Elettrodomestici di casa: come sfruttarli al meglio per risparmiare

Gli elettrodomestici di casa tendono a fare aumentare i consumi di energia elettrica: vediamo allora come usarli in maniera più parsimoniosa.

Al giorno d’oggi, le abitazioni private sono piene di elettrodomestici di ogni tipo. Proprio per questa ragione, i consumi di energia elettrica tendono ad aumentare notevolmente.

Ecco allora una serie di consigli per ridurre i consumi e risparmiare alla fine del mese.

Come si può risparmiare usando la lavatrice

Il primo passo è sempre quello di andare a controllare la classe energetica del proprio elettrodomestico. In questo caso stiamo facendo riferimento alla lavatrice e, di conseguenza, è necessario capire in che anno è stata comprata e quale sia la classe energetica che viene riportata in etichetta.

Ebbene, è importante mettere in evidenza che i consumi sia a livello idrico che di energia elettrica si sono ridotti del 50% per le lavatrici di nuova generazione rispetto ai modelli che hanno tra i 5 e i 10 anni in più.

Un altro ottimo consiglio è quello di usare dei ricambi per la lavatrice di qualità, nel momento in cui si deve sostituire qualche componente.

Ci sono poi alcuni suggerimenti che hanno a oggetto le modalità di utilizzo della lavatrice nella vita di tutti i giorni, che sono in grado, comunque, di garantire un ottimo impatto in bolletta.

Ad esempio, la lavatrice dovrebbe essere fatta partire solo a pieno carico, così come è meglio non puntare su quei programmi che vengono definiti a mezzo carico, dal momento che non comportano il dimezzamento dei consumi, ma spesso questi ultimi si avvicinano a quelli di un ciclo di lavaggio normale.

Meglio evitare anche il programma di prelavaggio, optando per un ammollo normale e scegliere temperature di lavaggio medio basse, che si aggirano tra 30 e 60 gradi.

Come si può risparmiare con l’asciugatrice

È bene mettere in evidenza un aspetto molto interessante: tutti hanno la possibilità di asciugare i capi che sono stati lavati senza pagare nemmeno un centesimo ed è quello di stenderli all’aria aperta, sfruttando i raggi del sole.

È chiaro che, per chi non ha una simile possibilità, è necessario fare ricorso a un’asciugatrice. I modelli catalogati in classe A si caratterizzano per il fatto di non utilizzare più un sistema di resistenze per garantire il riscaldamento dei capi d’abbigliamento e per asciugarli, ma vanno a sfruttare una vera e propria pompa di calore che consente anche di ridurre notevolmente i consumi.

Detto questo, è abbastanza facile intuire come i consumi di energia elettrica per un ciclo di asciugatura sono sempre piuttosto alti. Quindi, quando è possibile, meglio stendere i panni e sfruttare l’azione riscaldante dei raggi del sole.

Come ridurre i consumi con la lavastoviglie

A partire dal 2011, i modelli più datati di lavastoviglie, quelli che fanno parte della classe B o classe D non possono essere più proposti sul mercato. Detto questo, nel caso in cui ne abbiate comprata una prima di quella data e ce l’aveste ancora in casa, sarebbe opportuno sostituirla con un modello più recente, in una classe energetica migliore e più efficiente.

Diverse indagini e ricerche svolte in ambito scientifico hanno messo in evidenza come l’impiego della lavastoviglie consente di diminuire notevolmente il consumo di acqua in confronto al lavaggio a mano, con un risparmio che si aggira intorno al 40%.

Detto questo, si può in ogni caso seguire qualche suggerimento per risparmiare anche energia elettrica. Ad esempio, il filtro della lavastoviglie andrebbe pulito spesso. Basti pensare che, quando il filtro è ostruito per colpa di qualche residuo, i consumi dell’elettrodomestico in questione tendono ad aumentare e non poco. Meglio optare anche per programmi di lavaggio piuttosto brevi e caratterizzati da temperature limitate.

Iscriviti alla Newsletter

Potrebbe interessarti anche
Guarda gli ultimi video

Dello stesso argomento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu