La notifica preliminare ASL per lavori edilizi

La notifica preliminare ASL è uno degli adempimenti più importanti in edilizia, per il rispetto degli obblighi in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Notifica preliminare ASL

Notifica preliminare ASL

Cos’è la notifica preliminare ASL?

La notifica preliminare ASL è uno degli adempimenti più importanti in edilizia per quanto concerne il rispetto degli obblighi previsti dalla normativa vigente in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro.

La legge di riferimento è il Testo unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, ovvero il d. Lgs 81 del 2008.

In particolare, l’art. 99 del Testo Unico prescrive che prima dell’inizio dei lavori edili tale notifica sia inviata a:
• Azienda sanitaria locale
• Direzione provinciale del lavoro territorialmente competente (oggi Ispettorato territoriale)
• Amministrazione concedente (il Comune).
La recente legge 132/2018 ha introdotto l’obbligo di invio della notifica anche al Prefetto unicamente per i lavori pubblici, per cui non dovrete tenerne conto per i lavori della vostra casa.

Soggetto tenuto ad assolvere tale adempimento può essere:
• il committente dei lavori
• il responsabile dei lavori.

Ma chi è il responsabile dei lavori? Si tratta del soggetto che può essere incaricato dal committente per svolgere i compiti previsti dal decreto sulla sicurezza. Una figura, quindi, facoltativa, eventuale e non obbligatoria, che in alcuni casi può coincidere con il direttore dei lavori, ma sempre se formalmente incaricato.

In caso contrario, è il committente stesso ad assumere il ruolo di responsabile dei lavori, a dover farsi carico degli adempimenti previsti e ad assumersi tutte le responsabilità conseguenti.
Si tratta di un aspetto molto importante perché, se non avete nominato un responsabile dei lavori per il vostro cantiere, dovete conoscere bene le norme per non incorrere in problemi.

Cominciamo appunto esaminando gli aspetti relativi alla notifica preliminare.
Ricordate, tra l’altro, che si tratta di uno degli adempimenti fondamentali per non perdere le detrazioni per ristrutturazione e riqualificazione energetica di edifici esistenti.

Quando è necessaria la notifica preliminare ASL?

Non tutti i lavori edilizi sono soggetti a notifica preliminare ASL, ma solo quelli per i quali ricorrono particolari condizioni.

La notifica si deve infatti trasmettere per i cantieri:
• in cui è prevista la presenza, anche non contemporanea, di più di una impresa
• in cui è prevista la presenza di una sola impresa, ma la durata presunta dei lavori è superiore a 200 uomini/giorno
• inizialmente non soggetti all’obbligo ma che vi ricadono in un secondo momento per effetto di varianti in corso d’opera.

Quest’ultimo caso si verifica, ad esempio, quando inizialmente è previsto l’intervento di una sola ditta ma, in corso d’opera, si rende necessario l’intervento di una seconda per lavori non previsti.

Nel primo e nel terzo caso sarà necessario nominare anche un coordinatore per la progettazione. Si tratta di una figura professionale (architetto, ingegnere o geometra) specificamente abilitata a tale ruolo.
Può trattarsi anche dello stesso progettista o direttore dei lavori, purché naturalmente abbia acquisito l’abilitazione, dimostrabile con l’attestato di frequenza a un corso obbligatorio.

Esempi pratici

Facciamo qualche esempio di situazioni in cui è necessario presentare la notifica.
Il caso più semplice è quello in cui in cantiere interviene la ditta che esegue i lavori di muratura e, più o meno contemporaneamente, le imprese installatrici degli impianti.

Un caso meno immediato invece è quello in cui, dopo aver concluso i lavori edilizi, arriva in cantiere la ditta da cui avete acquistato le porte interne. Ebbene, anche in questo caso si tratta di un’impresa operante in cantiere, anche se dopo che quella principale ha ultimato il suo intervento, per cui la notifica va inviata.

Faccio un altro esempio in cui spesso non si pensa all’intervento di più imprese. Rifacimento di una facciata condominiale: i lavori sono eseguiti da una sola impresa; se però i ponteggi sono montati e rimossi da un’altra ditta, ad esempio quella fornitrice, le imprese presenti diventano due e quindi la notifica è obbligatoria.

Cosa si intende invece per uomini/giorno? Si tratta di un parametro usato per misurare la durata presunta di un cantiere temporaneo e rappresenta la media giornaliera dei lavoratori che approssimativamente interverranno nell’esecuzione dell’opera, moltiplicata per i giorni necessari per realizzarla.

Così, se per realizzare un solaio di 100 metri quadri si presuppone che serviranno 3 operai in grado di realizzare 20 mq al giorno, per completare il solaio occorreranno 5 giorni e la durata del cantiere sarà di 15 uomini/giorno.

U/g = 3 x 5 giorni = 15

Contenuto della notifica preliminare ASL

L’Allegato XII del d. Lgs 81/08 ha reso molto più semplice la compilazione della notifica preliminare ASL, individuando una sorta di check list con tutte le informazioni necessarie.

La notifica deve quindi contenere i seguenti dati:
• data della comunicazione
• indirizzo del cantiere
• generalità del committente
• natura dell’opera
• responsabile dei lavori
• coordinatore per la sicurezza durante la progettazione dell’opera
• coordinatore per la sicurezza durante la realizzazione dell’opera
• data presunta di inizio dei lavori in cantiere
• durata presunta dei lavori in cantiere
• numero massimo presunto dei lavoratori in cantiere
• numero previsto di imprese e di lavoratori autonomi in cantiere
• identificazione, codice fiscale o partita IVA, delle imprese già selezionate
• ammontare complessivo presunto dei lavori.

Dei soggetti coinvolti bisognerà inserire tutti i dati anagrafici, quindi nome, cognome, indirizzo e codice fiscale (o partita IVA).

Oltre a questi dati è consigliabile inserire anche gli estremi del titolo abilitativo e i nominativi del progettista e del direttore dei lavori.

Come si consegna la notifica preliminare ASL?

La notifica preliminare ASL deve essere tassativamente consegnata prima dell’inizio dei lavori. Fa eccezione il solo caso in cui intervenga una seconda ditta inizialmente non prevista.

Le modalità di trasmissione variano da Regione a Regione, ma in genere è possibile procedere:
• con consegna di persona a mano
• tramite posta ordinaria, con raccomandata con avviso di ricevimento
• mediante posta elettronica certificata.

In alcune Regioni è obbligatorio l’invio telematico e l’utilizzo della firma digitale. A tale proposito, gli enti coinvolti sono provvisti di apposito portale con modulistica compilabile on line.

La notifica deve essere inviata a:
ASL competente di zona
Ispettorato territoriale del Lavoro
Sportello Unico per l’Edilizia del Comune o ufficio corrispondente.

In quest’ultimo caso, in genere, la notifica è allegata alla pratica necessaria per dare l’avvio ai lavori.

Una copia della notifica deve essere affissa in maniera visibile in cantiere e custodita per poter essere esibita in caso di eventuali controlli da parte dell’autorità di vigilanza competente.

(Prima pubblicazione 5 agosto 2016)

photo credit: Workin’ class hero (DSC_3657) via photopin (license)




Facebooktwitterpinterestlinkedin

159 commenti

← Precedente pagina 4 di 4
  1. Carolina Giacobbe

    Buongiorno, ho un caso di manutenzione ordinaria con la presenza di 4 imprese, il Comune mi dice che non è obbligatoria alcuna comunicazione di inizio lavori, ma per quanto riguarda la sicurezza? è possibile presentare la notifica preliminare senza una pratica edilizia? e redigere il PSC?
    Grazie

    • arch. Carmen Granata

      Le prescrizioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro non dipendono dalla pratica edilizia. Quindi, certamente sì.

  2. Paolo

    Buonasera, avrei un dubbio legato alla presentazione o meno della notifica preliminare. Devo realizzare un nuovo bagno (impianti compresi) e il comune mi dice che posso procedere in edilizia libera. Avendo in canitiere tre imprese INDIVIDUALI, senza dipendenti, (elettricista, idraulico e piastrellista) e un’unica IMPRESA (posatori di pvc) con dipendenti, devo presentare la notifica alla azienda sanitaria? Il dubbio nasce anche dal fatto che vorrei usufruire della detrazione del 50% e del bonus mobili. Ringraziandola anticipatamente le porgo cordiali saluti.

