Come coltivare il limone in vaso

La pianta di limone può essere coltivata in vasi da disporre in terrazzo, in giardino o sui balconi, anche se in questo modo tende a emettere meno frutti. Pianta di…
Pianta di limone ©

La pianta di limone può essere coltivata in vasi da disporre in terrazzo, in giardino o sui balconi, anche se in questo modo tende a emettere meno frutti.

Pianta di limone ©
Pianta di limone ©

Coltivare il limone

Il limone è un frutto dotato di diverse proprietà benefiche:
favorisce la digestione
alla pari di tutti gli agrumi è ricco di vitamina C che aiuta l’organismo a prevenire malesseri come raffreddore e influenza.
Averne sempre di freschi a disposizione a casa può essere quindi molto vantaggioso.

La pianta di limone può essere coltivata con facilità in vasi, da disporre in terrazzo, in giardino o sui balconi. In linea generale, però, in questo modo tende a emettere meno frutti.

Con gli accorgimenti opportuni, si potranno comunque ottenere con poca fatica frutti freschi e profumati. Gli splendidi fiori bianchi che sbocciano in primavera e all’inizio dell’estate renderanno inoltre più bella la vostra casa.

Dal punto di vista climatico, il limone si adatta bene un po’ in tutta la Penisola, anche se nelle Regioni settentrionali il vaso richiede di essere spostato in posizione più riparata durante l’inverno.

Queste le varietà più adatte alla coltivazione in vaso:
• il limone lunario (detto anche quattro stagioni)
• la florentina (limone toscano)
• il limone salicifolia.

Quale vaso utilizzare per coltivare il limone? È preferibile non usare quelli in plastica, ma scegliere i vasi da giardino in pietra o in terracotta, per evitare che la pianta soffra.

Le dimensioni del vaso dovranno essere proporzionali a quelle della chioma, per cui per una pianta adulta un vaso potrà raggiungere il diametro di 80 cm.

Semina del limone in vaso

In genere, è preferibile acquistare i limoni già in vaso, perché partire dalla semina richiede molta pazienza.
Tuttavia, se preferite seminare direttamente la pianta, seguite queste indicazioni.

La temperatura ideale perché avvenga la germinazione si attesta intorno ai 15 gradi, quindi i mesi primaverili sono il periodo ideale.

Procuratevi un vaso di almeno 30 cm di diametro, riempitelo di terriccio e ponetelo su un sottovaso.
Interrate un seme e innaffiate regolarmente per aspettare la germogliazione.
Di solito, occorrono dalle 4 alle 6 settimane a seconda della temperatura esterna. Durante questo periodo è necessario mantenere umido il terriccio. A tale scopo può essere utile usare un vaporizzatore.

Non appena la piantina è germogliata, concimate il terreno, utilizzando un fertilizzante organico.

Durante la fase di crescita della pianta, procedete con innaffiature regolari avendo cura però di non esagerare per evitare i ristagni d’acqua nel terreno, che potrebbero compromettere la resistenza delle radici. Ricordate di svuotare sempre il sottovaso.

Quando la piantina ha raggiunto un’altezza di 15 – 20 cm, procedete con il rinvaso.

Il rinvaso del limone

La fase di rinvaso dovrà essere effettuata anche se avete acquistato la pianta direttamente in vaso, come avviene in tuti i casi in cui si acquista appunto una pianta in contenitore.

Tale fase è infatti fondamentale per le piante coltivate in questo modo, in quanto fornisce loro nuovo substrato e altri micronutrienti.

In particolare poi, quelle di agrumi in genere richiedono sempre un rinvaso periodico che consentirà loro di crescere rigogliose e sviluppare molti frutti.

Il rinvaso deve essere effettuato preferibilmente durante questi periodi:
• a maggio al Sud
• a giugno al Nord.

Successivamente, va effettuato:
• ogni 2 o 3 anni quando la piantina è ancora giovane
• ogni 4 anni quando è diventata abbastanza robusta.
Quindi, quando la pianta diventa adulta il rinvaso potrà essere più diradato.

A ogni rinvaso aggiungete nuovo terriccio e disponete sul fondo del contenitore uno strato di argilla espansa di almeno 3 cm. L’argilla è drenante e quindi evita la formazione di ristagni idrici e, allo stesso tempo, mantiene sufficientemente umido il terreno.

Al terriccio potrà essere aggiunta una parte di compost casalingo nella misura del 10%.

La fase di rinvaso terminerà quando si utilizzerà un contenitore di almeno 70 – 80 cm di diametro.

Dove posizionare il limone in vaso

Le piante di limone coltivate in vaso tendono a soffrire sia per la siccità sia per il freddo, per cui va studiato il loro corretto posizionamento durante l’anno.

Collocate il vaso in un luogo in cui ci sia aria umida e sia possibile ricevere la luce solare per almeno 6 – 8 ore in estate e 4 – 5 ore durante l’inverno.

Il vaso va posizionato in un luogo riparato dal vento, quindi di solito si tende a mettere i vasi a poca distanza dalle pareti perimetrali dell’edificio, lungo il lato più soleggiato.

Per proteggere il limone dal freddo e soprattutto dalle gelate, è sufficiente in inverno porre il vaso al riparo di una tettoia o, al massimo, spostarlo in un locale interno non riscaldato, come una taverna. Mai invece va riposto in un locale riscaldato, perché l’aria calda potrebbe seccare le foglie.

Se non è possibile spostare il vaso, provvedete con ripari provvisori come una copertura in tessuto non tessuto con cui ricoprire la chioma nelle ore del tardo pomeriggio e della notte.

Il trasferimento della pianta dall’interno all’esterno, o viceversa, dovrà comunque avvenire in maniera graduale, in modo che non subisca traumi.

Cure per il limone in vaso

Per garantire una buona crescita della pianta, durante la fioritura e la formazione dei primi frutti è necessario aumentare la frequenza di innaffiatura.

Al termine dell’inverno, è necessario provvedere alla potatura, in modo che la chioma possa assumere la forma desiderata e la pianta sia pronta a rigenerarsi all’inizio della primavera.
I rami secchi e spezzati vanno rimossi, mentre è sufficiente accorciare quelli irregolari.

La pianta va concimata almeno un paio di volte l’anno:
• quando spuntano i primi frutti piccoli e verdi oppure se vedete foglie dallo sviluppo ridotto, usate del concime a base di azoto
• se invece notate foglie gialle, aggiungete concime a base di ferro.

Malattie del limone in vaso

Il limone in vaso, così come tutte le piante per la cui irrigazione si utilizza acqua del rubinetto, può soffrire di clorosi ferrica. Questa malattia si manifesta con l’ingiallimento delle foglie.
I limoni temono particolarmente la clorosi, per cui andrebbero irrigati con acqua non calcarea.

Il parassita più insidioso per la pianta di limone è invece un fungo che fa ingiallire foglie e rami. Per curarla, è necessario potare i rami ed eliminare le foglie.

Un altro tipo di fungo colpisce invece la corteccia, generando formazioni gommose che possono estendersi fino alle radici.
Per eleminarlo, dovete rimuovere le parti colpite della corteccia e porre sulle ferite dei sali rameici.

Per sconfiggere invece le cocciniglie, è necessario rimuovere la patina che formano sui rami e passarci sopra dell’alcol con un batuffolo di cotone.




Iscriviti alla Newsletter

Potrebbe interessarti anche
Guarda gli ultimi video

Dello stesso argomento

4 Commenti. Nuovo commento

  • BARBERIS LORENZO
    6 Luglio 2019 11:35

    i frutti piccoli diventano neri quale è la causa

    Rispondi
  • Rosanna Brescia
    3 Giugno 2018 17:58

    il mio limone che ho sul balcone si sta ammalando. Su molte foglie ha dei fitti puntini neri e alcune foglie stanno ingiallendo. l’anno scorso ha fruttato molti limoni, quest’anno ci sono si, ma pochi. E’ sufficiente lavare foglie con l’alcol oppure devo fare altro? Grazie.

    Rispondi
    • arch. Carmen Granata
      4 Giugno 2018 12:31

      Non dovrebbe essere cocciniglia, ma fumaggine. Quindi deve cercare un rimedio specifico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu