Cambiare casa: come organizzare al meglio il trasloco

Cambiare casa è sempre un’esperienza emozionante ma certe volte può rivelarsi alquanto stressante perché la gestione del trasloco non è per nulla semplice.

Cambiare casa con il trasloco

Cambiare casa con il trasloco

Cambiare casa è sempre emozionante, ma può rivelarsi anche alquanto stressante perché gestire il trasloco non è per nulla semplice.

Ci sono moltissime cose a cui pensare e senza una buona organizzazione si rischia di impazzire, perché il tempo a disposizione è spesso troppo poco e gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo.

Se però si parte con il piede giusto, anche il trasloco può rivelarsi un’esperienza piacevole e oggi vi diamo alcuni consigli per evitare che si trasformi in un vero e proprio incubo.

Fare una stima dei costi

Il primo passo da compiere quando si è alla prese con l’organizzazione del trasloco è quello di fare una stima dei costi, perché in tutti i casi una certa spesa deve essere messa sempre in preventivo.

Spesso e volentieri conviene affidarsi a dei professionisti perché impiegano molto meno tempo e le tariffe al giorno d’oggi sono effettivamente convenienti. Se vivete nella Capitale per esempio vi conviene chiedere dei preventivi perché ci sono ditte specializzate in traslochi a Roma che offrono un servizio eccellente a prezzi davvero vantaggiosi.

Se al contrario scegliete di arrangiarvi a fare tutto in autonomia, considerate la spesa relativa al noleggio di un furgone, all’eventuale necessità di un elevatore, a tutto il materiale per l’imballaggio. Questi sono costi che conviene avere ben presenti prima di iniziare, in modo da valutare se sia più conveniente affidarsi al fai da te o a una ditta specializzata.

Preparare una lista con le cose da fare

Preparare una lista che contenga tutte le cose da fare può rivelarsi molto utile durante il trasloco, perché sono davvero moltissime le faccende da sbrigare e si rischia di dimenticare qualcosa.

Le voci da inserire nella checklist sono le seguenti:
• disdire l’eventuale contratto di affitto (di norma va fatto con 3 mesi di preavviso)
• disdire tutti i contratti delle utenze (telefonica, energia elettrica, ecc.)
• preparare una valigia con gli oggetti e i vestiti da non imballare
• preparare gli scatoloni e gli imballaggi stanza per stanza
• valutare eventuali imprevisti (necessità di una piattaforma aerea, ecc.) e smontare i mobili
• smaltire tutti i rifiuti
• organizzare il trasporto di scatoloni e oggetti nella nuova casa.

Come organizzarsi durante l’imballaggio di vestiti e oggetti

Preparare gli scatoloni può sembrare semplice, ma non lo è affatto perché spesso si commettono degli errori dovuti alla fretta o a una scarsa organizzazione.

Per evitare di creare ancora più caos, conviene sempre procedere considerando una stanza alla volta e liberandola completamente prima di andare nella successiva. In tal modo ogni scatolone è organizzato in base ai vari ambienti e sarà anche molto più semplice rimettere tutto in ordine nella nuova abitazione.

Ricordate inoltre di preparare una valigia con i vestiti e gli oggetti che non vanno imballati perché vi serve averli a portata di mano nei giorni del trasloco e in quelli immediatamente successivi.

Considerare eventuali imprevisti

Durante un trasloco gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo quindi conviene sempre prevederli in modo da poterli affrontare nel modo giusto.

Controllate per esempio che tutti i mobili si possano smontare e che riescano a passare attraverso il vano scale. Se non dovesse essere così, vi servirà una piattaforma aerea.

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *