montaggio è molto semplice, ma se davvero non hai alcuna dimestichezza con il fai da te, puoi sempre richiedere l’intervento di un tecnico che te lo installerà in poco tempo.

Dove comprare uno spioncino digitale?

Gli spioncini digitali sono disponibili in commercio in numerosi modelli e con diverse caratteristiche.

Di conseguenza, anche il range di prezzo è piuttosto variabile e può andare dai 50 euro circa di un modello economico fino alle diverse centinaia di quelli più elaborati.

In ogni caso ti sarai dotati di un dispositivo per la sicurezza domestica decisamente molto più economico di un impianto antifurto o di un sistema di videosorveglianza.

Puoi acquistarlo nelle ferramenta o nei negozi di elettronica, ma anche on line su Amazon:
Spioncino elettronico digitale Yale
Avidsen E0372-40
prstech DC2.

(Prima pubblicazione 5 ottobre 2018)




Iscriviti alla Newsletter

Potrebbe interessarti anche
Guarda gli ultimi video

Dello stesso argomento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.