    • arch. Carmen Granata

      Mi sembra davvero strano che il comune consideri la realizzazione di un nuovo bagno AEL…. Cmq la notifica va fatta perchè le imprese sono più di una, non importa se individuali.

  3. Raf

    Buonasera,
    vorrei chiederLe come si può fare il calcolo uomini/giorno. Per avere la certezza di non incorrere in errore per la determinazione uomini giorno, esiste un calcolo da seguire? Se facessero un controllo e volessero contestare il calcolo degli uomini giorno, quale iter seguirebbero? L’esempio è quella di un’unica impresa in cantiere che effettua tutti i lavori, quindi notifica ASL non prevista in quanto uomini/giorno < 200 . Ma come potrebbero contestare tale dato?
    Grazie. Un cordiale saluto.

  4. Marco

    Salve, stiamo chiudendo una Scia di completamento, per la quale verrà emessa una unica fattura alla ditta che ha effettuato intonaci e pavimentazioni, impianto elettrico, e montaggio finestre.
    Una volta chiusa la scia, ed effettuato l’accatastamento e agibilità, si può considerare il cantiere chiuso e decaduta la necessità di comunicazioni alla ASL se successivamente dovrò far montare inferriate e persiane da un’altra ditta?

  5. Alex

    Buonasera,
    Ad un certo punto scrivete:
    “… Oltre a questi dati è consigliabile inserire anche gli estremi del titolo abilitativo…”.
    Ma se la notifica è preliminare non è molto probabile che sia antecedente al titolo stesso? È anzi più facile presentare la comunicazione con la cila o scia, e inoltre non sarebbe comunque consigliabile per qualsiasi possibile contestazione futura sulla reale cronologia delle operazioni?
    Grazie

    • arch. Carmen Granata

      La notifica è preliminare all’inizio dei lavori, non al titolo autorizzativo.
      Certamente nel caso di Cila è Scia è consigliabile presentarla contestualmente, soprattutto se i lavori inizeranno effettivamente al momento della presentazione.

  6. Marco

    Buonasera Arch.,
    vorrei porle gentilmente il mio questito:
    dovrei iniziare i lavori di ristrutturazione che consisteranno nella demolizione di un tramezzo + sostituzione impianto elettrico + sostituzione sanitari bagno.
    I lavori saranno eseguiti da muratore + elettricista + idraulico tutti e 3 figuranti nella visura camerale come ditta individuale e senza dipendenti.
    Mi hanno comunicato tutti che non c’è bisogno di PSC e pertanto di notifica preliminare.
    E’ corretto?
    grazie anticipatamente

    • arch. Carmen Granata

      A mio avviso non è corretto. Si tratta comunque di ditta individuale, concetto diverso da lavoratore autonomo.

  7. Marina

    Ho eseguito lavori di manutenzione straordinaria in un appartamento, prevedendo di beneficiare delle detrazioni fiscali per tali lavori pagando sempre con bonifico e allegando le relative fatture. A lavori quasi conclusi mi sono accorta che il tecnico ha dimenticato di inviare la comunicazione preliminare all’ASL, tuttavia nel mio cantiere il muratore è impresa individuale, così pure l’idraulico e il serramentista, solo l’elettricista è una società con diversi dipendenti. In questi casi la comunicazione all’ASL era davvero obbligatoria? L’impresa individuale o ditta individuale sono equiparate alle imprese? Eventualmente potrei sanare l’omissione con la remissione in bonis?

    • arch. Carmen Granata

      La ditta individuale è equiparata all’impresa, quindi la notifica era necessaria.
      La remissione in bonis è un provvedimento che potrebbe sanare gli aspetti fiscali (deve però verificare con l’AdE), ma ciò non la sottrae dalle sanzioni per la mancata ottemperanza al d. lgs 81/08 per gli aspetti prettamente edilizi.

    • Mauro

      Per completezza: la notificava andava effettuata qualora, oltre all’elettricista, anche solo una delle altre ditte individuali ha dipendenti.

    • arch. Carmen Granata

      La ditta individuale è equiparata a impresa anche se non ha dipendenti. La notifica non va fatta solo se c’è una sola impresa e n lavoratori autonomi “reali” (nel senso che anche i lavoratori autonomi possono avvalersi di collaboratori, servirsi delle attrezzature di un’altra impresa, ecc.).

    • Mauro

      A mio parere, dal punto di vista del committente dei lavori, per le imprese che lavorano in cantiere vale quanto riportato sui certificati camerali.
      Quindi, sempre a mio parere, per le ditte individuali che hanno operato in questa manutenzione straordinaria, occorre verificare quanto è riportato alla sezione addetti dei certificati camerali.
      Se nella sezione addetti è indicato il solo titolare della ditta individuale l’unica impresa da “calcolare” per l’invio della notifica ASL è l’impresa dell’elettricista.

    • arch. Carmen Granata

      La questione è molto delicata. Le ho fatto l’esempio del lavoratore autonomo che non ha proprie attrezzature o dpi e si serve di quelli di una ditta presente in cantiere. Anche in questo caso c’è bisogno di notifica, coordinamento della sicurezza, ecc., anche se, sulla base dei documenti non sarebbe necessario. Mi sono confrontata con vari avvocati e abbiamo convenuto che sono veramente rari i casi in cui abbiamo veri lavoratori autonomi.
      Per mia esperienza da architetto le posso poi dire che è praticamente impossibile che un serramentista lavori da solo e molto raro che possa farlo un idraulico.

  8. alessandro

    Buonasera Architetto, una domanda importante,…
    Mi hanno consegnato la ricevuta inviata all’asl.. C’è scritto data presunta lavori il 31/05/2019… però il numero protocollo è del 07/06/2019… Vale lo stesso…. perchè è data presunta dei lavori.. o invece rischio di perdere le detrazioni? Grazie mille in anticipo

    • arch. Carmen Granata

      Se si presenta una notifica il 7 luglio, non si può indicare come data “presunta” il 5 maggio!
      Delle due l’una: o i lavori sono veramente iniziati prima del 7, allora si è in difetto per la presentazione tardiva; oppure se non si sa esattamente quando inizieranno i lavori, si indica una data presunta, ma ovviamente posteriore.

  9. Stefano

    Salve, Arch.
    in merito alle superfici di aerazione e ventilazione dei locali di una civile abitazione può essere considerata nel computo anche la porta di ingresso nel caso sia costituita da componente vetrato? Grazie.

    • arch. Carmen Granata

      Di solito sì, ma le consiglio cmq di verificare sul R. E. le modalità di calcolo.

  10. rosa

    buongiorno, siamo un condominio minimo dobbiamo effettuare lavori di manutenzione ordinaria (rifacimento intonaci, tinteggiatura pareti e ripristino parapetti faccia a vista). desidero sapere se dobbiamo presentare la CILA e se possiamo beneficiare della detrazione 50%. grazie

    • arch. Carmen Granata

      Se davvero è m.o. non è necessaria la Cila. Le opere sono cmq detraibili in condominio.

  11. Stefano

    Ok, grazie. Gli adempimenti previsti per l’intervento (Notifica ASL, Certificato analisi rifiuto, ecc.) saranno eseguiti dalla ditta autorizzata incaricata dello smaltimento.
    Inoltre, volevo chiederle se per usufruire dell’IVA agevolata al 10% è necessario produrre qualche dichiarazione e/o documentazione da parte della ditta o del committente.

  12. Stefano

    Salve, Arch.
    nei prossimi mesi dovrei avviare i lavori di ristrutturazione di una civile abitazione con la relativa presentazione della pratica di autorizzazione.
    Nel frattempo, intendo fare smaltire, da ditta autorizzata, delle lastre di amianto presenti nella stessa abitazione.
    Per quest’ultimo, è possibile usufruire delle detrazioni anche se l’intervento è eseguito prima dell’avvio dell’intervento di ristrutturazione? Grazie.

    • arch. Carmen Granata

      Certo. Ovviamente rispettando tutti gli adempimenti previsti, quindi pratica urbanistica, piano di lavoro, ecc. Consideri che per la parte burocratica può volerci un po’ di tempo, per cui alla fine potrebbe convenirle fare una sola pratica autorizzativa per tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *