Ecobonus 100% e sconto in fattura contro il Coronavirus

Ecobonus 100% e sconto in fattura: queste le misure, annunciate dal ministro Patuanelli, per contrastare i devastanti effetti del Coronavirus sull’economia.

Ecobonus 100%

Ecobonus 100%

Ecobonus 100% per rilanciare l’economia in crisi

Tra le più drammatiche conseguenze dell’epidemia da Coronavirus ci sono senz’altro i devastanti effetti sull’economia, che si stanno già facendo sentire, sommandosi alla già critica situazione globale.
Il virus, insomma, si è rivelato pericolosissimo non solo per la salute, ma anche per le attività economiche.

Nel tentativo di porre rimedio, il Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli ha annunciato nei giorni scorsi l’avvio di una serie di misure di contrasto.

Per quanto riguarda il settore edile, in particolare, ha suscitato molto interesse la proposta di un ecobonus 100% per la riqualificazione energetica degli edifici.

Ecobonus 100%: in cosa consiste?

L’ecobonus, come è noto, presenta oggi differenti aliquote di detrazione:
• 65%, l’aliquota più alta, per interventi come la riqualificazione energetica globale o l’installazione di pannelli solari termici
• 50% per altri interventi, come ad esempio la sostituzione degli infissi
• 70% o 75% per interventi in condominio.

Questi incentivi fiscali, negli scorsi anni, hanno contribuito a tenere in piedi tutto il sistema del settore dell’edilizia, molto importante in Italia, ma in forte crisi già da anni.

L’elevazione dell’aliquota fino alla possibilità di detrarre l’intera spesa destinata agli interventi di efficientamento energetico potrebbe quindi contribuire a incentivare ulteriormente i cittadini a effettuarli.

Allo studio, c’è anche un allargamento dell’orizzonte temporale degli incentivi, che, da annuale, potrebbe essere portato a diventare triennale.

In ogni caso, l’incentivo ecobonus 100%, pensato per rispondere alle ricadute economiche dell’emergenza COVID – 19, in base a quanto annunciato, dovrebbe essere applicato non solo nelle cosiddette zone rosse, ma su tutto il nostro territorio nazionale.

Non solo ecobonus 100%, ma anche ritorno dello sconto in fattura

Il Ministro Patuanelli, in una intervista al Sole24Ore dello scorso 3 marzo, ha parlato anche di una possibile reintroduzione dello sconto in fattura.

Grande novità del 2019, lo sconto è poi stato abrogato dall’ultima Legge di Bilancio, con l’eccezione degli interventi in condominio di importo superiore ai 200.000 euro, risultando così fortemente ridimensionato.

Si sta pensando quindi a una sua reintroduzione, che non sia però penalizzante per le piccole imprese che possono contare su una scarsa liquidità, motivo che aveva portato alla cancellazione.

Per ovviare quindi alla possibile resistenza da parte di queste realtà imprenditoriali, il Ministro ha già annunciato l’introduzione di misure opportunamente calibrate per non incidere negativamente sulla loro liquidità.

Ecobonus 100%: non si tratta di una novità assoluta

Ma perché si è pensato di intervenire proprio su questo bonus, per aiutare il settore edilizio e immobiliare?
In effetti, un incremento del bonus destinato agli interventi di riqualificazione degli edifici esistenti non rappresenta una novità assoluta, ma era già in programma.

Già nella prima bozza del disegno di legge sul Green New Deal, infatti, è contenuta la proposta di incrementare l’aliquota di detrazione dell’ecobonus all’80%.

Il Green New Deal è un fondo verde stanziato dal Governo italiano per incentivare gli investimenti sostenibili, in attuazione del Green Deal Europeo, approvato lo scorso 14 gennaio.

Resta però un grosso problema da superare: la mancanza, da parte di molti contribuenti, di soldi da investire. Ed è proprio per superare questo scoglio che si è pensato, in parallelo, al rispristino dello sconto in fattura.

Ci saranno sicuramente aggiornamenti nelle prossime ore, per cui, per essere informati in tempo reale su questo argomento, seguite le mie pagine Facebook e Twitter.

Foto di 990609 da Pixabay





Facebooktwitterpinterestlinkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *