Quali contenitori usare nel microonde?

Quali contenitori si possono usare per cuocere al microonde? Ci sono alcune regole da rispettare, per non correre il rischio di rovinare l’elettrodomestico.

Contenitore per microonde (photo credit www.tescomaonline.com)

Contenitore per microonde (photo credit www.tescomaonline.com)

Come capire se un contenitore è adatto per il microonde

La cottura con il forno a microonde è leggera e veloce e quindi pratica per chi non ha molto tempo da dedicare alla cucina. Ma quali recipienti si possono usare per cuocere le pietanze con questo elettrodomestico?
Ci sono alcune regole da rispettare per non correre rischi e rovinare il forno.

Per questo tipo di cottura è necessario utilizzare contenitori realizzati con materiali specifici, che risultino trasparenti alle onde.

Per capire se un recipiente è adatto, fate questa semplice prova: inserite nel forno un bicchiere con l’acqua e riscaldatelo azionando l’apparecchio alla potenza massima per 60 secondi.
Se alla fine il bicchiere sarà solo tiepido, mentre l’acqua si è riscaldata, vuol dire che il materiale di cui è fatto è idoneo a questo tipo di cottura. In parole povere, il materiale deve mantenersi freddo o riscaldarsi appena.

Quando acquistate recipienti da usare con il microonde, comunque, controllate sempre sulla confezione se è indicata la possibilità di usarli con l’elettrodomestico. Dovrebbe essere riportata l’apposita dicitura.

Se invece acquistate cibi precotti, spesso li troverete già in contenitori adatti all’uso.

Materiali adatti alla cottura a microonde

Ecco dunque alcuni materiali che risultano idonei:
• pyrex
• ceramica
• terracotta
• plastica
• silicone.

La plastica rientra quindi tra i materiali adatti, utilizzata sia per i contenitori che in pellicola, purchè però si tratti del tipo specifico, adatto a essere riscaldato ad almeno 140 gradi. Non è idonea, ad esempio, quella contenente PVC, che potrebbe non solo deformarsi ma addirittura fondersi, rilasciando sostanze tossiche.

Ma come fare a capire se un contenitore in plastica si può mettere nel microonde? Semplice: basta verificare che sulla confezione sia riportato lo specifico simbolo, costituito da tre onde stilizzate, sovrapposte le une alle altre.

I contenitori in plastica o silicone sono anche pratici, economici, belli da vedere e apprezzabili per il loro design.

Il materiale migliore in assoluto è comunque la porcellana, a eccezione di quella contente decorazioni in metallo (le tipiche bordature dorate, ad esempio).

Il pyrex è un particolare tipo di vetro non contenente piombo, con cui vengono fabbricati piatti e stoviglie.
Essendo trasparente, consente la visione del cibo durante la cottura.

Piatti e contenitori in genere di carta o cartone sono indicati solo per cotture molto brevi perché, se sottoposti a lungo all’azione delle microonde, potrebbero incendiarsi. Ci sono a tale scopo recipienti in carta e cartone appositi per il microonde.

I recipienti in terracotta vanno bene solo se all’esterno sono rivestiti in pasta di vetro.

Materiali non adatti alla cottura a microonde

Alcuni materiali subiscono gli effetti negativi del microonde perché si surriscaldano, si deformano o, peggio ancora, possono rilasciare sostanze nocive che poi trasmettono ai cibi.

Teglie e vaschette in metallo, come l’alluminio, o leghe come rame e ghisa, non sono adatte al microonde, perché possono provocare scintille all’interno del forno.
I metalli infatti riflettono le onde elettromagnetiche e non a caso le parti interne del forno sono realizzate proprio con questi materiali, in modo da indirizzarle verso il cibo.

L’unica eccezione di contenitore metallico utilizzabile è costituita dai piatti crisp, di solito forniti in dotazione con il forno.

Tra i materiali vietati ci sono il cristallo, che contiene piombo, o le stoviglie con decorazioni metalliche, come ho già detto.

Recipienti in legno e vimini possono essere usati solo parzialmente e per brevi cotture e non devono incrinarsi.

Accessori particolari per il microonde

Oltre ai normali contenitori ci sono anche altri accessori particolari da utilizzare per la cottura a microonde.
Uno di questi è il piatto grigliante, simile a una teglia in teflon con sotto una gommina.

Questa piastra si riscalda velocemente fino a 220 gradi centigradi, consentendo così la cottura di qualunque cibo in breve tempo e con risparmio di energia.

A ogni funzione del microonde il suo contenitore

Per la migliore cottura al microonde non basta però selezionare il materiale con cui è fatto il recipiente, ma bisogna sceglierlo anche in base alla funzione d’uso.

Vi faccio alcuni esempi:
• per l’uso del grill o del ventilato non vanno bene i contenitori in plastica ma si devono usare quelli in pyrex o in ceramica
• il piatto crisp (o grigliante) va usato solo con la funzione specifica o in combinazione microonde e ventilato.

Se usate il piatto crisp con la sola funzione microonde avrete infatti una cottura non omogenea. Non si tratta quindi di una scelta dettata dall’esigenza di preservare l’apparecchio da danneggiamenti, ma semplicemente orientata a cuocere le pietanze nel modo migliore.

Per la cottura a vapore dovete invece necessariamente utilizzare contenitori dotati di coperchio.

Dove acquistare contenitori per microonde

Potete acquistare contenitori per microonde nei negozi di articoli casalinghi, presso i supermercati della grande distribuzione, ma anche on line, con un ottimo rapporto qualità prezzo.

Per esempio, su Amazon potete trovare questi e tanti altri:
Top Home Solutions
Emsa Micro Family Set per principianti
Bama Cooky.




Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *